BOLLETTINO

Covid, bollettino oggi 25 febbraio 2021: 19.886 casi, 308 morti. Allerta variante inglese, Lombardia oltre 4.000 contagi, 1.000 a Brescia. Balzo anche in Toscana e Veneto

Giovedì 25 Febbraio 2021
1
Covid, bollettino oggi 25 febbraio 2021: balzo di contagi in Toscana e Veneto

Il bollettino del Covid in Italia di oggi 25 febbraio 2021 registra un balzo dei contagi: 19.886 nelle ultime 24 ore (ieri i positivi erano stati 16.424) e 308 morti. Il tasso di positività sale quindi al 5,6% (+0.8% rispetto a ieri). Sono oltre 353 mila i test (molecolari e antigenici) effettuati nelle ultime 24 ore (ieri erano stati 340.247). Dietro la crescita dei casi ci sarebbe la variante inglese, sempre più diffusa. A metà marzo sarà predominante, ha detto il Cts. E l'Iss evidenzia come tale mutazione del Coronavirus sia in media il 37% più contagiosa. In soli quattro giorni l'indice di contagio Rt è salito a livello nazionale da a 0,91 a 1,02 ed è tornato ai livelli di ottobre, indicano i calcoli del fisico Roberto Battiston, dell'Università di Trento.

I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 2.168, con un aumento di 11 unità nel saldo quotidiano tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri in rianimazione sono stati 178. Nei reparti ordinari sono invece ricoverate 18.257 persone, in aumento di 40 unità rispetto a ieri.

Clicca QUI o sulla tabella per scaricare il bollettino in Pdf

Lombardia, 4.243 casi e Brescia sfiora i 1.000

Continua a essere preoccupante la situazione a Brescia dove anche oggi i contagi sono in crescita e dai 901 di ieri sono saliti ai 973 di oggi. Ma i dati del contagio continuano a peggiorare in tutta la Lombardia con il tasso di positività in crescita all'8.2% (ieri 6.5). Con 51.473 tamponi effettuati, sono infatti 4.243 i nuovi positivi in regione con la città metropolitana di Milano che torna a essere la più colpita con 1.072 casi di cui 409 a Milano città. Aumentano i ricoveri in terapia intensiva (+1, 407) e negli altri reparti (+78, 4.024). I decessi sono 44 per totale complessivo di 28.228 morti in regione. 

Campania, 2.385 casi e 29 morti

Sono 2.385, di cui 148 sintomatici, i nuovi positivi al Covid in Campania, su 23.649 test processati. L'incidenza è del 10,08%, sostanzialmente stabile rispetto al 10,22 di ieri. Il bollettino dell'Unità di crisi, aggiornato alla mezzanotte scorsa, segnala anche 1.214 guariti e 29 vittime, di cui 15 decedute nelle ultime 48 ore e 14 risalenti ai giorni precedenti. I posti di terapia intensiva occupati sono 131, uno in più di ieri, mentre le degenze di attestano a 1.305, -14 rispetto al giorno precedente.

Emilia Romagna, 2.092 casi e 33 morti

Dall'inizio dell'epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 252.915 casi di positività, 2.092 in più rispetto a ieri, su un totale di 40.804 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti da ieri è del 5,1%. Purtroppo, si registrano 33 nuovi decessi:1 a Piacenza (una donna di 96 anni); 2 nella provincia di Parma (due uomini di 79 e 80 anni); 7 nella provincia di Modena (quattro donne, rispettivamente di 82, 85, 89, 91 anni e tre uomini di 76, 80 e 82 anni); 9 in provincia di Bologna (cinque donne, rispettivamente di 70, 72, 90, 91 e 95 anni, quest'ultima residente a Imola, e quattro uomini: uno di 83 anni, uno di 84 anni e due di 92 anni); 3 nel ferrarese (una donna di 89 anni e due uomini di 75 e 80 anni).

Ancora, 6 in provincia di Reggio Emilia(quattro donne di 52, 70, 91 e 93 anni e due uomini di 83 anni); 2 in provincia di Forlì-Cesena (una donna di 101 anni e un uomo di 89); 2 nel riminese (due uomini di 85 e 91 anni). Nessun decesso nella provincia di Ravenna. Infine, si segnala il decesso di una donna di 95 anni diagnosticata dall'Ausl di Bologna ma residente in provincia di Roma. In totale, dall'inizio dell'epidemia i decessi in regione sono stati 10.459. 

Veneto, 1.304 casi e 28 morti

Nuovo forte balzo dei contagi Covid in Veneto, dove si registrano 1.304 positivi al virus in 24 ore. I decessi sono stati 28. Lo riferisce il bollettino della Regione. Il totale degli infetti dall'inizio dell'epidemia raggiunge i 330.277, quello delle vittime 9.791. Un dato positivo è invece quello del calo dei ricoveri negli ospedali: sono 1.217 i pazienti Covid nei normali reparti medici (-30), mentre salgono di 2 unità quelli nelle terapia intensive, 134.

Piemonte, 1.454 casi e 20 morti

L'Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato 1454 nuovi casi di persone risultate positive al Covid-19 (di cui 200 dopo test antigenico), pari al 6.8% dei 21.391 tamponi eseguiti, di cui 13.085 antigenici. Dei 1454 nuovi casi, gli asintomatici sono 447(30,7% ). I casi sono 194 di screening, 756 contatti di caso, 504 con indagine in corso, 22 in Rsa e Strutture Socio-Assistenziali, 137 in ambito scolastico e 1295 tra la popolazione generale. Il totale dei casi positivi diventa quindi 247.546, di cui 21.670 Alessandria, 12.686 Asti, 8.495 Biella, 33.452 Cuneo, 19.221 Novara, 130.588 Torino, 9.133 Vercelli, 9.152Verbano-Cusio-Ossola, oltre a 1.208 residenti fuori regione, ma in carico alle strutture sanitarie piemontesi. I restanti 1.941 sono in fase di elaborazione e attribuzione territoriale. I ricoverati in terapia intensiva sono 162 (+10 rispetto a ieri). I ricoverati non in terapia intensiva sono 1.909(- 2 rispetto a ieri). Le persone in isolamento domiciliare sono 12.239. I tamponi diagnostici finora processati sono 2.936.737(+21.391 rispetto a ieri), di cui 1.141.280 risultati negativi.

Sono 20 i decessi di persone positive al test del Covid-19 comunicati dall'Unità di Crisi della Regione Piemonte, di cui nessuno oggi. Il totale è ora di 9.346 deceduti risultati positivi al virus, 1.414 Alessandria, 597 Asti, 380 Biella, 1.108 Cuneo, 774 Novara, 4.258 Torino, 423 Vercelli, 307 Verbano-Cusio-Ossola, oltre a 85 residenti fuori regione, ma deceduti in Piemonte. I pazienti guariti sono complessivamente 223.890 (+ 728 rispetto a ieri), 19.457 Alessandria, 11.551 Asti,7.620Biella, 30.824 Cuneo, 17.567 Novara, 117.598Torino, 8.233 Vercelli, 8.167 Verbano-Cusio-Ossola, oltre a 1.116 extraregione e 1.757 in fase di definizione.

 

 

Toscana, 1.374 casi e 14 morti

Balzo di nuovi casi in Toscana: nelle ultime 24 ore ne sono stati registrati 1.374 - età media 44 anni - che portano il dato complessivo a 152.787 contagi da inizio pandemia: ieri erano stati 857 i nuovi contagi. Si contano poi purtroppo altri 14 decessi - 8 uomini e 6 donne con un'età media di 84,9 anni - che fanno salire 4.613 i pazienti morti dall'inizio dell'epidemia. In rialzo di 2 punti percentuali il tasso di positività, oggi al 6% su 14.472 tamponi molecolari e 8.263 tamponi antigenici rapidi (12.584 invece i soggetti testati, escludendo i tamponi di controllo, di cui il 10,9% è risultato positivo). E aumentano ancora i ricoveri, da ieri tornati sopra quota mille, anche se scendono in rianimazione: sono complessivamente 1.012, 7 in più rispetto a ieri, più 0,7%), di cui 159 in terapia intensiva (4 in meno rispetto a ieri, meno 2,5%).

I guariti crescono dello 0,5% e raggiungono quota 132.044 (86,4% dei casi totali). Gli attualmente positivi sono oggi 16.130, +4,7% rispetto a ieri. Riguardo alle singole province nelle ultime 24 ore Firenze registra più 368 casi, Prato 108, Pistoia 174, Massa 68, Lucca 145, Pisa 134, Livorno 91 in più, Arezzo 129, Siena 122, Grosseto 35. Complessivamente, 15.118 persone sono in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi, che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi (718 in più rispetto a ieri, più 5%). Sono 35.964 (529 in più rispetto a ieri, più 1,5%) le persone, anche loro isolate, in sorveglianza attiva, perché hanno avuto contatti con persone contagiate.

Lazio, 1.256 casi e 18 morti

Nel Lazio su quasi 15 mila tamponi (-30) e oltre 21 mila antigenici per un totale di oltre 36 mila test, si registrano 1.256 casi positivi (+68), 18 decessi (-20) e +1.123 i guariti. Aumentano i casi, mentre diminuiscono i decessi e i ricoveri. Stabili le terapie intensive. Il rapporto tra positivi e tamponi è a 8%, ma se consideriamo anche gli antigenici la percentuale è al 3%. I casi a Roma sono sotto quota 500. «Stimiamo il valore rt sotto 1, ma altissimo il livello di attenzione», dice l'assessore alla Sanità Alessio D'Amato.

Puglia, 1.154 casi e 27 morti

Ci sono stati 27 morti per covid 19 nelle ultime 24 ore in Puglia e su 10256 test registrati, sono stati rilevati 1.154 casi positivi, con una incidenza dell'11,25%, in crescita rispetto a ieri (9%). Dei nuovi positivi 420 vivono in provincia di Bari, 235 in provincia di Foggia, 233 in provincia di Taranto, 99 in provincia di Lecce, 85 in provincia di Brindisi, 78 nella provincia BAT, 3 casi di residenti fuori regione e 1 provincia di residenza non nota. Nove delle vittime vivevano in provincia di Bari, 7 in provincia di Taranto, 6 in provincia di Lecce, 3 in provincia di Foggia, 1 in provincia di Brindisi e 1 in provincia BAT. Dall'inizio dell'emergenza sono stati effettuati 1.532.395 test, 107.933 sono i pazienti guariti e 31.972 sono i casi attualmente positivi. Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 143.770.

 

 

Marche, 732 casi

Il Servizio Sanità della Regione Marche ha comunicato che nelle ultime 24 ore sono stati testati 7.870 tamponi: 5.625 nel percorso nuove diagnosi (di cui 2.892 nello screening con percorso Antigenico) e 2.245 nel percorso guariti (con un rapporto positivi/testati pari al 13%). I positivi nel percorso nuove diagnosi sono 732 (139 in provincia di Macerata, 307 in provincia di Ancona, 83 in provincia di Pesaro-Urbino, 76 in provincia di Fermo, 105 in provincia di Ascoli Piceno e 22 fuori regione). Questi casi comprendono soggetti sintomatici (82 casi rilevati), contatti in setting domestico (149 casi rilevati), contatti stretti di casi positivi (266 casi rilevati), contatti in setting lavorativo (16 casi rilevati), contatti in ambienti di vita/socialità (3 casi rilevati), contatti in setting assistenziale (6 casi rilevati), contatti con coinvolgimento di studenti di ogni grado di formazione (32 casi rilevati), screening percorso sanitario (4 casi rilevati) e 1 caso proveniente da fuori regione. Per altri 173 casi si stanno ancora effettuando le indagini epidemiologiche. Nel Percorso Screening Antigenico sono stati effettuati 2.892 test e sono stati riscontrati 230 casi positivi (da sottoporre al tampone molecolare). Il rapporto positivi/testati è pari all'8%.

Friuli Venezia Giulia, 683 casi e 15 morti

Oggi in Friuli Venezia Giulia su 6.657 tamponi molecolari sono stati rilevati 449 nuovi contagi con una percentuale di positività del 6,74%. Sono inoltre 3.385 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali sono stati rilevati 234 casi (6,91%). I decessi registrati sono 15; i ricoveri nelle terapie intensive scendono a 56 e quelli in altri reparti calano a 335. Lo comunica il vicegovernatore con delega alla Salute del Friuli Venezia Giulia, Riccardo Riccardi. I decessi complessivamente ammontano a 2.817, con la seguente suddivisione territoriale: 635 a Trieste, 1.406 a Udine, 590 a Pordenone e 186 a Gorizia. I totalmente guariti sono 61.156, i clinicamente guariti salgono a 1.922, mentre le persone in isolamento oggi risultano essere 9.249. Dall'inizio della pandemia in Friuli Venezia Giulia sono risultate positive complessivamente 75.535 persone con la seguente suddivisione territoriale: 14.610 a Trieste, 34.460 a Udine, 16.681 a Pordenone, 8.902 a Gorizia e 882 da fuori regione. 

 

 

Abruzzo, 653 casi e 17 morti

Sono complessivamente 52.951 i casi positivi al Covid 19 registrati in Abruzzo dall'inizio dell'emergenza. Rispetto a ieri si registrano 653 nuovi casi (di età compresa tra 7 mesi e 93 anni), il totale risulta inferiore in quanto è stato sottratto un caso comunicato nei giorni scorsi e risultato duplicato. Il bilancio dei pazienti deceduti registra 17 nuovi casi e sale a 1679 (di età compresa tra 54 e 94 anni, 6 in provincia di Chieti, 2 in provincia di Teramo e 9 in provincia di Pescara). Del totale odierno, 6 casi sono riferiti a decessi avvenuti nei giorni scorsi e comunicati solo oggi dalle Asl.

Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 38.638 dimessi/guariti (+721 rispetto a ieri). Gli attualmente positivi in Abruzzo (calcolati sottraendo al totale dei positivi, il numero dei dimessi/guariti e dei deceduti) sono 12634 (-86 rispetto a ieri). Dall'inizio dell'emergenza Coronavirus, sono stati eseguiti complessivamente 727872 tamponi molecolari (+6127 rispetto a ieri) e 239180 test antigenici (+7439 rispetto a ieri). Il tasso di positività, calcolato sulla somma tra tamponi molecolari e test antigenici del giorno, è pari a 4.8 per cento. Sono 609 i pazienti (-8 rispetto a ieri) ricoverati in ospedale in terapia non intensiva; 78 (+2 rispetto a ieri con 5 nuovi ricoveri) in terapia intensiva, mentre gli altri 11948 (-79 rispetto a ieri) sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl. Del totale dei casi positivi, 13115 sono residenti o domiciliati in provincia dell'Aquila (+48 rispetto a ieri), 13085 in provincia di Chieti (+255), 13550 in provincia di Pescara (+279), 12595 in provincia di Teramo (+111), 422 fuori regione (+9) e 184 (-50) per i quali sono in corso verifiche sulla provenienza.

Liguria, 452 casi e 7 morti

In 24 ore ci sono stati 452 nuovi casi di positività al covid in Liguria. Il virus sta ancora circolando con forza a Ponente dove sono stati registrati 112 nuovi casi e una recrudescenza la mostra anche a Genova con 194 nuovi casi. Nel Savonese le persone colpite sono 64, nello Spezzino 51 e nel Tigullio 29. Due i residenti fuori regione. I tamponi sono stati 8015 (4857 moleclari e 3158 antigenici rapidi). Il rapporto tra tamponi e positivi è del 5,63%, era del 3,7%. I morti sono 7 per un totale di 3615. Gli ospedalizzati sono 545: di questi 52 in terapia intensiva. I ricoverati sono 9 meno di ieri. I vaccini consegnati sono 160750, quelli somministrati 115045, hanno finito il ciclo vaccinale in 41048. In isolamento demociliare ci sono 4530 persone, 177 in più rispetto alle 24 ore precedenti, mentre in sorveglianza attiva ce ne sono 6642, erano 6781.

Bolzano, 355 casi e 3 morti

Tre decessi e 355 nuovi casi: sono questi i dati dell'ultimo bollettino covid in Alto Adige. I laboratori dell'Azienda sanitaria nelle ultime 24 ore hanno analizzato 2375 tamponi pcr, individuando 196 casi positivi. Dei 15.402 test antigenici analizzati ieri sono risultati positivi 159. Nei normali reparti ospedalieri attualmente si trovano 225 pazienti, nelle cliniche private 162 e in terapia intensiva 41. Altri tre altoatesini sono ricoverati in terapia intensiva in Austria. Infine, 11066 persone sono in quarantena.

Calabria, 194 casi e 3 morti

Tornano a calare i positivi in Calabria (194 contro i 278) di ieri con un numero equivalente di tamponi effettuati. Stabili (3) i decessi con il totale che arriva a 674. Diminuiscono di 2 i ricoverati in terapia intensiva (17) e di 39 gli isolati a domicilio (5.931) mentre crescono di 6 i ricoverati in area medica (186). I nuovi guariti sono 226 con il totale che arriva a 30.484 mentre i casi attivi passano dai 6.169 di ieri ai 6.134 di oggi. I casi di oggi sono stati registrati a Cosenza 46, Catanzaro 15, Crotone 16, Vibo Valentia 39, Reggio Calabria 72. 

Basilicata, 128 contagi

Sono 128 i nuovi casi positivi al Sars Cov-2, di cui 120 riguardanti residenti, su un totale di 1.245 tamponi molecolari registrati ieri in Basilicata. Lo rende noto la task force regionale con il consueto bollettino. Nelle scorse 24 ore è deceduta una persona di Rionero in Vulture. I lucani guariti o negativizzati sono 51. Nel bollettino di oggi i Comuni con più casi sono Matera (25), Potenza (12) e Montescaglioso (12), in quest'ultima città il sindaco Vincenzo Zito ha disposto l'anticipazione del coprifuoco alle ore 20.

Aggiornando i dati complessivi, i lucani attualmente positivi salgono a 3.647 (+68), di cui 3.557 in isolamento domiciliare, mentre sono 10.899 le persone residenti in Basilicata guarite dall'inizio dell'emergenza sanitaria e 358 quelle decedute. Le persone attualmente ricoverate nelle strutture ospedaliere lucane sono 90 (+3): al San Carlo di Potenza 28 nel reparto di Malattie infettive, 23 in Pneumologia, 10 in Medicina d'urgenza e 2 in Terapia intensiva; all'ospedale Madonna delle Grazie di Matera 12 nel reparto di Malattie infettive, 10 in Pneumologia e 3 in Terapia intensiva. Dall'inizio dell'emergenza sanitaria sono stati analizzati 235.586 tamponi molecolari, di cui 217.923 sono risultati negativi, e sono state testate 144.007 persone.

Sardegna, 80 casi e 10 morti

Salgono a 40.957 i casi di positività al Covid-19 complessivamente accertati in Sardegna dall'inizio dell'emergenza: nell'ultimo aggiornamento dell'Unità di crisi regionale sono stati rilevati 80 nuovi contagi. In totale sono stati eseguiti 752.668 tamponi, per un incremento complessivo di 3.556 test rispetto al dato precedente, con un tasso di positività dello 2,2%. Si registrano anche 10 decessi (1.142 in tutto). Sono, invece, 229 i pazienti attualmente ricoverati in ospedale in reparti non intensivi (-9), mentre sono 22 (+1) i pazienti in terapia intensiva. Le persone in isolamento domiciliare sono 12.641. I guariti sono complessivamente 26.700 (+149), mentre le persone dichiarate guarite clinicamente nell'Isola sono attualmente 223. Sul territorio, dei 40.957 casi positivi complessivamente accertati, 9.700 (+23) sono stati rilevati nella Città Metropolitana di Cagliari, 6.565 (+13) nel Sud Sardegna, 3.470 (+1) a Oristano, 8.148 (+12) a Nuoro, 13.074 (+31) a Sassari. 

Valle D'Aosta, 2 casi

Nessun nuovo decesso e due nuovi casi positivi al Covid-19 in Valle d'Aosta. Lo rileva il bollettino di aggiornamento sanitario della Regione. Da inizio pandemia i casi positivi al coronavirus sono 7998, i casi positivi attuali sono 142, quattro in meno di ieri, di cui 10 ricoverati in ospedale, uno in terapia intensiva, e 131 in isolamento domiciliare. I guariti sono 7441, + 6 rispetto a ieri, il totale dei tamponi effettuati fino ad oggi è di 76.738, + 285 rispetto a ieri, di cui 3115 processati con test antigienico rapido.

Ultimo aggiornamento: 26 Febbraio, 19:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA