CORONAVIRUS

Coronavirus, l'anestesista a Bergamo: «In Italia colpite zone più inquinate: colpa dei veleni nell'acqua e nell'aria»

Mercoledì 25 Marzo 2020 di Chiara Jommi Selleri
2

Stefano Manera, 44 anni, specialista in anestesia e rianimazione, ha partecipato al bando straordinario indetto dalla regione Lombardia. È partito da Milano per la trincea dell'ospedale Papa Giovanni XIII di Bergamo, tra i più colpiti dall'emergenza coronavirus.

Coronavirus Bergamo, il sindaco Gori: «La sanità in Lombardia mostra tutti i suoi limiti, molti muoiono a casa»

Come mai tanto coraggio?
«Non sono un eroe. Lo è chi in queste settimane sta affrontando la malattia»
Qual è la situazione nel suo ospedale?
«Spettrale. Sembra un termitaio: fuori regna il silenzio più assoluto, dentro brulica di medici che lavorano senza sosta. Tutti i pazienti hanno il coronavirus, 70 sono in rianimazione. Uno scenario di medicina delle catastrofi».
Da semplice influenza a virus capace di uccidere migliaia di persone. Che cos'è il Covid 19?
«Una malattia ancora sconosciuta, che all'inizio colpiva le persone più fragili e che adesso intacca anche giovani sani. La mia impressione è che chi si ammala abbia un substrato preesistente di infiammazione: sovrappeso, diabete, ipertensione arteriosa. La maggior parte degli italiani ce l'ha, come mai?».
Si è dato qualche risposta?
«I veleni: elementi nocivi nell'aria o nell'acqua che beviamo. Per questo si pensa che il virus abbia colpito le zone più inquinate d'Italia. Di certo, quando tutto sarà finito, nulla dovrà tornare come prima».

riproduzione riservata ®

Ultimo aggiornamento: 12:10 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Traffico e sveglie all’alba: cosa non ci manca dell’uscire di casa

di Veronica Cursi