Covid, stretta della Cina per il Capodanno (12 febbraio): «Niente viaggi, feste e riunioni. Solo acquisti online»

Covid, stretta della Cina per il Capodanno (12 febbraio): «Niente viaggi, feste e riunioni. Solo acquisti online»
4 Minuti di Lettura
Sabato 9 Gennaio 2021, 13:33 - Ultimo aggiornamento: 14:52

La Cina alza l'asticella e cerca di contenere il virus con maggiore forza. Il governo infatti, adotterà ancor più rigorose misure di prevenzione e contenimento dell'epidemia di Covid-19 in vista dei maggiori rischi di contagio durante la prossima stagione inverno-primavera e in particolare in vista del Festival di Primavera, noto anche come Capodanno lunare cinese, che quest'anno cadrà il 12 febbraio. Durante le vacanze, ha annunciato oggi in conferenza stampa il vice direttore della Commissione sanitaria nazionale cinese, Zeng Yixin, saranno compiuti ulteriori sforzi per scaglionare i viaggi e incoraggiare gli acquisti online mentre saranno organizzati con cura sia il programma delle ferie invernali che l'inizio del semestre primaverile per le scuole.

Covid, follia a Lucca: festa e balli in piazza nel Centro storico. Video e foto sui social, scattano le denunce

Covid, l'Oms: «La Cina non ci fa entrare per studiare l'origine del virus». La replica: «Trattativa in corso»

Zeng ha invitato le persone a non tornare nelle proprie città d'origine per celebrare il Festival di Primavera ma a restare nelle località di residenza e lavoro anche durante le vacanze per ridurre il flusso di persone in movimento. Secondo il funzionario cinese, saranno rafforzate anche le misure di prevenzione e controllo dell'epidemia di Covid-19 per limitare gli assembramenti, compresi banchetti, feste e riunioni, nonché le visite alle attrazioni turistiche. Zeng ha anche sottolineato la necessità di adottare una serie di corrette precauzioni personali, come lavarsi le mani, indossare le mascherine e rispettare le misure di distanziamento sociale.

Restrizioni Hebei

I trasporti pubblici, compresi autobus, metropolitane e taxi, sono stati sospesi a tempo indefinito nella città di Shijiazhuang, capoluogo della provincia di Hebei, nel nord della Cina, come annunciato oggi dalle autorità locali. Il provvedimento segue una recente recrudescenza dei casi Covid. Da sabato scorso fino alle 10:00 del mattino di ieri, in Hebei sono stati segnalati 127 nuovi casi di confermati di infezione trasmessa a livello locale e 183 contagiati asintomatici. Tutti i casi sono stati registrati a Shijiazhuang o nella città di Xingtai. A tutti i residenti di queste due località è stato chiesto di restare a casa per sette giorni dopo il completamento della campagna di tamponi molecolari di massa in corso in tutta la città. Intanto, un totale di 354 persone sono risultate positive a seguito della campagna di tamponi molecolari di massa condotta in tutta la città. Lo hanno reso noto oggi le autorità locali in conferenza stampa. Tra il 6 e l'8 gennaio, ha spiegato Ma Yujun, sindaco facenti funzioni di Shijiazhuang, oltre 10,25 milioni di residenti in città sono stati sottoposti a tampone per la Covid-19.

Cina, trovate tracce di coronavirus sugli imballaggi dei ricambi per automobili

«A Wuhan ci furono 500mila contagi e non 50mila». Lo studio choc degli scienziati cinesi

Covid, «ecco 50 medici e scienziati diventati miliardari grazie al virus»: boom con il vaccino, c'è un italiano. Classifica Forbes

«Wuhan, false informazioni sulla pandemia»: blogger Zhang Zhan condannata a 4 anni di carcere in Cina

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA