Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Salmonella nei bambini, centinaia di casi in tutta Europa legati alla cioccolata. Ecdc: «Evolve rapidamente»

Salmonella nei bambini, centinaia di casi in tutta Europa legati alla cioccolata. Ecdc: «Evolve rapidamente»
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 6 Aprile 2022, 19:02 - Ultimo aggiornamento: 7 Aprile, 19:34

Il caso della Salmonella Typhimurium monofasica contratta probabilmente dal consumo di prodotti a base di cioccolato «sta evolvendo rapidamente in sette Paesi della Ue e dello Spazio economico europeo oltrechè nel Regno Unito». Lo indica l'Agenzia europea per il controllo delle malattie (Ecdc) on una nota. A ieri sono stati segnalati 134 casi, principalmente tra bambini di età inferiore a 10 anni. Il primo caso è stato identificato nel Regno Unito il 7 gennaio 2022. Dal 17 febbraio 2022 sono stati identificati casi anche altrove in Europa.

Salmonella, diffusione nei bambini

La diffusione dei casi è caratterizzata da una percentuale insolitamente alta di bambini ricoverati in ospedale, alcuni con sintomi clinici gravi come diarrea sanguinolenta. Sulla base di interviste con pazienti e studi epidemiologici analitici iniziali, sono stati identificati specifici prodotti a base di cioccolato come la probabile via di infezione.

I Paesi interessati

I Paesi in questione sono Francia, Germania, Irlanda, Lussemburgo, Olanda, Norvegia, Svezia e Regno Unito. L'Ecdc indica che «ulteriori indagini sono in corso da parte delle autorità della salute pubblica e della sicurezza alimentare nei Paesi in cui vengono segnalati casi per identificare la causa e l'entità della contaminazione e garantire che i prodotti contaminati non vengano immessi sul mercato»

© RIPRODUZIONE RISERVATA