Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Nuove regole Covid, Pregliasco: «Riapriamo ma potremmo dover richiudere, le mascherine diventino accessorio di moda»

«Le mascherine vanno usate come si fa con gli occhiali da sole. Vanno utilizzate con buon senso»

Nuove regole Covid, Pregliasco: «Serve responsabilità, potremmo dover richiudere. Mascherine diventino accessorio di moda»
4 Minuti di Lettura
Giovedì 31 Marzo 2022, 14:29 - Ultimo aggiornamento: 1 Aprile, 18:58

Il 31 marzo segna l'ultimo giorno dello stato d'emergenza, cominciato con l'arrivo della pandemia nel 2020. Domani il nuovo inizio, ma a ricordare di restare tutti con i piedi per terra ci pensa il virologo Fabrizio Pregliasco. «Il messaggio deve essere di fiducia e positivo. Ma così come si fa con il rubinetto dell'acqua calda, che adesso stiamo aprendo stando attenti a non scottarci, questo rubinetto potremmo doverlo richiudere ed è importante dirlo, almeno come ipotesi, sperando che non accada», ha ammonito il docente all'università Statale di Milano. Sarà necessaria «la responsabilità di tutti».

Covid: deceduti due anziani vaccinati al de Lellis ma i contagi calano ancora

Omicron, in 7 giorni 500mila casi ma l'aumento si ferma. Gimbe: «Circolazione del virus elevata»

 

Pregliasco e l'idea rubinetto: «Si può richiudere»

«Dovremmo contare sulla responsabilità di ognuno di noi e rilanciarne il valore. I cittadini hanno già dimostrato responsabilità con un'adesione massiccia alla vaccinazione anti-Covid», ricorda Pregliasco. «E questo è un elemento importante che prova come la maggioranza degli italiani sia consapevole, e dovrà continuare a esserlo, di una situazione che dobbiamo gestire con progressività», insiste.

Il direttore sanitario dell'Irccs Galeazzi di Milano invita a tenere a mente l'immagine del rubinetto che si apre e si può richiudere: «Pensiamo a questo aspetto e non abbassiamo la guardia - avverte - Soprattutto proteggiamo i fragili, perché è vero che» il virus nella versione «Omicron 2 è un terzo meno cattivo, ma lo è soprattutto per la gran quota di vaccinati che abbiamo. Quindi stiamo attenti ai fragili», ripete Pregliasco. Quanto all'isolamento confermato per i positivi, di 7 giorni o di 10 se non vaccinati, secondo il medico è «assolutamente giusto mantenerlo. Dobbiamo andare in progressione e l'isolamento, specie in questa fase espansiva, potrebbe limitare un pò l'impatto« della circolazione virale che continua».

 

 

Mascherine accessorio di moda

Mascherine sempre in tasca, «preferibilmente Ffp2», da indossare al chiuso e in generale in ogni situazione di assembramento a rischio. «Vanno mantenute e dovrebbero diventare un accessorio moda per tutti», dice il virologo dell'università Statale di Milano Fabrizio Pregliasco, che rilancia: «Vanno usate come si fa con gli occhiali da sole. Qualcuno se li tiene anche in discoteca o di notte, e non ha senso così come non ha senso tenere la mascherina se intorno non c'è nessuno o se siamo all'aperto in condizioni di sicurezza. Vanno utilizzate con buon senso», anche dopo il primo maggio, «al di là dell'obbligo», precisa l'esperto all'Adnkronos Salute. «Manteniamo l'abitudine di metterle quando serve, facendone un uso appropriato - invita il direttore sanitario dell'Irccs Galeazzi di Milano - Una volta, quando si vedeva un orientale indossarla, lo si guardava strano». Poi però è arrivato Covid e si è capito che forse avevano ragione loro. Basta una chirurgica? «In questa fase meglio la Ffp2, preferibilmente», risponde il medico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA