Vaccini Lazio, open week Astrazeneca, largo ai 18enni: «Poi restano le fasce d’età». Come si prenota

Lazio, vaccino Astrazeneca, Open week, largo ai 18enni: «Poi restano le fasce d età». Come si prenota
di Lorenzo De Cicco e Camilla Mozzetti
3 Minuti di Lettura
Venerdì 28 Maggio 2021, 22:07 - Ultimo aggiornamento: 30 Maggio, 10:37

Il Lazio prepara l’open week del vaccino AstraZeneca: dal 2 al 6 giugno i medici degli hub caricheranno 50 mila siringhe con altrettante dosi avanzate del siero anglo-svedese. Per la prima volta le prenotazioni saranno aperte a tutti, dai 18 anni in su. Poi però rimarrà il sistema delle fasce d’età, per le prenotazioni ordinarie. Da ieri pomeriggio si susseguono le indiscrezioni sulla circolare che sta per firmare il commissario dell’emergenza, Francesco Figliuolo. Il provvedimento permetterà alle Regioni di somministrare il vaccino anti-Covid a tutti, mandando in soffitta le ripartizioni anagrafiche sin qui in vigore. Ma non è un obbligo. L’assessore alla Sanità di Zingaretti, Alessio D’Amato, si mantiene cauto. E spiega che nel Lazio «non sarà così».

C’è al solito un problema di forniture in arrivo. La Pisana ha appena finito i calcoli e ha scoperto che, a dispetto delle previsioni, a giugno si ritroverà con meno dosi rispetto a quelle arrivate a maggio. Una doccia gelata. Così non è pensabile aprire le prenotazioni per tutti indistintamente. «Via le fasce d’età dal 3 giugno? Per noi non è cambiato nulla - risponde D’Amato - a parte il fatto che ad oggi per giugno sono previste meno dosi di maggio». Il saldo negativo, spiega sempre il regista della campagna anti-Covid del Lazio, segna -40mila fiale, sempre se non arriveranno altre brutte notizie nei prossimi giorni. Ecco perché la linea resta quella annunciata dall’assessore due giorni fa in un’intervista al Messaggero: «Nella prima metà di giugno apriremo le vaccinazioni agli over 30: procederemo con 5 classi d’età per volta, prima la fascia 39-35, poi verso metà mese i 34-30enni. Nella seconda metà, toccherà a tutti dai 18 anni in su». E questo resta il piano, per ora.


Da due giorni intanto sono aperte le prenotazioni per i maturandi, che riceveranno una dose Pfizer dal primo al 3 giugno, in vista dell’esame di Stato. In poco più di 24 ore si è superata quota 40 mila appuntamenti, sui 52 mila messi a disposizione dalla Pisana. Da ieri poi gli slot sul portale SaluteLazio sono stati aperti anche agli studenti che dovranno conseguire il titolo professionale negli istituti di formazione regionali.


MINORENNI DAI PEDIATRI
Novità in vista per i minorenni: col via libera dell’Ema al vaccino Pfizer per la fascia 12-15 anni, il Lazio è pronto ad aprire le prenotazioni dai pediatri. Quando? Da metà giugno. «Dobbiamo farci trovare pronti», ha detto D’Amato ieri sera nella call con i direttori generali delle Asl. Secondo la Fimp (federazione medici pediatri), in città sono pronti ad aderire alla campagna oltre 650 dottori. L’idea è di cominciare con le iniezioni a luglio, in modo da immunizzare il grosso degli studenti in tempo per la ripresa delle lezioni a settembre. Perché dal prossimo anno scolastico, come si è augurato il provveditore Rocco Pinneri, sarà archiviata la Dad.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA