Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Quarantena solo per positivi e no vax? Bassetti: «Cambiamo le regole, chi è vaccinato ha poco più di un raffreddore»

Quarantena solo per positivi e no vax? Bassetti: «Cambiamo le regole, chi è vaccinato ha poco più di un raffreddore»
3 Minuti di Lettura
Lunedì 27 Dicembre 2021, 12:40 - Ultimo aggiornamento: 13:15

Basta con la quarantena delle persone entrate in contatto con un positivo. E' quanto suggerisce Matteo Bassetti, direttore delle Malattie Infettive dell'area metropolitana genovese. «Abbiamo oltre 50mila casi al giorno - dice al Secolo XIX -  diventeranno molti di più, finiamola con il tracciamento e le quarantene dei contatti. Chi è malato deve stare a casa e dobbiamo finire con il tracciamento. Non possiamo continuare a mettere in quarantena e in isolamento forzato decine di persone (i contatti) per ogni tampone positivo».

«Deve cambiare tutto, non possiamo contrastare il Covid di dicembre 2021 con gli strumenti normativi del dicembre 2020 - dice - più dell'80% degli italiani è vaccinato e per loro il Covid, oggi, è poco più che un brutto raffreddore».

Tampone rapido, quando e perché può dare falsi negativi. Nei primi giorni dell'infezione non identifica il virus

Le regole

Ad oggi va in quarantena solo chi ha avuto "contatti stretti" (la definizione è del governo) con un contagiato. Il ministero della Salute ha fissato regole chiarissime: chi è stato vicino a un contagiato deve stare in quarantena per 7 giorni se è stato vaccinato con la seconda dose e 10 giorni in tutti gli altri casi. Trascorso questo periodo è necessario eseguire un test molecolare o anti-genico per poter tornare al lavoro o comunque uscire di casa senza restrizioni.

«Oggi», con Omicron che corre e i contagi Covid che si moltiplicano, «avere in quarantena tutti i contatti» delle persone positive «significa veramente chiudere la società e il mondo lavorativo. Non credo che possiamo permettercelo», ammonisce la microbiologa Maria Rita Gismondo, convinta che sia «necessario rivedere i protocolli come stanno facendo per esempio in Sudafrica». È tanto più necessario anche pensando che, a un anno dalla prima vaccinazione nel V-Day del 27 dicembre 2020, «la situazione attuale è assolutamente diversa da quella che abbiamo vissuto negli ultimi 2 anni», sottolinea all'Adnkronos Salute la direttrice del Laboratorio di microbiologia clinica, virologia e diagnostica delle bioemergenze dell'ospedale Sacco di Milano. «Peraltro - aggiunge - finalmente il virus si sta mostrando sempre più in una patologia molto attenuata, se non addirittura asintomatica».

Cosa deve fare chi ha avuto un "contatto stretto" ma è negativo a un primo test?

La quarantena non si può evitare. Tutti coloro che sono venuti a contatto con un positivo devono fermarsi anche se a distanza di 24 o 48 ore fanno un tampone che dà esito negativo. Il test valido per uscire dalla quarantena si può fare dopo 7 giorni (per i vaccinati con due dosi) o dopo 10 per tutti gli altri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA