Covid Italia, studio Iss: 50mila morti nella seconda ondata, 1 su 5 in Lombardia

Covid Italia, studio Iss: 50mila morti nella seconda ondata, 1 su 5 in Lombardia
2 Minuti di Lettura

Quasi 50 mila morti da ottobre a oggi. Molti di più rispetto al periodo marzo-maggio 2020, a conferma che la seconda ondata del Covid è ben più letale. Lo indica il rapporto pubblicato sul sito EpiCentro dell'Istituto Superiore di Sanità (Iss) e basato sui dati, aggiornati al 27 gennaio, riportati dalla Sorveglianza Integrata Covid-19 coordinata dallo stesso istituto. 

Da ottobre a oggi sono stati quasi 50.000 (49.274) i morti di Covid-19 in Italia, sul totale di oltre 85.000 (85.389) registrati a partire dal gennaio scorso. I circa 50.000 decessi, si legge nel rapporto, sono avvenuti nella seconda ondata iniziata nell'ottobre 2020 e ancora in corso. Nella prima ondata (marzo-maggio 2020) i decessi per Covid-19 sono stati 34.278 e 1.837 nella fase di bassa incidenza (giugno-settembre 2020).

Covid, 81 anni l'età media dei morti

Il rapporto indica inoltre che l'età media dei pazienti deceduti e positivi a SARS-CoV-2 è 81 anni e sono complessivamente 941 (pari all'1% dei decessi registrati dal marzo 2020) i pazienti deceduti di età inferiore a 50 anni. La maggior parte dei decessi è avvenuta in Lombardia, con 26.674; di questi, la maggior parte (16.362) risale alla prima ondata. 

Video

Domenica 31 Gennaio 2021, 13:29 - Ultimo aggiornamento: 14:18
© RIPRODUZIONE RISERVATA