Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Covid, occhiali lo rilevano in 3 secondi: infiammazione identificata grazie all'intelligenza artificiale

Covid, occhiali lo rilevano in 3 secondi
2 Minuti di Lettura
Domenica 30 Maggio 2021, 13:09 - Ultimo aggiornamento: 15:04

Il Covid potrà essere rilevato grazie a dei nuovi particolari occchiali che in soli 3 secondi sono in grado di identificare la presenza del virus. La nuova tecnologia, è stata sviluppata a Valencia, dove un team di scienziati spagnoli, americani e cinesi, ha lavorato sull'intelligenza artificiale per ottenere nuovi strumenti diagnostici.

Virus, tutti gli ultimi contagi sono colpa delle varianti c'è anche quella messicana

Presupposto del funzionamento della tecnologia, la presenza di sintomi Covid negli occhi, con un'infiammazione molto caratteristica nei pazienti sia gravi che asintomatici. Una infiammazione che a volte passa inosservata al personale sanitario. Ora rilevabile grazie all'intelligenza artificiale. Di soli 3 secondi, invece, il tempo necessario per ottenere un risultato, spiega Alfonso Soriano, ingegnere di Innoarea. La fotografia dell'occhio del paziente è seguita poi per prassi da un test PCR sul posto. Il risultato è praticamente istantaneo e i suoi creatori pensano che possa essere un buon strumento di screening negli eventi di massa e nel settore dell'ospitalità.

 

È la prima volta che un vero test di questa tecnologia è stato effettuato nell'Unione Europea. Soriano, amministratore delegato della società tecnologica, spiega: «L'intelligenza artificiale è già stata addestrata con molti pazienti che sono stati contrastati con la PCR». 

Vaccino, quanto durano gli anticorpi? «I test sierologici con valori bassi sono poco indicativi»

© RIPRODUZIONE RISERVATA