​Papa Francesco, cos'è la stenosi diverticolare sintomatica al colon di cui soffre il pontefice

Papa Francesco
3 Minuti di Lettura
Domenica 4 Luglio 2021, 16:10 - Ultimo aggiornamento: 5 Luglio, 15:02

Papa Francesco è ricoverato al Gemelli di Roma per sottoporsi a un intervento chirurgico. Si tratta di un'operazione programmata per una stenosi diverticolare sintomatica del colon. I diverticoli sono estroflessioni (= sviluppo verso l’esterno) in genere multiple della parete intestinale causate da un aumento della pressione all’interno del colon. La loro comparsa è frequente in soggetti di età superiore ai 65 anni ed è favorita da errate abitudini alimentari (dieta povera di scorie) e da stitichezza. Spesso non danno alcun disturbo e non necessitano di trattamento. In alcuni casi può svilupparsi un’infiammazione della parete del diverticolo causata da una crescita di batteri all’interno della cavità diverticolare (malattia diverticolare o diverticolite). In questa ipotesi il Paziente avverte violenti dolori addominali, febbre e talvolta proctorragie.

 

La malattia diverticolare

Nei casi di maggiore gravità si può verificare la perforazione della parete diverticolare con quadro di peritonite (=infezione della cavità peritoneale legata allo spandimento di materiale fecale all’interno della cavità addominale). In altri casi lo stato cronico di infiammazione della parete intestinale provoca lo sviluppo di un processo cicatriziale con stenosi diverticolare(=restringimento del lume, cioè dello spazio interno, intestinale). Il trattamento della diverticolite è inizialmente medico (antibiotici, antiinfiammatori e sospensione dell’alimentazione per alcuni giorni). In caso di stenosi o di perforazione è indicato l’intervento chirurgico.

 

La diverticolosi del colon rimane nella maggioranza dei casi asintomatica, e il riscontro avviene occasionalmente durante indagini radiologiche o endoscopiche per altre indicazioni, ad esempio in corso di screening del cancro colon-rettale; nel 5-20% dei casi si sviluppa diverticolite con quadri clinici molto variabili, da una forma sintomatica non complicata caratterizzata da dolori addominali ricorrenti simili alla sindrome del colon irritabile, fino a una diverticolite acuta con dolore addominale severo e prolungato, alterazioni dell’alvo e febbre, che nel 5% può complicarsi con fistole, ascessi, ostruzioni e stenosi, ed è spesso gravata da un'alta percentuale di morbidità e di mortalità.

© RIPRODUZIONE RISERVATA