Galli: «Meno contagi, ma preoccupa l'assenza di strategia sull'influenza. Terza dose? Nessuna certezza che funzioni»

Galli: «Meno contagi, ma preoccupa l'assenza di strategia sull'influenza. Terza dose? Nessuna certezza che funzioni»
4 Minuti di Lettura
Mercoledì 15 Settembre 2021, 10:39 - Ultimo aggiornamento: 12:32

Massimo Galli su virus e contagi guarda il bicchiere mezzo pieno. «Incrociamo le dita e vediamo cosa succede. Sembra che negli ultimi giorni ci sia stato un numero limitato di riscontri di positività. Purtroppo però, va sottolineato un aspetto importante che riguarda gli asintomatici: molte persone, incluse quelle vaccinate, non si sottopongono al tampone perché ritengono di non averne motivo» ha detto il direttore della Clinica Malattie Infettive dell'ospedale Sacco di Milano, ai microfoni di iNews24 commentando i dati epidemiologici.

Roma, primi positivi a scuola: «Ma niente chiusure»

Vaccino anti-Covid potrebbe diventare obbligatorio entro Natale: ecco perché

«Ben venga la terza dose - ha proseguito Galli - ma non abbiamo alcuna certezza che chi non ha risposto alle prime due dosi, risponda alla terza. Dovremmo prima capire quanti anticorpi contro il virus Sars-CoV-2 ci sono nell'organismo. Per chi ha risposto bene al vaccino, non è indispensabile la terza dose, ma questo aspetto importante non sempre viene preso in considerazione».

«Non hai fatto il vaccino, non puoi entrare». Mamma vieta l'ingresso alla figlia nel suo locale

 

L'influenza - «Sono abbastanza preoccupato sull'applicazione e sull'esecuzione delle strategie per la vaccinazione antinfluenzale, che dovrebbe essere incentivata. L'anno scorso abbiamo avuto una caduta verticale di influenza e raffreddore perché indossavamo le mascherine e i contatti sociali erano ridotti. Quest'anno invece, mi chiedo come andrà. È il caso di prendere posizioni e definire strategie», ha poi detto parlando della stagione autunnale che si avvicina. «Proprio perché la campagna vaccinale anti-Covid ha avuto il suo successo sotto molti aspetti, seppur con qualche carenza, ha creato le condizioni per far nascere un interesse maggiore per la vaccinazione antinfluenzale», ha aggiunto. Su quanto tempo debba passare tra il vaccino anti-Covid e quello antinfluenzale, secondo Galli «non c'è una risposta definita. Potrebbe passarne anche poco. Ai bambini somministriamo una quantità enorme di vaccini tutti insieme e mi chiedo perché nel caso degli adulti abbiamo paura. Siamo in attesa di indicazioni. Finora - osserva - i distanziamenti temporali suggeriti tra le vaccinazioni sono basati su criteri prudenziali che però non hanno una base scientifica rispetto alla motivazione della scelta del numero dei giorni. Aver fatto il vaccino contro il Sars-CoV-2 non giustifica la scelta di non sottoporsi all'antinfluenzale o all'antipneumococcico. Su quest'ultima vaccinazione tra l'altro - conclude - dovremo lavorare molto perché siamo molto indietro a livello nazionale».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA