Bollettino Covid di ieri 4 dicembre 2021: 16.632 contagi (tremila in Lombardia) e 75 morti. Nove i casi di Omicron

Bollettino Covid di oggi 4 dicembre 2021: 16.632 contagi (quasi tremila in Lombardia) e 75 morti. Nove i casi di Omicron
14 Minuti di Lettura
Sabato 4 Dicembre 2021, 15:35 - Ultimo aggiornamento: 5 Dicembre, 08:38

Bollettino Covid di oggi, sabato 4 dicembre 202116.632 contagi (quasi tremila in Lombardia) e 75 morti. Nove i casi di Omicron in Italia. Ieri sono stati 17.030 i positivi ai test Covid individuati in 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute, mentre giovedì erano stati 16.806. Ieri sono state 74 le vittime, mentre giovedì erano state 72.

Variante Omicron meno pericolosa? Bassetti: «Ha acquisito un 'pezzetto' del virus del raffreddore comune»

Omicron in 17 Paesi europei, Ecdc: «167 casi confermati». Ecco come stanno le persone contagiate

Tasso di positività al 2,6%

Sono 636.592 I tamponi molecolari e antigenici per il coronavirus effettuati nelle ultime 24 ore in Italia, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 588.445. Il tasso di positività è al 2,6%, in calo rispetto al 2,9% di ieri. Sono invece 732 i pazienti in terapia intensiva in Italia, 24 in più rispetto a ieri nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono 59. I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 5.428, ovvero 43 in più rispetto a ieri.

Omicron, 9 casi della nuova variante in Italia

Sono 9 i casi di variante Omicron sequenziati, al momento, in Italia. Ne dà notizia l'Istituto superiore di sanità. «Nella piattaforma ICoGen ci sono al momento 9 sequenze depositate: 7 del cluster relativo al paziente indice, 1 trovata in un paziente in provincia di Bolzano e 1 in un paziente in Veneto», si legge su Twitter.

Vaccini, boom di prime dosi in Veneto

Salgono con più decisione le prime dosi di vaccino anti-Covid in Veneto. Ieri sono state 3.218 le inoculazioni a persone che mai prima si erano presentate in un centro vaccinale. Lo riferisce il bollettino della Regione. Ma è stata una giornata complessivamente di grandi numeri per gli hub sanitari nella regione. Sono state 45.727 le somministrazioni, delle quali ben 40.495 - anche questo un numero mai raggiunto prima - di dosi addizionali/booster. I cittadini veneti che hanno già ricevuto la terza dose sono 626.641, pari al 12,9% della popolazione residente. L'Ulss che ieri ha effettuato più vaccinazioni è la 3 Euganea (Padova), con 8.329.

Super Green pass, ecco dove sarà necessario dal 6 dicembre (e dove non lo sarà)

Parenti non vaccinati a Natale? Crisanti: «Tamponi molecolari prima di pranzi o cene. Con Omicron non si scappa»

I dati delle Regioni

Lombardia

Sono 2990 i nuovi casi di coronavirus registrati in Lombardia. I dati diffusi dalla Regione mostrano un aumento delle terapie intensive (+7) per un totale di 121 persone, e un aumento di ricoverati (+19) per un totale di 1045 persone. I decessi sono 14 che fanno salire il bilancio a 34.447 vittime.

 

Veneto

Il Veneto registra 2.560 nuovi contagi Covid nelle ultime 24 ore, dato in calo rispetto ai report sopra quota 3.000 dei giorni scorsi. Ma conta anche 8 vittime, che portano a 12.000 il numero dei decessi dall'inizio della pandemia, nel febbraio 2020.Lo riferisce il bollettino della Regione. Il dato dei contagi totali sale a 528.363; i soggetti attualmente positivi sono 37.004 (+ 1.299). Crescono ancora i ricoveri negli ospedali. I posti letto occupati da malati Covid nei reparti medici è di 632 (+27), 122 (+1) nelle terapie intensive.

Friuli Venezia Giulia

Oggi in Friuli Venezia Giulia su 8.169 tamponi molecolari sono stati rilevati 737 nuovi contagi con una percentuale di positività del 9,02%. Sono inoltre 17.733 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali sono stati rilevati 92 casi (0,52%). Oggi si registrano i decessi di 5 persone: un uomo di 90 anni di Roveredo in Piano deceduto in ospedale, uno di 83 anni di Resia deceduto in ospedale, due di 79 anni di Trieste deceduti in ospedale; uno di 76 anni di Trieste in ospedale. Lo comunica il vicegovernatore Regione con delega alla Salute Riccardo Riccardi. I decessi complessivamente ammontano a 4.013, con la seguente suddivisione territoriale: 928 a Trieste, 2.048 a Udine, 717 a Pordenone e 320 a Gorizia. I totalmente guariti sono 122.095, i clinicamente guariti 227, mentre le persone in isolamento risultano essere 7.535. Dall'inizio della pandemia in Friuli Venezia Giulia sono risultate positive complessivamente 134.176 persone con la seguente suddivisione territoriale: 31.748 a Trieste, 57.843 a Udine, 26.104 a Pordenone, 16.628 a Gorizia e 1.853 da fuori regione. Il totale dei casi positivi è stato ridotto di 4 unità a seguito di test antigenici non confermati da tampone molecolare (1 caso nel territorio di Gorizia e 3 in quello di Trieste). Per quanto riguarda il sistema sanitario regionale, è stata rilevata la positività di uno psicologo, un operatore socio sanitario, un farmacista e un infermiere dell'Azienda sanitaria universitaria Friuli centrale; un infermiere, un dirigente e un terapista della riabilitazione dell'Azienda sanitaria universitaria Giuliano Isontina; un infermiere dell'Azienda sanitaria Friuli Occidentale. Sono stati rilevati poi 17 casi tra gli ospiti delle residenze per anziani presenti in regione (Trieste, Grado, San Dorligo della Valle, Pordenone), inoltre sono risultati positivi 12 operatori all'interno delle strutture stesse (Trieste, Grado, San Dorligo della Valle, Udine, Codroipo, Maniago, Monfalcone, Rivignano). Infine da rilevare la positività di una persona rientrante da fuori regione.

Piemonte

L'Unità  di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato 1.110 nuovi casi di persone risultate positive al Covid-19 (di cui 574 dopo test antigenico), pari all'1,5 % di 71.661 tamponi eseguiti, di cui 62.934 antigenici. Dei 1.110 nuovi casi gli asintomatici sono 650 (58,6%). I casi sono  581 di screening, 374 contatti di caso, 155 con indagine in corso. Il totale dei casi positivi diventa 407.721, di cui  33.365 Alessandria, 19.670 Asti, 12.884 Biella, 58.475 Cuneo, 31.643 Novara, 217.017 Torino, 15.023 Vercelli, 14.682 Verbano-Cusio-Ossola, oltre a 1.684 residenti fuori regione ma in carico alle strutture sanitarie piemontesi. I restanti 3.278 sono in fase di elaborazione e attribuzione territoriale. I ricoverati in terapia intensiva sono 37 (+3 rispetto a ieri). I ricoverati non in terapia intensiva sono 419 (+ 6 rispetto a ieri). Le persone in isolamento domiciliare sono 12.469 I tamponi diagnostici finora processati sono 10.122.930 (+ 71.661 rispetto a ieri), di cui 2.528.522 risultati negativi.

Quattro decessi di persone positive al test del Covid-19, di cui due oggi, sono stati comunicati dall'Unità di Crisi della Regione Piemonte. Il totale diventa quindi 11.901 deceduti risultati positivi al virus, 1.593 Alessandria, 726Asti, 440 Biella, 1.471 Cuneo, 954 Novara, 5.684Torino, 547 Vercelli, 377 Verbano-Cusio-Ossola, oltre a 109 residenti fuori regione, ma deceduti in Piemonte. I pazienti guariti diventano complessivamente 382.895 (+ 421 rispetto a ieri), 31.070 Alessandria, 18.360 Asti, 12.069 Biella, 55.093 Cuneo, 29.837 Novara, 204.451 Torino, 14.157 Vercelli, 13.719 Verbano-Cusio-Ossola, oltre a 1.540 extraregione e 2.599 in fase di definizione.

Emilia Romagna

Sono 1.610 - 461.740 da inizio epidemia - i nuovi casi di positività registrati in Emilia-Romagna nelle ultime ventiquattro ore a fronte di 40.058 tamponi eseguiti. Tra i contagiati - l'età media è di 40,6 anni - 770 sono asintomatici individuati grazie all'attività di tracciamento e screening. Si contano ancora dodici vittime, mentre il numero dei ricoverati è sostanzialmente stabile. Sul territorio il Bolognese riporta 391 nuovi casi, seguito dal Ravennate (204), dal Modenese (181), dal Riminese (168), dal Ferrarese (139), dal Reggiano (123), dal Forlivese (113), dal Cesenate (106), dal Parmense (81), dal Piacentino (62) e dal Circondario Imolese (42). In aumento di 903 unità le persone guarite mentre i malati effettivi crescono di 695 unità, a quota 24.237: di questi, in isolamento a casa, 23.457 (+677), il 96,8% del totale . Da ieri si registrano dodici decessi: uno in provincia di Piacenza, uno nella provincia di Parma, uno nella provincia di Ferrara e uno nell'Imolese; sei in provincia di Bologna e due nella provincia di Ravenna. Nessun decesso nelle province di Reggio Emilia, Modena, Forlì-Cesena e Rimini. In totale, dall'inizio dell'epidemia, i morti sono stati 13.822. Sostanzialmente stabili i pazienti ricoverati in terapia intensiva: sono 77, due in più rispetto a ieri. In crescita di 16 unità, invece, quelli ricoverati negli altri reparti Covid, giunti a quota 703. Sul fronte vaccinale, al primo pomeriggio sono state somministrate complessivamente 7.536.156 dosi: sul totale sono 3.563.355 le persone che hanno completato il ciclo vaccinale. Le terze dosi , invece, sono 625.927.

Marche

Sono 444 i positivi rilevati nell'ultima giornata nelle Marche, meno di ieri (476), ma con il tasso di incidenza che sale a 187,01 su 100mila abitanti (ieri era 185,95). Secondo i dati resi noti dal Servizio Salute della Regione, i 444 casi rappresentano una positività dell'11,3% su 3.916 tamponi analizzati nel percorso diagnostico screening (6.250 i tamponi complessivi, oltre a 2.222 test antigenici). Il contagio resta più diffuso nelle fasce di età adulta: 105 casi tra 45-59enni, 93 tra 25-44enni. Sono 43 i positivi tra i ragazzini delle scuole elementari (6-10 anni), 27 tra 11-13 anni, 23 tra 14-18 anni. Sempre di età pediatrica ci sono 13 nuovi casi tra i bambini 3-5 anni e 3 per i piccoli da zero 2 anni. Ci sono poi 43 casi tra 60-69 anni, 39 tra 70-79 anni, 28 tra 80-89 e 6 dai 90 anni in su. La provincia con il maggio numero di nuovi casi è Ancona, seguita da Ascoli Piceno con 105, Pesaro Urbino con 82, Macerata con 74, Fermo con 47, più 16 casi fuori regione. I 44 nuovi casi comprendono 11 sintomatici, 124 contatti domestici, 105 contatti stretti di casi positivi, 17 positivi in setting scolastico formativo, sono 75 i casi in fase di approfondimento epidemiologico.

Abruzzo

Sono 279 i nuovi casi di Covid-19 accertati nelle ultime ore in Abruzzo. Sono emersi dall'analisi di 3.979 tamponi molecolari: è risultato positivo il 7,01% dei campioni. Si registra un decesso recente, che riguarda un 68enne del Pescarese: il bilancio delle vittime sale a 2.598. In diminuzione i ricoveri complessivi, anche se aumentano quelli in terapia intensiva. Il tasso di occupazione dei posti letto è al 6% per le terapie intensive e all'8% per l'area non critica, mentre l'incidenza settimanale dei contagi per centomila abitanti sale a 126. I nuovi positivi hanno età compresa tra 1 e 97 anni. Gli attualmente positivi salgono a 4.888 (+172): 102 pazienti sono ricoverati in area medica (-12) e 10 in terapia intensiva (+1), mentre gli altri 4.776 sono in isolamento domiciliare (+183). I guariti sono 81.457 (+106). I nuovi positivi sono residenti in provincia dell'Aquila (23), Chieti (74), Pescara (56), Teramo (120), 6 in accertamento.

Lazio

Oggi nel Lazio su 18.190 tamponi molecolari e 29.481 tamponi antigenici per un totale di 47.671 tamponi, si registrano 1.832 nuovi casi positivi (+339), sono 7 i decessi (=), 712 i ricoverati (-15), 91 le terapie intensive (+3) e 809 i guariti. È quanto emerge dall'odierna videoconferenza della task-force regionale per il Covid-19 con i direttori generali delle Asl e Aziende ospedaliere, Policlinici universitari e l'ospedale Pediatrico Bambino Gesù alla presenza dell'assessore alla Sanità e Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio, Alessio D'Amato. Il 4 dicembre dello scorso anno nel Lazio si registravano lo stesso numero di casi positivi, ma con 2.466 ricoveri in meno in area medica, 269 in meno in terapia intensiva, 68mila isolati a domicilio in meno e 55 decessi in meno. «Numeri che dimostrano l'importanza della vaccinazione», ha commentato l'assessore D'Amato.

«Il rapporto tra positivi e tamponi è al 3,8 per cento. I casi a Roma città sono 946. Oggi si registrano sette decessi e di questi sei non erano vaccinati», ha aggiunto D'Amato, aggiungendo che «È prematuro parlare di quarta dose: i nostri tecnici dell'istituto Spallanzani ci dicono che l'obiettivo è arrivare a fare un richiamo annuale con vaccini aggiornati alle varianti, come avviene per vaccino antinfluenzale». Nel Lazio, ad oggi, sono state superate 9 milioni e 600 mila somministrazioni: si tratta del 94 per cento di adulti e l'89 per cento degli over 12 ad aver ricevuto il vaccino in doppia dose. In merito alla terza dose sono oltre 838 mila le dosi effettuate, pari a oltre il 17 per cento della popolazione.

Valle d'Aosta

Nessun nuovo decesso e 67 nuovi casi positivi al Covid 19 in Valle D'Aosta che portano il totale delle persone contagiate dal virus da inizio epidemia a 13.436. I casi positivi attuali sono 741 di cui 717 in isolamento domiciliare, 22 ricoverati in ospedale, due terapie intensive. I casi testati sono complessivamente 98.418, i tamponi fino ad oggi effettuati sono 296.030. I guariti totali sono 12.215, + 47 rispetto a ieri. I decessi delle persone risultate positive al virus da inizio emergenza ad oggi sono 480.

Alto Adige

In Alto Adige si registra un nuovo decesso per Covid-19. Il numero dei decessi complessivo da inizio pandemia sale pertanto a 1.248. I laboratori dell'Azienda sanitaria altoatesina nelle ultime 24 ore hanno effettuato 2.383 tamponi Pcr e registrato 304 nuovi casi positivi. Inoltre dei 16.961 test antigenici eseguiti ieri 248 sono risultati positivi. I pazienti Covid-19 ricoverati nei normali reparti ospedalieri sono 93 (+1) e 71 (+2) sono quelli ricoverati nelle strutture private convenzionate. 5 sono i pazienti Covid-19 in isolamento nelle strutture di Colle Isarco, mentre sale a 14 (+1) il numero di pazienti Covid ricoverati in reparti di terapia intensiva. Le persone in quarantena sono 10.615 (+237).

Toscana

In Toscana sono 677 i nuovi casi Covid (652 confermati con tampone molecolare e 25 da test rapido antigenico), che portano il totale a 304.056 dall'inizio dell'emergenza sanitaria da Coronavirus. I nuovi casi sono lo 0,2% in più rispetto al totale del giorno precedente. I guariti crescono dello 0,2% e raggiungono quota 286.594 (94,3% dei casi totali). Oggi sono stati eseguiti 10.496 tamponi molecolari e 24.690 tamponi antigenici rapidi, di questi l'1,9% è risultato positivo. Sono invece 10.196 i soggetti testati oggi (con tampone antigenico e/o molecolare, escludendo i tamponi di controllo), di cui il 6,6% è risultato positivo. Gli attualmente positivi sono oggi 10.042, +1,5% rispetto a ieri. I ricoverati sono 295 (1 in più rispetto a ieri), di cui 49 in terapia intensiva (1 in più). Oggi si registrano 2 nuovi decessi: 2 uomini, con un'età media di 91,5 anni. Questi i dati - accertati alle ore 12 di oggi sulla base delle richieste della Protezione Civile Nazionale - relativi all'andamento dell'epidemia in regione.

Alle 12.00 di oggi sono state effettuate complessivamente 6.433.343 vaccinazioni, 30.354 in più rispetto a ieri (+0,5%), tenendo presente che le Aziende del Sistema Sanitario Regionale proseguono per l'intera giornata. La Toscana è la 6° regione per % di dosi somministrate su quelle consegnate (il 95,7% delle 6.721.400 consegnate), per un tasso di vaccinazioni effettuate di 175.375 per 100mila abitanti (media italiana: 165.311 per 100mila). L'età media dei 677 nuovi positivi odierni è di 40 anni circa (28% ha meno di 20 anni, 18% tra 20 e 39 anni, 32% tra 40 e 59 anni, 18% tra 60 e 79 anni, 4% ha 80 anni o più). Di seguito i casi di positività sul territorio con la variazione rispetto a ieri (652 confermati con tampone molecolare e 25 da test rapido antigenico). Sono 83.755 i casi complessivi ad oggi a Firenze (154 in più rispetto a ieri), 27.592 a Prato (33 in più), 28.848 a Pistoia (84 in più), 16.006 a Massa (61 in più), 30.719 a Lucca (57 in più), 35.555 a Pisa (56 in più), 22.732 a Livorno (85 in più), 27.238 ad Arezzo (69 in più), 18.282 a Siena (44 in più), 12.774 a Grosseto (34 in più). Sono 555 i casi positivi notificati in Toscana, ma residenti in altre regioni. Sono 284 i casi riscontrati oggi nell'Asl Centro, 246 nella Nord Ovest, 147 nella Sud est.

La Toscana si trova al 11° posto in Italia come numerosità di casi (comprensivi di residenti e non residenti), con circa 8.289 casi per 100.000 abitanti (media italiana circa 8.568 x100.000, dato di ieri). Le province di notifica con il tasso più alto sono Prato con 10.776 casi x100.000 abitanti, Pistoia con 9.920, Pisa con 8.538, la più bassa Grosseto con 5.845. Complessivamente, 9.747 persone sono in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi (149 in più rispetto a ieri, più 1,6%). Sono 25.446 (2.947 in più rispetto a ieri, più 13,1%) le persone, anch'esse isolate, in sorveglianza attiva perché hanno avuto contatti con persone contagiate (Asl Centro 9.314, Nord Ovest 10.597, Sud Est 5.535). Le persone ricoverate nei posti letto dedicati ai pazienti Covid oggi sono complessivamente 295 (1 in più rispetto a ieri, più 0,3%), 49 in terapia intensiva (1 in più rispetto a ieri, più 2,1%).

Le persone complessivamente guarite sono 286.594 (525 in più rispetto a ieri, più 0,2%): 0 persone clinicamente guarite (stabili rispetto a ieri), divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all'infezione e 286.594 (525 in più rispetto a ieri, più 0,2%) dichiarate guarite a tutti gli effetti, le cosiddette guarigioni virali, con tampone negativo. Oggi si registrano 2 nuovi decessi: 2 uomini, con un'età media di 91,5 anni. Relativamente alla provincia di residenza, le persone decedute sono: 1 a Pistoia, 1 a Grosseto. Sono 7.420 i deceduti dall'inizio dell'epidemia cosi ripartiti: 2.391 a Firenze, 655 a Prato, 690 a Pistoia, 547 a Massa Carrara, 703 a Lucca, 746 a Pisa, 429 a Livorno, 566 ad Arezzo, 372 a Siena, 224 a Grosseto, 97 persone sono decedute sul suolo toscano ma erano residenti fuori regione. Il tasso grezzo di mortalità toscano (numero di deceduti/popolazione residente) per Covid-19 è di 202,3 x100.000 residenti contro il 226,3 x100.000 della media italiana (11° regione). Per quanto riguarda le province, il tasso di mortalità più alto si riscontra a Massa Carrara (288,1 x100.000), Prato (255,8 x100.000) e Firenze (242,5 x100.000), il più basso a Grosseto (102,5 x100.000).

Umbria

Altri 143 nuovi positivi al Covid sono stati registrati nell'ultimo giorno in Umbria dove però tornano sotto quota 50 i ricoverati negli ospedali, ora 47, cinque in meno di venerdì, e scendono a otto, da nove, i posti occupati nelle terapie intensive. Emerge dai dati sul sito della Regione. C'è però un altro morto e sono stati certificati 98 guariti dal virus. Gli attualmente positivi sono ora 1.788, 44 in più. Sono stati analizzati 2.707 tamponi e 8.873 test antigenici, con un tasso di positività sul totale pari allo 1,2 per cento (era 1,4 venerdì).

Campania

Leggero calo dell'indice di contagio, meno ricoverati in terapia intensiva ma netto aumento dei malati nei reparti ordinari. È quanto emerge dall'ultimo bollettino Covid della Campania. I positivi del giorno sono 1.216 a fronte di 32.948 test: il tasso è del 3,69% contro il 4,09 di ieri. Tre i morti: due nelle ultime 48 ore, uno in precedenza ma registrato ieri. 22 i ricoverati in terapia intensiva, a fronte dei 25 di ieri mentre sono passati da 308 a 322 i posti occupati nei reparti ordinari.

Basilicata

Quarantatré dei 737 dei tamponi molecolari esaminati ieri in Basilicata sono risultati positivi al covid-19: lo ha reso noto la task force regionale, aggiungendo che sono state registrate altre 31 guarigioni di persone residenti in regione. Sempre ieri sono state effettuate 5.836 vaccinazioni: i lucani che hanno ricevuto la prima dose sono 438.563 (79,3 per cento), mentre quelli che hanno avuto anche la seconda sono 406.440 (73,5 per cento). Hanno ricevuto la terza dose 66.690 persone (12,1 per cento).

Puglia

Su 23.422 test compiuti in Puglia sono stati registrati oggi 369 nuovi casi positivi al Covid 19 con un tasso di positività dell'1,6%. Due le persone decedute. I nuovi casi di infezione sono così suddivisi: 88 in provincia di Bari, 10 nella Bat, 61 nel Brindisino, nel Foggiano 105, nel Leccese 50, in provincia di Taranto 49, i residenti fuori regione sono 5, quelli di provincia in via di definizione 1. Sono 4.498 le persone attualmente positive, 133 quelle ricoverate in area non critica, 21 in terapia intensiva.

Calabria

Secondo il bollettino sull'emergenza Covid-19 diffusi dal dipartimento Tutela della salute della Regione Calabria, sono 456 i nuovi contagi registrati (su 6.490 tamponi effettuati), +99 guariti e 2 morti (per un totale di 1.505 decessi). Il bollettino, inoltre, registra +355 attualmente positivi, +349 in isolamento, +4 ricoverati e, infine, +2 terapie intensive (per un totale di 20).

Sardegna

In Sardegna nelle ultime 24 ore non si registrano decessi per Covid, ma i nuovi casi positivi sono 199 (+ 10), sulla base di 3.399 persone testate. Sono stati processati in totale, fra molecolari e antigenici, 10.021 tamponi per un tasso di positività che sfiora il 2%. Invariato il numero di pazienti ricoverati nei reparti di terapia intensiva, 13; mentre i ricoverati in area medica sono 72 (- 1). I casi di isolamento domiciliare sono 2.917 sono i (+122 ).

 
Video

© RIPRODUZIONE RISERVATA