FASE 2

Virus, gli effetti dell'allentamento del lockdown «solo dopo il 18 maggio»: rischio nuovo picco

Giovedì 14 Maggio 2020

La Fase 2 è in piena corsa e le riaperture di locali, parrucchieri ed estetisti sono previste per il 18 maggio. Ma è solo dal 18 maggio in poi che si potrà analizzare realmente l'impatto dell'allentamento del lockdown sui contagi da coronavirus: l'allerta è stata lanciata dalla Fondazione Gimbe, un'associazione che si occupa del monitoraggio dell'assistenza sanitaria attraverso ricerca, formazione e informazioni scientifica. Secondo gli ultimi dati diffusi, i ricoverati per Covid-19 e le terapie intensive stanno scendendo: quasi 3.600 ricoveri in meno in una settimana, pari un calo del -23%, e una riduzione di 440 posti occupati nelle terapie intensive, pari al -33%.

Test sierologici, Ippolito (Spallanzani): c'è un'offerta spregiudicata, in certi casi sono soldi buttati
Zaia: «Regola del metro per spiagge e ristoranti, il Veneto riapre tutto da lunedì. Linee guida Inail inapplicabili»
Covid, ripresa lenta per il commercio: solo un cittadino su due pronto a tornare a vivere negozi, ristoranti e bar

Tuttavia, osserva il presidente Gimbe Nino Cartabellotta, si tratta di dati che riflettono ancora il periodo di lockdown e «decidere la ripresa di attività e servizi» sulla base di tali dati aumenta il rischio di una seconda ondata all'inizio dell'estate». «Se lo scorso 8 maggio l’Istituto Superiore di Sanità ha reso noti i valori di Rt (indice di trasmissibilità dopo l’applicazione delle misure di contenimento n.d.r.) riferiti al 20 aprile domani potrà comunicare quelli riferiti al 27 aprile e solo tra due settimane conosceremo gli Rt conseguenti all’allentamento del 4 maggio», ha spiegato il presidente. 
 

 

Ultimo aggiornamento: 17:53 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani