Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Covid accelera l'invecchiamento: ecco cosa dicono gli studi sul Dna

I risultati delle ricerche di un team internazionale guidato da scienziati cinesi

Covid accelera l'invecchiamento: ecco cosa dicono gli studi sul Dna
3 Minuti di Lettura
Venerdì 22 Aprile 2022, 15:56 - Ultimo aggiornamento: 23 Aprile, 17:31

Il Covid fa invecchiare prima. A rivelarlo è un team internazionale guidato da scienziati cinesi che ha identificato in un recente studio che il Covid-19 accelera l'invecchiamento. I ricercatori del Sixth Affiliated Hospital dell'Università Sun Yat-sen, nella città cinese meridionale di Guangzhou, e i loro collaboratori spagnoli hanno scoperto che l'età cronologica è un fattore di rischio per l'infezione da SARS-CoV-2 e per le forme più gravi di Covid-19.

Omicron, la variante elude gli anticorpi: ecco perché è così contagiosa (e si studiano nuovi vaccini specifici)

«Il Covid accelera l'invecchiamento»

In uno studio pubblicato questa settimana sulla rivista Nature Communications, hanno analizzato la metilazione del DNA (DNAm) dei campioni di sangue di 232 individui sani e 413 pazienti Covid. La DNAm è un processo biologico attraverso il quale i gruppi metilici vengono aggiunti alla molecola di DNA per cambiarne l'attività di un segmento senza però modificare la sequenza. Ogni individuo ha un'età DNAm e ci sono forti correlazioni tra questa e la sua età cronologica, secondo lo studio.

L'invecchiamento

I ricercatori hanno osservato un'accelerazione dell'invecchiamento del DNAm e lo sfilacciamento dei telomeri, parte finale del cromosoma considerata strettamente correlata alla longevità delle persone, negli individui infetti. E' stata riscontrata una crescente accelerazione dell'età nelle fasi iniziali del Covid-19, anche se potrebbe essere parzialmente invertita nelle fasi successive. Lo studio ha rivelato che l'invecchiamento epigenetico accelerato è associato al rischio di infezione da SARS-CoV-2 e allo sviluppo di una grave forma di Covid-19, fornendo una nuova modalità per effettuare lo screening delle persone infette maggiormente inclini a sviluppare forme severe.

© RIPRODUZIONE RISERVATA