Letino, primo Comune Covid free grazie all'ambulatorio mobile: nel 2020 fu il primo a essere dichiarato zona rossa

Letino, primo Comune sulla terraferma Covid Free
3 Minuti di Lettura

Per Anna, 86 anni questo è un giorno buono. Affetta da demenza senile, Anna ha finalmente ricevuto la sua dose di Moderna nel confort di un ambulatorio mobile, predisposto proprio per i vaccini, a due passi da casa. Il figlio racconta che la famiglia ha richiesto più volte la somministrazione domiciliare ma «fino ad oggi nessuno si era fatto vivo». Anna vive a Letino, Comune dell’Alto Casertano, 1700 metri di altezza e poco meno di 700 abitanti al confine con il Molise e la provincia di Isernia, che da oggi è Covid free.

Letino infatti è il primo Comune italiano sulla terraferma a conquistare questo primato. E non è l’unico. Oltre ai pazienti fragili e anziani come Anna, Letino conquista il primato di aver vaccinato anche i giovani e i giovanissimi under venti. Una vittoria per un Comune che nel 2020 fu il primo a essere dichiarato “zona rossa” e che oggi come dice il sindaco Pasquale Orsi, 28 anni alla guida dell’amministrazione più giovane d’Italia, si prende la sua rivincita. L‘iniziativa è stata promossa dall’associazione “Live to Love -Vivere per Amare” che, insieme al Corpo Militare dell’Ordine di Malta Italia e Archeoclub Protezione Civile, ha messo a disposizione un tir con ambulatorio mobile per raggiungere quei luoghi difficilmente accessibili e quindi lontano dagli hub vaccinali istituzionalizzati: «Il nostro obiettivo - spiega Carlo Molino chirurgo oncologo e presidente dell’associazione -, è quello di raggiungere il maggior numero di vaccinandi soprattutto anziani e fragili che vivono in aree difficilmente praticabili o raggiungibili come queste».
 

A dare il via libera al vaccino day, l’Asl di Caserta guidata dal direttore generale Ferdinando Russo. In campo il team covid di Grazzanise: quaranta professionisti tra medici e infermieri, di età compresa tra i 25 e i 33 anni, coordinati da Vincenzo Grella. Storia nella storia. La squadra di giovanissimi medici e infermieri vaccinatori sta svolgendo e ha svolto un ruolo focale nella pandemia. Hanno svolto assistenza domiciliare a decine di migliaia di pazienti affetti da coronavirus, molti strappati a morte certa perché isolati: «Abbiamo battuto decine di Comuni e siamo andati laddove c’era bisogno di un medico - dice Grella-. Nessuno di noi si è mai tirato indietro così abbiamo evitato tanti ricoveri in terapia intensiva». Migliaia di vaccini somministrati in poche settimane. La squadra di Grella ha vaccinato anche tutti gli operatori italiani della base Us Navy di Gricignano di Aversa.

Vaccini, De Luca: «Ritardo drammatico nelle forniture. Mancano 175mila dosi»

La campagna vaccinale in Campania e in particolare nel Casertano segue procedure singolari che mirano a vaccinare in tempo record la maggior parte delle persone. Letino ha trovato soprattutto nei giovani e nei fragili la disponibilità a vaccinarsi. L’ambulatorio mobile svolge una funzione fondamentale quando accoglie i pazienti fragili e gli anziani che non sono riusciti a vaccinarsi o che non sono stati intercettati dalla piattaforma vaccinale. Il vax day si è svolto nel campo sportivo di Letino dove sono state allestite una sala per l’accettazione e il consenso informato, otto gazebo e un’ambulanza del 118 di Sparanise .

Venerdì 14 Maggio 2021, 16:17
© RIPRODUZIONE RISERVATA