Cina, due prof universitari di Shangai risultano 2 volte positivi ma girano liberamente: focolaio e test a tappeto

La coppia non ha avvisato le autorità e gira il Paese per turismo

Cina, due prof universitari di Shangai risultati 2 volte positivi ma girano liberamente: focolaio e test a tappeto
4 Minuti di Lettura
Martedì 19 Ottobre 2021, 07:32 - Ultimo aggiornamento: 07:37

Una coppia di anziani (entrambi positivi) infrange le regole di quarantena e si gode i siti turistici della Cina: così è diventata il fulcro dell'ultimo cluster Covid-19 del paese, spingendo le autorità a intraprendere un massiccio esercizio di tracciamento e test dei contatti. La Cina, l'ultima resistenza di diversi cosiddetti paesi Covid Zero che cercano di eliminare il virus, sta assistendo a un altro focolaio. La rinascita, questa volta nelle sue province nordoccidentali, arriva pochi giorni dopo che la Cina ha contenuto due focolai separati della variante Delta nelle sue province nord-orientali e costiere.

La Cina testerà migliaia di campioni di sangue di Wuhan per scoprire l'origine del virus

L'ultima ondata di casi è stata collegata a due docenti universitari in pensione di Shanghai, che hanno iniziato un viaggio con molti altri amici all'inizio di ottobre e sono stati trovati infetti giorni dopo nella provincia dello Shaanxi, secondo i resoconti dei media locali. La coppia è risultata positiva sabato durante il tour, iniziato intorno al 9 ottobre e che includeva un viaggio attraverso il Gansu e la Mongolia interna (lo riporta il Global Times). Il giorno prima, venerdì 15 ottobre, la coppia è stata sottoposta a tampone a Gansu, dove è stata informata che i loro risultati erano risultati positivi.

I due sono partiti comunque, senza informare le autorità, e hanno proseguito per lo Shaanxi. Il giorno dopo sono stati nuovamente testati e sono risultati infetti. Mentre aspettavano quel risultato, hanno viaggiato per la capitale della provincia di Xi'an e hanno visitato molti punti panoramici. La provincia dello Shaanxi ha successivamente riportato diverse infezioni, con la Mongolia interna e il Gansu che hanno entrambi segnalato nuovi casi martedì.

Sebbene piccolo rispetto ai focolai nella maggior parte dei paesi, il cluster - circa 20 infezioni identificate finora - sottolinea ancora che la sfida al virus è complessa. La variante Delta è ancora presente in tutto il mondo ed è molto aggressiva.

Wuhan, «prove insufficienti sul laboratorio». L'indagine riparte da zero: l'Oms invia nuovi esperti di virus e biosicurezza

Xi'an, la capitale dello Shaanxi che ospita 13 milioni di persone e sede dell'Esercito di Terracotta, si sta preparando a lanciare test in tutta la città, secondo il Global Times. Ejina, una contea nella Mongolia interna occidentale dove sono state riscontrate ulteriori infezioni, ha deciso di testare tutti i residenti e i visitatori per Covid-19 a partire da martedì. Il rischio è che l'epidemia si diffonda ulteriormente. Un altro caso è stato segnalato martedì nella provincia meridionale cinese di Hunan, a più di 1.000 chilometri di distanza dalle province nordoccidentali, sebbene la persona provenisse dal Gansu.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA