CORONAVIRUS

Coronavirus, scienziato cinese denuncia: «Ecco come Wuhan ha nascosto le prove»

Lunedì 27 Luglio 2020
3
Coronavirus, scienziato cinese denuncia: «Wuhan ha nascosto le prove»

Le autorità cinesi di Wuhan avrebbero nascosto la gravità dell'iniziale epidemia di coronavirus. A lanciare l'accusa è il professor Kwok-Yung Yuen, che prese parte alle indagini effettuate a Wuhan sull'origine del Covid-19. Secondo quanto raccontato alla Bbc, le autorità distrussero le prove fisiche e la loro risposta alle evidenze cliniche del virus fu lenta. «Quando andammo nel mercato di Huanan (il mercato di Wuhan dove si ritiene abbia avuto origine il virus, ndr), non c'era nulla da esaminare, perché il mercato era già stato pulito», afferma Yuen.

LEGGI ANCHE Virus, virologa di Hong Kong: «La Cina ha insabbiato le ricerche sul Covid. A Pechino mi avrebbero imprigionato»
LEGGI ANCHE Cina, chiuso il consolato Usa a Chengdu: «Attività pericolose per la sicurezza»

«Si può dire che la scena del crimine era già stata compromessa e poiché il mercato era stato pulito, non abbiamo potuto identificare nessun ospite che trasmetteva il virus agli umani», spiega lo scienziato cinese. «Ho il sospetto che a livello locale a Wuhan abbiano nascosto qualcosa. I funzionari locali che dovevano trasmettere immediatamente le informazioni non hanno permesso che questo venisse fatto subito», sostiene Yuen.

Ultimo aggiornamento: 28 Luglio, 07:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA