Vaccini e trombosi rare, Ema: «Diminuite le morti dopo la somministrazione di AstraZeneca e J&J»

Vaccini e trombosi rare, Ema: «Diminuite le morti dopo la somministrazione di AstraZeneca e J&J»
2 Minuti di Lettura

Le trombosi sono uno dei maggiori motivi di preoccupazione per i vaccini e a tal proposito si è espresso Georgy Genov, responsabile della Farmacovigilanza dell'Ema, spiegando che nei fatti c'è poco da temere. Genov ha detto, durante una conferenza, che il rischio di trombosi rare associate a bassi livelli di piastrine è stato segnalato dopo la vaccinazione anti-Covid con AstraZeneca e Janssen: per il vaccino J&J, in Europa, è stato segnalato solo un possibile caso ma per quello AstraZeneca ci sono molte più segnalazioni, complice il fatto che la maggior parte degli europei si siano vaccinati con il prodotto anglo-svedese.

AstraZeneca, morta conduttrice Bbc Lisa Shaw dopo aver fatto il vaccino: aveva 44 anni

AstraZeneca, la Procura di Gela chiude l'indagine dell'insegnante morta dopo il vaccino: «Nessuna correlazione»

 

 

I dati sugli eventi rari

«E' importante notare che la frequenza di questi eventi rari non è cambiata - sottolinea Genov -, si tratta infatti approssimativamente di un caso su 100mila». A ciò si deve aggiungere poi un'altra osservazione secondo Genov: il tasso di letalità è sceso, ciò indicherebbe che la consapevolezza delle persone vaccinate e la capacità dei medici nel trattare questi eventi può aver contribuito ad una riduzione.

Effetti collaterali vaccino Astrazeneca, ricercatori scoprono la causa delle trombosi: «Sappiamo anche come evitarle»

 

Venerdì 28 Maggio 2021, 18:37 - Ultimo aggiornamento: 18:38
© RIPRODUZIONE RISERVATA