Coronavirus Italia, bollettino: 14.078 casi e 521 morti. In Lombardia il più alto numero di contagi

Coronavirus Italia, bollettino: oggi 14.078 casi e 521 morti. In Lombardia il più alto numero di contagi
13 Minuti di Lettura
Giovedì 21 Gennaio 2021, 17:41 - Ultimo aggiornamento: 30 Gennaio, 16:14

Coronavirus, il bollettino di giovedì 21 gennaio 2021. Nelle ultime 24 ore in Italia i nuovi contagi sono stati 14.078 (ieri 13.571), 521morti (ieri 524), secondo i dati del ministero della Salute dopo aver eseguito 267.567 tamponi. Il totale dei casi dall'inizio dell'emergenza sale coì a 2.422.728. Il numero complessivo delle vittime sale a 84.202.

In Lombardia il più alto numero di nuovi casi

 

È ancora la Lombardia la regione con il più alto numero di nuovi casi di Covid in Italia: 2.234 nelle ultime 24 ore. Altre sei regioni superano i mille casi in un giorno: Emilia Romagna (1.320), Lazio (1.303), Puglia (1.275), Sicilia (1.230), Campania (1.215) e Veneto (1.003).

Terapie intensive in calo

 

Calano ancora le terapie intensive dove sono ricoverate adesso 2.418 persone (-43 da ieri). I guariti in totale sono 1.827.451 (+20.519), mentre gli attualmente positivi 516.568 (-6.985). Questi i dati elaborati dal ministero della Salute, consultabili anche sul sito della Protezione civile.

Tasso positività sale al 5,2%

 

Sono 267.567 i test per il coronavirus (molecolari e antigenici) effettuati in Italia nelle ultime 24 ore. Ieri, secondo i dati del ministero della Salute, erano stati 279.762. Il tasso di positività è al 5,2%, in aumento rispetto al 4,9% di ieri.

 

App Immuni, nel Lazio nuovo sistema per migliorare le registrazioni dei positivi

Covid, al via nel Lazio richiami per i primi vaccinati e gli over 80 allo Spallanzani

I dati

Lombardia55 morti nelle ultime 24 ore

 

Sono 55 le persone decedute in Lombardia nelle ultime 24 ore a causa del coronavirus, portando così a 26.460 il numero totale dei decessi dall'inizio della pandemia. Lo rende noto la Regione. I tamponi effettuati sono 37.713 (di cui 28.008 molecolari e 9.705 antigenici) per un totale di 5.348.951. I nuovi casi positivi sono invece 2.234 (di cui 119 'debolmente positivì) mentre il rapporto positivi/tamponi sale a 5,9%. Aumenta il numero di pazienti guariti/dimessi: sono 440.880 (+2.822), di cui 3.516 dimessi e 437.364 guariti. Calano i ricoveri in terapia intensiva: sono 411 (-17) mentre i pazienti ricoverati non in terapia intensiva scendono a 3.644 (-6).

Lazio, 1.303 positivi (688 a Roma) e 36 vittime. Rapporto tra positivi e tamponi è a 10%

 

Nel Lazio su oltre 12 mila tamponi e (-47) quasi 14 mila antigenici -per un totale di oltre 26 mila test- si registrano 1.303 casi positivi (+22), 36 decessi (-25) e +1.771 i guariti. Aumentano i casi, mentre diminuiscono i decessi, i ricoveri e le terapie intensive. Il rapporto tra positivi e tamponi è a 10%, ma se consideriamo anche gli antigenici la percentuale scende a 4%. I casi a Roma città tornano a quota 688. Rispetto al giovedì della scorsa settimana registriamo un calo di 513 casi. Si prevede un valore Rt in calo di nuovo sotto a 1 e una riduzione del tasso di occupazione dei posti di terapia intensiva e di area medica per pazienti covid'.

Veneto, oggi 1.003 positivi e 104 morti

 

Coronavirus Veneto, il bollettino di oggi riporta 1.003 positivi e 104 morti. I ricoveri sono in calo. Questi i dati che emergono dall'analisi di 36 mila tamponi, pari ad una incidenza del 2,78%. Rimane dunque alto il numero dei decessi, 104 in più rispetto a ieri, per un totale da inizio pandemia di 8.364. Continua il trend di calo dei ricoveri sia in area non critica che nelle terapie intensive sceso ad un totale di 2.798 in totale di pazienti Covid ricoverati negli ospedali della regione, da ieri son ostati così liberati 600 letti. La provincia con il maggior numero di nuovi casi è Padova (108), seguita da Venezia (106), Verona (89), Vicenza (53), Treviso (26), Belluno (15), Rovigo (4).

Emilia Romagna, 1.090 casi e 64 morti


Dall'inizio dell'epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 206.578 casi di positività, 1.320 in più rispetto a ieri, su un totale di 21.949 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti da ieri è del 6%. Prosegue l'attività di controllo e prevenzione: dei nuovi contagiati, 597 sono asintomatici individuati nell'ambito delle attività di contact tracing e screening regionali. Complessivamente, tra i nuovi positivi 388 erano già in isolamento al momento dell'esecuzione del tampone, 628 sono stati individuati all'interno di focolai già noti. L'età media dei nuovi positivi di oggi è 45 anni. Sui 597 asintomatici, 362 sono stati individuati grazie all'attività di contact tracing, 91 attraverso i test per le categorie a rischio introdotti dalla Regione, 5 con gli screening sierologici, 28 tramite i test pre-ricovero. Per 111 casi è ancora in corso l'indagine epidemiologica.

La situazione dei contagi nelle province vede Bologna con 260 nuovi casi; a seguire Modena (216), Reggio Emilia (144), Rimini (127), Ravenna (109), Forlì (94), Ferrara (90). Poi la provincia di Parma (85), quindi le province di Piacenza e Cesena (77) e infine Imola (41). Nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 16.049 tamponi molecolari, per un totale di 2.851.937. A questi si aggiungono anche 576 test sierologici e 5.900 tamponi rapidi. Per quanto riguarda le persone complessivamente guarite, sono 1.787 in più rispetto a ieri e raggiungono quota 145.533. I casi attivi, cioè i malati effettivi, a oggi sono 52.037 (-540 rispetto a ieri). Di questi, le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 49.363 (-494), il 94,9% del totale dei casi attivi.

Purtroppo, si registrano 73 nuovi decessi: 8 a Piacenza (3 donne - di 84, 96 e 98 anni- e 5 uomini, di 78, 80, 81, 94 e 95 anni); 3 in provincia di Parma (una donna di 84 e due uomini, rispettivamente di 68 e 84 anni); 5 a Reggio Emilia (due donne - di 83 e 85 anni - e tre  uomini di 67, 77 e 96 anni,);11 nella provincia di Modena (8 donne - due di 71 anni, una di 82, una di 85, due di 88, una di 89 e una 90enne - e tre uomini, rispettivamente di 69, 85 e 86 anni); 20 in provincia di Bologna (13 donne: una di 51, una di 77 anni, una di 78, una di 84, una di 88, una di 89, 2 di 90, poi una di 91, due di 92, una di 99 e una di 106 anni; e 7 uomini: 71, 72, 85, 88, 90, 95 e 98 anni); 6 nel ferrarese (tre donne - rispettivamente di 83, 84, 85 anni- e tre uomini di 73, 80 e 95 anni); 8 in provincia di Ravenna (4 donne - di 69, 74, 89, 92 anni - e 4 uomini, rispettivamente di 64, 66, 81 e 94 anni);  nella provincia di .a Forlì-Cesena (due donne di 78 e 96 anni; tre uomini di 71, 86, e 96 anni); 6 nel riminese (tre donne, di 80, 89 e 91 anni, e tre uomini, di 81, 83 e  94 anni). Infine, si segnala il decesso di una donna di 91 anni diagnosticata dall'Ausl di Piacenza ma residente in provincia di Lodi. In totale, dall'inizio dell'epidemia i decessi in regione sono stati 9.008. I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 218 (-12 rispetto a ieri), 2.456 quelli negli altri reparti Covid (-34). Sul territorio, i pazienti ricoverati in terapia intensiva sono così distribuiti:17 a Piacenza (numero invariato rispetto a ieri), 14 a Parma (-1), 19 a Reggio Emilia (+1), 43 a Modena (-3), 41 a Bologna (-3), 14 a Imola (-1), 26 a Ferrara (-3), 11 a Ravenna (-3), nessun ricoverato a Forlì (come ieri),5 a Cesena (invariato) e 28 a Rimini (+2).

Questi i casi di positività sul territorio dall'inizio dell'epidemia, che si riferiscono non alla provincia di residenza, ma a quella in cui è stata fatta la diagnosi: 17.731 a Piacenza (+77 rispetto a ieri, di cui 45 sintomatici), 14.649  a Parma (+85, di cui 52  sintomatici), 27.573 a Reggio Emilia (+144, di cui 61 sintomatici), 36.716 Modena (+216, di cui 120 sintomatici), 40.878 a Bologna (+260, di cui 135 sintomatici), 6.506 casi a Imola (+41, di cui 27 sintomatici), 11.696 a Ferrara (+90, di cui 31sintomatici), 7.591 a Forlì (+94, di cui 72 sintomatici), 8.572 a Cesena (+77, di cui 52 sintomatici) e 18.911 a Rimini (+127, di cui 62 sintomatici). Continua intanto la campagna vaccinale anti-Covid, in questa prima fase riguardante il personale della sanità e delle Cra, compresi i degenti delle residenze per anziani. Alle 15.30 sono state somministrate complessivamente 123.265 dosi. Si ricorda che, a causa dei tagli pari a circa il 50% delle dosi fornite questa settimana - decisa autonomamente da Pfizer-BioNtech - anche per i prossimi giorni in Emilia-Romagna la priorità è data ai richiami, con la somministrazione della seconda dose a chi ha ricevuto la prima, e ai degenti delle Cra.

Piemonte, 29 decessi e 761 nuovi casi

 

L'Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato 761 nuovi casi di persone risultate positive al Covid-19 (di cui 137 dopo test antigenico), pari al 4,4 % dei 17.448tamponi eseguiti, di cui 11.693antigenici. Dei761 nuovi casi gli asintomatici sono 302 (39,7%). I casi sono 170 di screening, 395 contatti di caso, 196 con indagine in corso, 53 in Rsa e Strutture Socio-Assistenziali, 58 in ambito scolastico e 650 tra la popolazione generale. Il totale dei casi positivi diventa quindi 219.306, di cui  19.577 Alessandria, 11.359 Asti, 7.594 Biella, 30.422 Cuneo, 17.116 Novara, 114.306 Torino, 8.249 Vercelli, 7.792Verbano-Cusio-Ossola, oltre 1.128 a residenti fuori regione, ma in carico alle strutture sanitarie piemontesi. I restanti 1.763 sono in fase di elaborazione e attribuzione territoriale. I ricoverati in terapia intensiva sono 159 (- 6 rispetto a ieri). I ricoverati non in terapia intensiva sono 2419(- 47 rispetto  a ieri).  Le persone in isolamento domiciliare sono 10.998. I tamponi diagnostici finora processati sono 2.311.605 (+17.448 rispetto a ieri), di cui 990.690risultati negativi. Sono 29 i decessi di persone positive al test del Covid-19 comunicati dall'Unità di Crisi della Regione Piemonte, di cui 6 verificatisi  oggi. Il totale è ora di 8.525 deceduti risultati positivi al virus, 1.293 Alessandria, 558 Asti, 364 Biella, 977 Cuneo, 711 Novara, 3.877 Torino, 393 Vercelli, 271 Verbano-Cusio-Ossola, oltre a 81 residenti fuori regione, ma deceduti in Piemonte. I pazienti guariti sono complessivamente 197.205 (+ 1044 rispetto a ieri),  17.157 Alessandria, 9.954 Asti,6.804Biella, 27.541 Cuneo, 15.400 Novara, 103.466Torino, 7.385 Vercelli, 6.871 Verbano-Cusio-Ossola, oltre a 1.022 extraregione e 1605 in fase di definizione.

Puglia, 26 morti e 1.275 nuovi casi

 

Nelle ultime 24 ore in Puglia ci sono stati 26 decessi per Covid-19, mentre 11.524 test eseguiti sono stati registrati 1.275 casi positivi (con una incidenza dell'11,06%): 478 sono in provincia di Bari, 294 in provincia di Foggia, 207 in provincia di Taranto,138 in provincia di Lecce, 92 nella provincia BAT, 63 in provincia di Brindisi, 4 residenti fuori regione e un caso di provincia di residenza non nota è stato riclassificato e attribuito. Delle vittime 12 vivevano in provincia di Bari, 6 in provincia di Taranto. 3 in provincia BAT, 3 in provincia di Lecce, 1 in provincia di Brindisi e 1 in provincia di Foggia. Dall'inizio dell'emergenza sono stati eseguiti 1.220.229 test, 55.388 sono i pazienti guariti e 54.784 sono i casi attualmente positivi. Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 113.115.

Liguria, 243 nuovi positivi

 

Sono 243 i nuovi positivi al coronavirus in Liguria registrati nelle ultime 24 ore a fronte di 3923 tamponi effettuati. È il dato diffuso dalla task force di Regione Liguria per l'emergenza nel bollettino quotidiano, che aggiorna anche sul numero dei pazienti ospedalizzati, 697 in tutti i presidi ospedalieri, 5 in meno di ieri, di cui 62 in terapia intensiva.Al momento sono 4.843 i liguri in sorveglianza attiva. Nelle ultime 24 ore sono stati inoltre registrati 14 decessi.

Sicilia, 1.230 nuovi casi e 28 vittime

 

Sono complessivamente 1.230 su 21.609 tamponi processati i nuovi casi di Covid-19 registrati nelle ultime ore in Sicilia, dove il numero complessivo dei positivi sale a quota 46.898. Il dato è contenuto nel bollettino quotidiano del ministero della Salute, da cui emerge che le vittime in un solo giorno sono state 28 (3.129 dall'inizio dell'emergenza sanitaria) e i guariti 1.011. Degli attuali positivi i ricoverati con sintomi sono 1.436, mentre si trovano in terapia intensiva 221 pazienti.  Questa la ripartizione su base provinciale dei nuovi casi: 459 a Palermo, 248 a Catania, 127 a Messina, 36 a Ragusa, 112 a Trapani, 68 a Siracusa, 104 a Caltanissetta, 41 ad Agrigento e 35 a Enna.

Sardegna, 7 morti e 238 nuovi casi

 

Si registrano 7 nuovi decessi per Covid - 19 in Sardegna e 238 casi di positività in più. Nell'aggiornamento dell'Unità di crisi regionale risulta un incremento complessivo di quasi 6mila test rapidi (5.991) rispetto al dato di ieri e un rapporto casi positivi-numero di tamponi eseguiti che porta l'Isola ad un tasso di positività del 3,97%. I pazienti attualmente ricoverati in ospedale in reparti non intensivi sono 466 (-22 rispetto al dato di ieri), 51 (-2) in terapia intensiva. Le persone in isolamento domiciliare sono 16.599. Dei 36.471 casi positivi complessivamente accertati, 8.376 (+48) sono stati rilevati nella Città Metropolitana di Cagliari, 6.046 (+28) nel Sud Sardegna, 2.954 (+7) a Oristano, 7.334 (+47) a Nuoro, 11.763 (+108) a Sassari.

Calabria, 9 decessi e 258 nuovi casi

 

Restano sempre su livelli alti i numeri relativi ai nuovi positivi in Calabria. Sono 258 i contagi riscontrati nelle ultime 24 ore (ieri erano 313), ma con un sensibile aumento dei decessi, nove in più, che portano il totale delle vittime dall'inizio dell'epidemia a 552. Dati un pò più confortanti dagli ospedali:in calo i ricoverati nei reparti di area medica (-6,totale:297) e quelli in terapia intensiva che sono 26 (-1). La provincia di Cosenza si pone oggi i testa tra i casi confermati con 123, segue Reggio Calabria (70) e poi Catanzaro (38), Vibo Valentia (17) e Crotone 10. La Calabria, che è sempre ultima nella graduatoria delle regioni italiane per numero di somministrazioni, potrebbe risultare, paradossalmente, avvantaggiata da questa condizione. Al momento, infatti, la percentuale di dosi inoculate è poco sopra il 50% e questo, anche secondo le autorità regionali, consentirà di procedere, visti i tagli nelle forniture di Pfizer, alle somministrazioni già programmate senza dover incappare nei rischi che potrebbero correre altre regioni più avanti nella corsa all'immunizzazione. Inoltre, dalla prossima settimana è prevista un'ulteriore consegna di dosi di vaccino che consentirà i richiami per le categorie interessate dalla prima fase. Ancora, purtroppo, sospensione di lezioni in presenza per contagi nel mondo della scuola. A Catanzaro stop di due giorni domani 22 e dopodomani 23 gennaio, a causa di un caso di positività riguardante un educatore scolastico, per le attività didattiche in presenza della scuola dell'Infanzia, Primaria, Secondaria di I grado e semiconvitto al Convitto Nazionale Galluppi. Nel Cosentino la Guardia di finanza ha individuato due palestre che, pur tenendo abbassate le saracinesche, permettevano ad alcune decine di clienti di potersi allenare malgrado le disposizioni anti covid.

Marche, 1.006 positivi

 

Hanno aderito 184.207 persone, con riscontro di 1.006 positivi, dall'inizio del programma 'Marche Sicure', per lo screening di massa con test antigenico rapido, gratuito e su base volontaria, avviato dalla Regione per controllare la diffusione, tracciare l'epidemia da SARS-CoV-2 e individuare gli asintomatici positivi. La percentuale di positività è dello 0,5%. I positivi sono stati sottoposti a 'molecolarè. Tutti gli studenti, insegnanti e personale scolastico Ata possono recarsi nei punti già operativi sul territorio regionale dello screening «Marche Sicure» per effettuare i tamponi rapidi prima e durante il rientro in presenza nelle scuole superiori. Lo comunica il Servizio Sanità della Regione. Mercoledì 20 gennaio nelle località dell'Area Vasta 5 (Castignano e Castel di Lama) desione di 2.091 persone (7 positivi). Nell'Area Vasta 1 (località di Orciano di Terre Roveresche, Serrungarina di Colli al Metauro, Gradara e Montecchio di Vallefoglia) si sono sottoposte al test 697 persone (14 positivi). Nell'Area Vasta 3 (località di Recanati) hanno aderito 1.496 persone (3 casi). Nell'Area Vasta 2 (a Falconara Marittima) 2.429 test (4). Prosegue e terminerà a fine mese, fa sapere la Regione, lo screening della popolazione di tutti i Comuni dell'Area Vasta 5 (esclusi Ascoli Piceno e San Benedetto del Tronto dove si è già svolto). Secondo il calendario, disponibile sul sito della Regione, potranno effettuare il tampone gratuito gli abitanti di Castel Di Lama, Appignano del Tronto, Offida, Spinetoli, Colli del Tronto, Castorano, Monteprandone, Monsampolo del Tronto, Acquaviva Picena, Ripatransone, Cossignano, Montefiore dell'Aso, Carassai e Montalto delle Marche. Continua fino a oggi, giovedì 21 gennaio lo screening di massa per i comuni di Colli al Metauro, Mondavio, Montefelcino, Monteporzio, Terre Roveresche, Gabicce Mare, Gradara, Montelabbate, Tavullia, Vallefoglia, Petriano e Montecalvo in Foglia. Sono previsti quattro siti di indagine dove potranno recarsi gli abitanti di tutti i paesi coinvolti. Terminerà domani, venerdì 22 gennaio, l'operazione di screening di massa a Recanati e l'ambito di riferimento. Il tampone nasofaringeo gratuito potrà essere effettuato dalle 8 alle 20 nel Centro polisportivo in via Aldo Moro da tutti gli abitanti di Recanati, Porto Recanati, Potenza Picena, Montelupone, Montefano e Montecassiano. Prosegue anche nell'Area Vasta 2. Possono effettuare il tampone rapido gli abitanti dei 23 comuni dei distretti di Jesi-Cingoli e Falconara Marittima. Nelle giornate di oggi e domani, giovedì 21 e venerdì 22 gennaio - dalle 8.30 alle 13.30 e dalle 14.30 alle 18.30 - potranno sottoporsi al tampone i cittadini dei comuni di Falconara Marittima, Camerata Picena, Chiaravalle, Montemarciano e Monte San Vito. Verrà effettuato presso il Palasport Badiali (Via dello Stadio - Falconara Marittima). Da sabato 23 a mercoledì 27 gennaio, sono chiamati ad effettuare il tampone, gli abitanti dei Comuni di Isola del Piano, Sant'Ippolito, Fossombrone, Fratte Rosa, San Lorenzo in Campo e Pergola - afferenti al Distretto Sanitario di Fano - e dei Comuni di Frontone, Serra Sant'Abbondio, Acqualagna, Cagli, Cantiano, Piobbico, Apecchio, Fermignano, Urbania, Peglio, Borgo Pace, Mercatello sul Metauro e Sant'Angelo in Vado - afferenti al Distretto Sanitario di Urbino -. Sono previsti sei siti di indagine in cui confluiscono gli abitanti dei comuni coinvolti. Da domenica 24 a martedì 26 gennaio dalle ore 8:00 alle ore 20:00 toccherà a Castelraimondo. Il test sarà effettuato al Lanciano Forum ed è riservato ai residenti nei Comuni degli Ambiti Sociali 17 e 18: Bolognola, Camerino, Castelraimondo, Castelsantangelo sul Nera, Esanatoglia, Fiastra, Fiuminata, Gagliole, Matelica, Monte Cavallo, Muccia, Pieve Torina, Pioraco, San Severino Marche, Sefro, Serravalle di Chienti, Ussita, Valfornace e Visso. Lunedì 25 e martedì 26 gennaio i residenti dell'Ambito 18 di Pieve Torina, Fiastra, Monte Cavallo, Muccia, Serravalle di Chienti, Ussita, Valfornace e Visso potranno effettuare lo screening anche a Pieve Torina nella sede del Poliambulatorio in località Caselle dalle 14 alle 20.

Valle d'Aosta, 17 nuovi casi, nessun decesso

 

Nessuno decesso nelle ultime ore ma da inizio emergenza Coronavirus il numero ha toccato 400, e 341 casi positivi attuali, - 18, di cui 43 ricoverati in ospedale, 2 in terapia intensiva e 297 in isolamento domiciliare. Sono i numeri dell'epidemia da Covid 19 in Valle D'Aosta, resi noti dal bollettino di aggiornamento sanitario della Regione. Da inizio emergenza casi positivi sono 7696, + 17, e i guariti sono 6955, + 34 rispetto a ieri. I tamponi fino ad oggi effettuati sono 67.714, di cui 335 processati con test antigenico rapido.

 
Video
 

#Coronavirus: D'Amato: Oggi su oltre 12 mila tamponi nel Lazio (-47) e quasi 14 mila antigenici per un totale di oltre...

Pubblicato da Salute Lazio su Giovedì 21 gennaio 2021

© RIPRODUZIONE RISERVATA