CORONAVIRUS

Coronavirus e depressione, un adolescente su tre ha sintomi: «Sentono la mancanza della scuola». Più colpite le ragazze

Lunedì 27 Aprile 2020
1
Coronavirus e depressione, un adolescente su tre ha sintomi: «Sentono la mancanza della scuola». Più colpite le ragazze

Coronavirus, un adolescente su tre ha sintomi depressivi a causa del lockdown e la cosa che manca di più ai ragazzi è la scuola. A dirlo è uno studio dell'associazione di psicologi 'Donne e qualità della vita' che ha raccolto le segnalazioni di oltre 600 ragazzi da 12 a 19 anni. Sono in particolare le ragazze a manifestare più sintomi depressivi (nel 68% dei casi) rispetto ai ragazzi (42%). La depressione è più diffusa al Nord, con il 44% dei casi, mentre al Sud si scende al 33%.

Coronavirus, misteriosa sindrome infiammatoria colpisce i bambini. Il pediatra Villani: «Monitoriamo»

Il virologo Crisanti: «Riaprire tutta Italia? Follia, meglio scegliere tre Regioni per vedere se esplodono nuovi focolai»

Secondo la ricerca, la manifestazione maggiore della depressione è quella degli stati d'ansia (per il 18% degli intervistati), poi vengono gli attacchi di panico (16%), la perdita di energie (14%), il senso di fatica e spossatezza (13%), i disturbi della concentrazione e della memoria (10%), l'agitazione motoria e il nervosismo (8%), la perdita o l'aumento di peso (7%), l'insonnia, l'ipersonnia o comunque i disturbi del sonno (5%), i dolori fisici (2%) e, nell'1% dei casi, le regressioni comportamentali.

Cosa manca di più ai ragazzi in questo periodo? La scuola è al primo posto (19%), seguita dalla possibilità di uscire (18%), incontrare gli amici (16%), vedere i propri nonni o parenti (14%), lo svago e i divertimenti (10%), l'esercizio fisico in libertà, specie all'aria aperta (7%), ballare (5%), andare al cinema (4%), andare allo stadio (3%) e trascorrere i weekend fuori porta (2%). Per combattere la depressione nel 5% dei casi, si affidano ai social network e ai loro idoli del web come Favij o LaSabri della scuderia Web Stars Channel. Altri, il 31%, seguono le loro serie tv preferite sulle piattaforme streaming; poi c'è un 28% che non vede l'ora di svagarsi con alcuni dei dj set più in voga. Circa il 23%, naturalmente, si tiene aggiornato sulla scuola tra compiti, studi, ripassi e didattica a distanza; seguono i videogiochi (20%). Il 19% si diletta in esercizi fisici. Il 15%, invece, legge libri.

 

 
 
 

Ultimo aggiornamento: 28 Aprile, 11:03 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani