COVID

Covid, Iss: «Numero contagi uguale a fine febbraio, ma la fase dell'epidemia è diversa»

Giovedì 10 Settembre 2020

Sebbene il numero di casi riportato giornalmente sia numericamente simile a quanto riportato alla fine di febbraio 2020, la fase epidemiologica del Covid 19 è completamente diversa». Lo scrive l'Iss in una Faq sul calcolo dell'indice Rt pubblicata sul proprio sito. Nonostante l'aumento dell'incidenza, spiegano gli esperti, la trasmissibilità dei casi non è infatti cresciuta molto. «Questo dato suggerisce che il grande lavoro svolto dai servizi territoriali ha per il momento contenuto la diffusione del virus sul nostro territorio».

A febbraio, sottolinea l'Iss, i casi erano diagnosticati quasi esclusivamente nei sintomatici e l'Rt stimato era oltre 2. «Rt ci dice che, nonostante sia osservato un aumento continuo dei casi totali da metà luglio, al netto dei casi asintomatici identificati attraverso attività di screening/tracciamento dei contatti e dei casi importati da stato estero (categorie non mutuamente esclusive), vi è stata stabilizzazione e solo recentemente un lieve aumento della trasmissibilità - sottolinea il documento -. Questo ci permette di affermare assieme ad altri dati che, sebbene il numero di casi riportato giornalmente sia numericamente simile a quanto riportato alla fine di febbraio 2020, la fase epidemiologica è completamente diversa con casi diagnosticati quasi esclusivamente in sintomatici ed un Rt stimato ad oltre 2».
«La maggior parte dei casi è identificato attraverso screening di popolazione e ricerca dei contatti con identificazione dei focolai e rapida realizzazione di misure di isolamento e quarantena. Il fatto che non vi sia sovraccarico dei servizi assistenziali è una conferma di questo. Allo stesso tempo però l'aumento dei casi diagnosticati conferma che ci sia una elevata circolazione del virus (sia autoctono che re-introdotto da altri Paesi) dà conto dell'aumento del lavoro richiesto agli stessi servizi territoriali le cui capacità di risposta rischiano di essere messe a dura prova». 

 

 

Aurelio De Laurentiis positivo al Covid, anche la moglie. Ieri l'assemblea della Lega Serie A

Aurelio De Laurentiis positivo al . La voce che si era diffusa nella serata di ieri per cui uno dei 20 presidenti di serie A, riunitisi ieri a Milano per l'assemblea che ha dato via libera alla creazione di una Media Company per la vendita dei diritti tv, avrebbe contratto il Coronavirus, è stata confermata.

Ultimo aggiornamento: 22:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA