Pfizer, ecco la pillola anti Covid: ​«Riduce il rischio di ricovero o di morte dell'89%»

Pfizer, ecco la pillola anti Covid: «Riduce il rischio di ricovero o di morte dell'89%»
4 Minuti di Lettura
Venerdì 5 Novembre 2021, 13:04 - Ultimo aggiornamento: 6 Novembre, 10:19

Dopo Merck che ha ricevuto l'approvazione all'uso d'emergenza in Gran Bretagna, un nuovo candidato farmaco orale antivirale contro Covid-19 dell'azienda Pfizer ha dimostrato di ridurre il rischio di ricovero o di morte dell'89%. Lo comunica la stessa azienda sulla base dell'analisi intermedia dello studio di fase 2/3 EPIC-HR.

Pillola Pfizer, lo studio 

È stato riscontrato che la pillola antivirale (Paxlovid) riduce il rischio di ospedalizzazione o morte dell'89% rispetto al placebo negli adulti ad alto rischio non ospedalizzati con Covid-19. Pfizer prevede di inviare i dati all'ente regolatorio statunitense per i farmaci FDA degli Stati Uniti per l'autorizzazione all'uso di emergenza (EUA) il prima possibile.

Pfizer ha affermato che un consiglio di esperti indipendente che ha monitorato la sperimentazione clinica ha raccomandato di interrompere presto lo studio perché il beneficio del farmaco per i pazienti si è dimostrato altamente convincente. La società ha dichiarato di voler presentare i dati il ​​prima possibile alla Food and Drug Administration per richiedere l'autorizzazione all'uso della pillola negli Stati Uniti.

Destinata a persone ad alto rischio

«I risultati sono davvero al di là dei nostri sogni più sfrenati», ha affermato Annaliesa Anderson, dirigente di Pfizer che ha guidato lo sviluppo del farmaco. Ha espresso la speranza che Paxlovid possa «avere un grande impatto nell'aiutare tutte le nostre vite a tornare alla normalità e vedere la fine della pandemia».

Il trattamento potrebbe essere disponibile nei prossimi mesi, anche se all'inizio è probabile che le scorte siano limitate. Le pillole Pfizer e Merck sono entrambe orientate verso i pazienti considerati ad alto rischio, come quelli di età superiore ai 60 anni o con condizioni come l'obesità che li rendono più suscettibili alle gravi conseguenze del Covid.

 

I numeri dello studio

Il farmaco antivirale orale, spiega Pfizer in una nota, ha mostrato una riduzione dell'89% del rischio di ospedalizzazione o morte per qualsiasi causa correlata al COVID-19 rispetto al placebo nei pazienti trattati entro tre giorni dall'insorgenza dei sintomi. Nella popolazione complessiva dello studio, fino al ventottesimo giorno, non sono stati segnalati decessi nei pazienti che hanno ricevuto il farmaco rispetto ai 10 decessi nei pazienti che hanno ricevuto il placebo. Il farmaco ha inoltre dimostrato, afferma l'azienda, una potente attività antivirale in vitro contro le varianti circolanti, così come contro altri coronavirus noti, «suggerendo il suo potenziale terapeutico per molteplici tipi di infezioni da coronavirus». L'analisi dei dati provvisori ha valutato i dati di 1219 adulti arruolati entro il 29 settembre 2021. Al momento della decisione di interrompere il reclutamento di pazienti, l'arruolamento era del 70% dei 3.000 pazienti pianificati provenienti da centri di sperimentazione clinica in tutto il Nord e Sud America, Europa, Africa e Asia, con il 45% dei pazienti negli Stati Uniti. Se il candidato farmaco avrà successo, durante la pandemia, Pfizer annuncia che offrirà la terapia antivirale orale sperimentale attraverso un approccio tariffario a più livelli basato sul livello di reddito di ciascun paese per promuovere l'equità di accesso in tutto il mondo. I paesi a reddito alto e medio-alto pagheranno di più dei paesi a reddito più basso. La società ha stipulato accordi di acquisto anticipato con più paesi ed è in trattative con molti altri. Pfizer afferma che continuerà a investire fino a circa 1 miliardo di dollari per supportare la produzione e la distribuzione di questo trattamento sperimentale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA