Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Omicron, supervariante in Israele: «Combinazione con la BA.2, mai vista al mondo»

L'annuncio del ministero della Sanità di Tel Aviv, ma per il momento nessun allarme particolare

Omicron, supervariante in Israele: «Combinazione con la BA.2, mai vista al mondo»
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 16 Marzo 2022, 11:09 - Ultimo aggiornamento: 17 Marzo, 11:03

Nuova minaccia Covid in arrivo? In Israele il ministero della Sanità ha annunciato la rilevazione di una nuova variante di Omicron. Il virus sarebbe una combinazione delle varianti BA.1 e BA.2. La scoperta - che il ministero ha definito «mai vista nel mondo» - riguarda due casi di persone arrivate dall'estero in Israele.

I loro sintomi sono leggeri, ha aggiunto il ministero, e non hanno avuto bisogno di cure mediche particolari. In una intervista alla radio militare il prof. Salman Zarka, coordinatore della lotta al Covid, ha affermato che questa scoperta non desta, almeno per il momento, un allarme particolare.

Dopo l'annuncio del ministero della sanità, lo "Shamir Medical Center" - dove sono stati sequenziati i test molecolari delle persone risultate positive - ha fatto sapere che «le analisi dei dati hanno rivelato un'unica firma genetica che combina mutazioni che originano dalla variante BA.1 e BA.2». Oltre i primi due casi, ha detto la dottoressa Orly Greenfeld del ministero della sanità, ce ne sono altri 2 considerati sospetti e sui quali si sta indagando. La stessa esperta ha ipotizzato che la nuova combinazione si sia prodotta in Israele e che comunque questa «non cambia le regole del gioco». Un'ipotesi ripresa anche dal direttore generale del ministero della sanità Nachman Ash secondo cui «è probabile» che l'infezione sia stata contratta nei due casi «già prima di prendere il volo da Israele. La variante - ha aggiunto - può essere emersa qui». Anche il coordinatore della lotta al virus Salman Zarka è parso confermare che la nuova combinazione sia locale. «Una giovane donna - ha spiegato - ha infettato il figlio e entrambi i genitori». Zarka ha tuttavia contenuto l'allarme: «il fenomeno di varianti combinate è ben noto. A questo punto non siamo preoccupati che possa portare a casi gravi». Il premier Naftali Bennett ha presieduto oggi una riunione, già decisa nei giorni scorsi, sull'aumento generalizzato dei casi in Israele. Nel corso dell'incontro con i responsabili della sanità, ministro Nitzan Horowitz compreso, si è discusso del diffondersi della BA.2 nel Paese e della nuova combinazione di varianti. Per ora è stato deciso di proseguire con le mascherine in ambienti chiusi e poi nuove esame della situazione prima della Pasqua ebraica che comincia il 15 aprile.

Vaccino universale

Nei giorni scorsi il virologo statunitense Anthony Fauci aveva spiegato che «la sotto variante Omicron BA.2 sta assumendo un maggiore grado di dominanza a livello globale, che ormai arriva al 60%». Rispetto alla Omicron originale,spiega Fauci, non c'è grande differenza nella porzione della proteina Spike che lega le cellule umane. Questo indica che c'è una notevole cross-protezione. In altre parole, precisa il virologo, BA.2 non è più severa di BA.1 e l'infezione da BA.1 protegge molto bene dall'infezione BA.2. Entrambe però eludono la protezione del vaccino se non si è fatto il booster. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA