COVID

Primo trapianto di polmone su un paziente Covid: donna salvata dal marito e dal figlio in Giappone

Sabato 10 Aprile 2021
Primo trapianto di polmone su un paziente Covid: donna salvata dal marito e dal figlio in Giappone

In Giappone è stato eseguito con successo il primo trapianto al mondo di tessuto polmonare da donatori viventi ad un paziente con grave danno ai polmoni da Covid-19. Destinatario della donazione, una donna dellla regione del Kansai, sottoposta ad un operazione di ben 11 ore presso l'ospedale universitario di Kyoto. La donna ha ricevuto il tessuto necessario da suo marito e suo figlio, anche loro ora ricoverati in condizioni stabili.

Bambina nasce con l'intestino al posto del polmone, operata con successo a Torino

È la stessa università di Kyoto a mettere in luce il primato di questa operazione. Un trapianto polmonare da donatori vivi su pazienti Covid non era mai stato effettuato prima. La lista di attesa in Giappone per ricevere organi è piuttosto lunga e questo avrebbe spinto il figlio e il marito della donna a donare in prima persona il tessuto necessario per la sua sopravvivenza. La donna aveva contratto il Covid-19 alla fine dell'anno scorso sviluppando difficoltà respiratorie, rapidamente peggiorate. Poi la necessità di una macchina di supporto vitale con la funzione di polmone artificiale, a cui la paziente è rimasta attaccata per più di tre mesi dal momento che i suoi polmoni erano gravemente danneggiati.

Dopo la guarigione, i polmoni della donna non erano più funzionali e quella di un trapianto si prospettava come unica possibilità di sopravvivenza. Il marito e del figlio della donna hanno donato rispettivamente una parte del proprio polmone destro e una parte del sinistro. L'operazione di trapianto ha coinvolto un team composto da più di 30 membri, guidati dal dottor Date. Secondo quanto dichiarato dall'Università di Kyoto la paziente potrà lasciare l'ospedale in circa due mesi e tornare alla sua vita normale in circa tre mesi.

 

Trapianto, mamma dona fegato alla figlia di 3 anni e la salva: la piccola era affetta da una rara malattia congenita

«Abbiamo dimostrato che ora abbiamo la possibilità di trapianti di polmone (da donatori viventi)», ha detto in una conferenza stampa il dottor Hiroshi Date. «Penso che questo sia un trattamento che dà speranza ai pazienti» con gravi danni ai polmoni da Covid-19, ha aggiunto.

L'intervento segna l'ultimo pionieristico trapianto di polmone durante la pandemia di coronavirus. Nel mondo sono stati già effettuati nei mesi scorsi diversi trapianti di parti di polmoni prelevati da donatori cerebralmente morti a pazienti con danno polmonare correlato a Covid-19. A marzo, i medici della Northwestern Medicine di Chicago hanno trapiantato con successo entrambi i polmoni su un paziente Covid-19 utilizzandoli da un donatore che in precedenza si era ripreso dal virus. E l'anno scorso, sempre negli Stati Uniti, i chirurghi hanno eseguito il primo trapianto di successo di polmone doppio di un paziente Covid.

© RIPRODUZIONE RISERVATA