CORONAVIRUS

Coronavirus, no alla respirazione bocca a bocca: ecco come cambia il primo soccorso

Giovedì 11 Giugno 2020
1
Coronavirus, no alla respirazione bocca a bocca: ecco come cambia il primo soccorso

Coronavirus, respirazione bocca a bocca addio: è una circolare del Ministero della Salute a ridisegnare il primo soccorso. Durante il massaggio cardiaco una mascherina o un telo sul volto della persona da rianimare ma niente respirazione bocca a bocca, se non ai bambini: l'epidemia Covid19 cambia anche le procedure di primo soccorso.

Il premio Nobel Beutler: «Non ci sarà una seconda ondata del virus. Il vaccino? Solo a inizio 2021»

Sposa positiva al Covid19 al matrimonio, dopo gli auguri e le foto 31 invitati finiscono in quarantena

Da quelle per ostruzione delle vie aree a quelle per arresto cardiaco o annegamento, le manovre di rianimazione, infatti, possono esporre al contagio. Per questo il ministero della Salute ha pubblicato le «Indicazioni nazionali per il contenimento del contagio da SARS-CoV-2 nelle operazioni di primo soccorso e per la formazione dei soccorritori».

La circolare introduce modifiche ad interim dei protocolli di rianimazione e prevede di eseguire «le sole compressioni toraciche senza la ventilazione», ovvero evitare la respirazione «bocca-bocca o bocca-naso». L'unica eccezione è il soccorso di bambini e neonati: le raccomandazioni internazionali «hanno evidenziato come nelle manovre per contrastare l'arresto pediatrico la ventilazione rappresenti una discriminante importante», poiché spesso è resa necessaria da un'ostruzione delle vie aree. Perciò, in questo caso, può esser eseguita tale manovra completa.

In generale, per il soccorritore non operatore sanitario è raccomandato in questo periodo pandemico «verificare lo stato di coscienza e la presenza di respiro senza avvicinarsi al volto della vittima» e allertare precocemente i soccorsi. Anche il massaggio cardiaco va fatte considerando la persona da soccorrere come «potenzialmente infetta» e i soccorritori «devono utilizzare i dispositivi di protezione individuale adatti ad evitare l'esposizione ad aerosol generati dalle procedure». Durante tali manovre di rianimazione cardiopolmonare pertanto, «è opportuno appoggiare sul viso della persona da soccorrere una mascherina o un telo, onde evitare la possibile fuoriuscita di droplets». Nel caso in cui si debba soccorrere una vittima da annegamento in mare, infine, l'operazione di salvataggio va indossando «maschera e boccaglio» per «minimizzare la trasmissione di secrezioni respiratorie».

 

Ultimo aggiornamento: 18:16 © RIPRODUZIONE RISERVATA