Vaccini, distrutte 15 milioni di dosi di Johnson & Johnson negli Usa: «Errore umano nello stabilimento»

Vaccini, distrutte 15 milioni di dosi di Johnson & Johnson negli Usa: «Errore umano nello stabilimento»
3 Minuti di Lettura
Giovedì 1 Aprile 2021, 06:14 - Ultimo aggiornamento: 2 Aprile, 09:18

Errori, ritardi e accuse. Un errore umano nella lavorazione rovina circa 15 milioni di dosi di vaccino Johnson & Johnson contro il Covid-19 negli Stati Uniti. Lo riporta il New York Times che racconta di quanto accaduto in uno stabilimento di Baltimora, nel Maryland.

Vaccini, Pfizer: «Efficacia del 100% nella fascia d'età tra i 12 e i 15 anni». Via ai test su bimbi 2-5 anni

«I lavoratori - riporta il quotidiano - hanno accidentalmente fuso gli ingredienti dei vaccini diverse settimane fa, rovinando circa 15 milioni di dosi del vaccino di Johnson & Johnson e costringendo le autorità di regolamentazione a ritardare l'autorizzazione delle linee di produzione dell'impianto».

«L'impianto è gestito da Emergent BioSolutions, un partner di produzione sia di Johnson & Johnson sia di AstraZeneca. I funzionari federali hanno attribuito l'errore all'errore umano», sottolinea il New York Times. Le consegne di decine di milioni di dosi del vaccino J&J, che nel prossimo mese dovevano partire proprio dallo stabilimento di Baltimora, sono adesso a rischio. E sono previsti ritardi nelle spedizioni.

AstraZeneca, cosa significa Vaxzevria? Nodo "trombi", il nuovo bugiardino e i Paesi che lo bocciano

L'amministrazione di Joe Biden è fiduciosa: ritiene ancora a portata di mano l'obiettivo dei 200 milioni di dosi di vaccini nei primi 100 giorni alla Casa Bianca nonostante le difficoltà di Johnson & Johnson nell'impianto Emergent BioSolutions di Baltimora. Lo riporta l'agenzia Bloomberg, citando alcune fonti.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA