CORONAVIRUS

Aumentano i casi di diabete, e forse c'entra anche il Covid

Martedì 20 Ottobre 2020

Con la seconda ondata di casi di Covid-19 nel mondo aumentano anche i pazienti che sembrano aver sviluppato una forma di diabete causata proprio dal coronavirus, al punto che se una persona ha avuto l'infezione dovrebbe valutare questa possibilità se presenta dei sintomi compatibili. Lo afferma Francesco Rubino, ricercatore italiano che lavora al King's College di Londra che è tra i coordinatori del primo registro internazionale che mira a comprendere le relazioni tra le due malattie, nato a giugno ma che sta avendo un'impennata di adesioni nell'ultimo periodo.

 

Da tutto il mondo

«Il registro ha già raccolto l'adesione di 300 medici da tutto il mondo, e abbiamo già dati su alcune decine di dati - spiega l'esperto -. Sono ancora pochi per trarre una conclusione, ma il fatto che arrivino segnalazioni da tutto il mondo, dall'Europa agli Usa all'Africa, ci fa pensare che l'ipotesi di partenza, cioè che in alcune persone il virus scateni una qualche forma diabete, sia plausibile. Anzi, se una persona che ha superato l'infezione vede dei problemi come aumento della frequenza con cui urina, sete, stanchezza cronica, dovrebbe rivolgersi al proprio medico per le valutazioni».

Diabete, ora si può guarire con un piccolo intervento di “lifting” all'intestino

Il registro 

L'idea del registro, spiega Rubino, è nata quasi per caso, conversando con alcuni colleghi di altri paesi. «Da subito è stato chiaro che i pazienti diabetici avevano un maggior rischio di Covid severo, ma poi sono emersi diversi casi di persone che hanno sviluppato il diabete insieme o dopo l'infezione. Questo suggerisce qualche interazione a livello biologico. È chiaro che il virus ha la potenzialità di entrare nelle cellule fondamentali per il metabolismo del glucosio, come pancreas, fegato e intestino. Grazie al registro potremo capire se la relazione è biunivoca, se ci sono persone più a rischio, se il diabete scompare dopo l'infezione o resta come malattia cronica, e anche di che tipo di diabete si tratta, perchè sembra avere delle caratteristiche diverse sia da quello di tipo 1 che di tipo 2».

Ultimo aggiornamento: 13:57 © RIPRODUZIONE RISERVATA