Covid, Speranza: «Distribuzione di massa del vaccino entro primo trimestre del 2021»

Covid, Speranza: «Distribuzione di massa del vaccino entro primo trimestre del 2021»
3 Minuti di Lettura
Domenica 8 Novembre 2020, 16:18 - Ultimo aggiornamento: 18:59

Il vaccino anti-Covid entro il primo trimestre del 2021. Lo annuncia il ministro della Salute Roberto Speranza. La distribuzione di massa del vaccino «avverrà sicuramente alla fine del primo trimestre o alla fine del primo quadrimestre del 2021. L'auspicio è che i controlli che l'Ema ha già avviato sulle sperimentazioni più avanzate possano avere un esito positivo anche prima», spiega il ministro ospite di "In mezz'ora in più" su Rai3.

Covid, Burioni: «Basta blaterare di immunità di gregge, stop bugie pericolose: serve il vaccino»

Coronavirus, Speranza: basta polemiche, la precauzione è una via obbligata

Covid, all'ospedale di Potenza partirà la sperimentazione con il plasma dei guariti

E sempre sul tema del vaccino, Speranza ha sottolineato «relazioni costruttive con USA e G7». «Le misure abbasseranno la curva, ma decisivo è il comportamento persone», ha aggiunto. Ma è «grave comunicare dati falsi, le regioni devono darli corretti», ha ribadito il ministro Speranza. 

Rispondendo a una domanda su chi nel governo dovesse firmare i decreti con le misure sul coronavirus, Speranza ha spiegato: «L'ultimo Dpcm che abbiamo firmato è stato condiviso da tutto il governo. Non è una firma a titolo personale, è una firma a nome di tutto il governo». «Ho firmato ordinanze pesanti e sono pronto a firmarne ancora se sarà utile per il nostro Paese», ha continuato Speranza.

«Io sono il ministro della Salute e devo rispondere alla nostra Costituzione», ha aggiunto. «Se verifico che c'è un rischio, io non ho paura di firmare». Il ministro della Salute ha sottolineato che «in queste ore si sta affermando un'idea per cui fare delle misure, scegliere delle restrizioni significa fare qualcosa di sporco. Dobbiamo rovesciare questa idea: significa salvare la vita delle persone, significare aiutare la popolazione e i medici che sono in difficoltà».

© RIPRODUZIONE RISERVATA