Covid, Sileri a Domenica In: «Estate diversa grazie al vaccino, tolleranza zero per personale sanitario no vax»

Covid, Sileri a Domenica In: «Estate diversa grazie al vaccino, tolleranza zero per personale sanitario no vax»
3 Minuti di Lettura
Domenica 28 Marzo 2021, 14:44 - Ultimo aggiornamento: 19:43

Ospite a Domenica In, il sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri ribadisce l'importanza della campagna vaccinale anti-Covid per uscire dalla crisi sanitaria. Grazie agli effetti del vaccino «sarà estate diversa da quello dello scorso anno» dice Sileri intervistato da Mara Venier. «Già ad aprile-maggio la situazione sarà diversa» continua il sottosegratrio. «Per pasqua avremo 12-13 milioni di vaccini somministrati. Una volta protetti i fragili, il numero di contagi e decessi calerà drasticamente, dobbiamo aspettare qualche settimana»

 «La situazione è in lieve miglioramento se si analizzano i numeri, ci sono i primi frutti, ma servono ancora due settimane, i dati si consolideranno dopo Pasqua, si tratta davvero dell'ultimo sforzo. Abbiamo un vantaggio rispetto a prima che è dato dalla vaccinazione, chi si vaccina oggi tra un mese sarà immune». «È vero che abbiamo ancora 300-400 morti, ed è un dramma, ma a un mese da oggi non sarà più così» ha aggiunto Sileri. 

 

Speranza: «Meno limitazioni d’estate e viaggi con il pass vaccinale»

Obbligo di vaccino per personale sanitario

«Personale sanitario che rifiuta il vaccino è incombatibile con il lavoro che svolge» dice Pierpaolo Sileri, rispondendo in merito all'obbligo di vaccinazione per il personale ospedaliero a contatto con i più fragili. «Il personale sanitario non può dire il vaccino fa male, è incompatibile con il proprio percorso di studi».

«Molti casi degli ultimi tempi sono legati al personale sanitario non vaccinato» dice il sottosegretario alla salute che ribadisce con toni forti la «tolleranza zero» del governo nei confronti dei sanitari che rifiutano l'immunizzazione, un comportamento definito da Sileri «inaccettabile».

Roma, infermieri no-vax «pentiti»: 2 anziani in ospedale. Burioni a Draghi: subito l'obbligo vaccinale

© RIPRODUZIONE RISERVATA