​Pratica di Mare, dallo sbarco dei primi malati Covid a porta di accesso al vaccino

Aeroporto militare di Pratica di Mare (foto Andrea Giannetti, agenzia Toiati)
di Giuseppe Scarpa
2 Minuti di Lettura
Domenica 6 Dicembre 2020, 21:15 - Ultimo aggiornamento: 21:16

Aeroporto di Pratica di Mare. Il 3 febbraio atterrano i primi italiani rimpatriati da Wuhan, epicentro mondiale del coronavirus, a bordo del Boeing 767 kc dell’aeronautica militare. Era il principio dell'emergenza Covid-19. A quasi un anno di distanza lo stesso scalo alle porte di Roma si prepara a stipare le prime dosi del vaccino: la speranza è che si tratti dell'epilogo di un virus che in Italia ha ucciso più di 60mila persone.

In 31 ore i 56 connazionali sono stati trasferiti nella “città militare” della Cecchignola. Gli italiani con le mascherine che coprono naso e bocca sono visti quasi come alieni. Trasportati sugli autobus, scortati da un cordone di auto dei carabinieri. Il virus sembra un affare cinese. In pochi giorni l'Italia piomba nell'emergenza. I primi morti, il bollettino dei contagi. Infine il lockdown.

Video

A undici mesi da quel 3 febbraio si intravede la fine. Alla maggior parte dei connazionali sembra sia passato molto più di un anno. Troppi gli avvenimenti che si sono susseguiti a un ritmo forsennato. Adesso la storia italiana del Covid-19 pare sia ai titoli di coda e sia pronta ad essere scritta negli stessi luoghi e anche con l'impiego degli stessi mezzi.

Ecco allora che riposa sulla pista di Pratica di Mare il Boeing 767 kc in configurazione “combi”. L'assetto dell'areo spinto dalla coppia di propulsori General Electric verrà modificato per accogliere la preziosa merce, il vaccino e non le persone, come era accaduto poco meno di un anno fa. Ma in fondo la missione non è cambiata: salvare le vite. E così attorno all’imponente sagoma grigia del bimotore iniziano i preparativi. L’ipotesi è che arrivino a gennaio. Anche se una data precisa non è stata ancora stabilita, il piano è in fase di definizione. Da Palazzo Baracchini, perciò, con il ministro della Difesa Lorenzo Guerini si analizzano i vari scenari. Si inizia a studiare il "the end".

© RIPRODUZIONE RISERVATA