Vaccino ai 12-15enni, Bassetti: «I miei figli l'hanno fatto, i benefici superano i rischi»

Vaccino ai 12-15enni, Bassetti: «I miei figli l'hanno fatto, i benefici superano i rischi»
2 Minuti di Lettura
Sabato 4 Settembre 2021, 12:03 - Ultimo aggiornamento: 16:59

«Gli inglesi hanno preso questa decisione di non raccomandarlo, ma per quanto riguarda l'Europa il vaccino è approvato dall'Ema dagli over 12. I benefici per i ragazzi tra 12-15 anni sono superiori ai rischi, io ho vaccinato i miei figli. Le principali società scientifiche dei pediatri raccomandano di fare il vaccino in questa fascia d'età adolescenziale. Rimango della posizione che i vaccini anti-Covid vanno raccomandati anche per 12-15 anni». Lo evidenzia all'Adnkronos Salute Matteo Bassetti, direttore del reparto di Malattie infettive all'ospedale San Martino di Genova, commentando la scelta della Gran Bretagna di non optare per la vaccinazione di massa per i ragazzi tra i 12 e 15 anni.

Gran Bretagna, oltre 40 mila casi in 24 ore. Gli esperti frenano sul vaccino per gli under 16

«C'è un report dei Cdc che sottolinea come il rischio di pericardite e di miocardite negli adolescenti che sono colpiti dal Covid è 30 volte superiore al rischio di fare pericardite o miocardite se si è immunizzato. Quindi - conclude Bassetti - mi pare un dato abbastanza incontrovertibile. I rischi sono minori rispetto ai benefici».

© RIPRODUZIONE RISERVATA