Covid, più reinfezioni tra no vax e donne 4 mesi dopo la dose di vaccino. I dati dell'Iss

Tasso stabile, ora al 3,4%. Rischio più alto fra donne

Covid, più reinfezioni tra no vax e donne 4 mesi dopo la dose di vaccino. I dati dell'Iss
3 Minuti di Lettura
Sabato 26 Marzo 2022, 10:27

Covid, le reinfezioni colpiscono prettamente i non vaccinati o quattro mesi dopo l'ultima dose. Dal 24 agosto 2021 al 23 marzo 2022 sono stati segnalati 282.654 casi di reinfezione, pari a 3% del totale dei casi notificati. Nell'ultima settimana la percentuale di reinfezioni sul totale dei casi segnalati è pari a 3,4%, stabile rispetto alla settimana precedente. Lo riferisce il report esteso dell'Iss sull'andamento del Covid in Italia. Il rischio di reinfezione a partire dal 6 dicembre 2021 (inizio della diffusione della variante Omicron), segna l'aumento del rischio di reinfezione in chi non ha il vaccino, in chi aveva avuto una prima diagnosi da oltre 210 giorni, in chi ha avuto almeno una dose da oltre 120 giorni, nelle donne.

Nuovo decreto Covid, dal Green pass allo smart working: tutte le novità a partire dal 1° aprile

Il rapporto dell'Iss

Il tasso di ricoveri in terapia intensiva nel periodo 4/2/2022-6/3/2022 per i non vaccinati, recita inoltre il report,  è 4 volte più alto rispetto ai vaccinati con ciclo completo da meno di 120 giorni e circa 11 volte più alto rispetto ai vaccinati con dose aggiuntiva/booster. Il tasso di mortalità nel periodo 28 gennaio 2022-27 febbraio 2022, per i non vaccinati è circa 4 volte più alto rispetto ai vaccinati con ciclo completo da meno di 120 giorni e circa quattordici volte più alto rispetto ai vaccinati con dose aggiuntiva/booster.

 

L'efficacia del vaccino nel periodo di prevalenza Omicron (a partire dal 3 gennaio 2022) nel prevenire la diagnosi di infezione da SARS-CoV-2 è pari al 50% entro 90 giorni dal completamento del ciclo vaccinale, 42% tra i 91 e 120 giorni, e 48% oltre 120 giorni dal completamento del ciclo vaccinale o pari al 70% nei soggetti vaccinati con dose aggiuntiva/booster Nel prevenire casi di malattia severa è pari a 73% nei vaccinati con ciclo completo da meno di 90 giorni, 76% nei vaccinati con ciclo completo da 91 e 120 giorni, e 76% nei vaccinati che hanno completato il ciclo vaccinale da oltre 120 giorni, pari al 91% nei soggetti vaccinati con dose aggiuntiva/booster. Nella fascia 5-11 anni, in cui la vaccinazione è iniziata il 16 dicembre 2021, al 23 marzo 2022 si registra una copertura con una dose pari a 3,9% e con due dosi pari a 33,2%.

© RIPRODUZIONE RISERVATA