Bollettino Covid di oggi, 12 gennaio 2022: 196.224 contagi e 313 morti. «Terapie intensive +18% in 7 giorni»

In una settimana la crescita nelle terapie intensive è stata del 18% negli ospedali sentinella della Fiaso

Bollettino Covid di oggi, 12 gennaio 2022: 196.224 contagi e 313 morti. «Terapie intensive +18% in 7 giorni»
13 Minuti di Lettura
Mercoledì 12 Gennaio 2022, 16:25 - Ultimo aggiornamento: 13 Gennaio, 00:42

La curva dell'epidemia di Covid-19 in Italia sta rallentando e per la prima volta, da molto tempo, si rileva una leggera flessione nel numero dei casi in un giorno feriale. È presto, però, per trarre conclusioni e bisognerà guardare ai dati dei prossimi giorni per capire se effettivamente il picco si sta avvicinando. Il numero dei decessi, 313 rispetto ai 294 del giorno prima, è stato invece il più alto della quarta ondata: è un numero che ha un forte impatto ma che era atteso, considerando che segue regolarmente l'andamento della curva dei ricoveri. Questi ultimi continuano a salire in tutto il Paese e solo i vaccini saranno in grado di ridurne il numero, ha detto il ministro della Salute, Roberto Speranza.

Speranza: ridurre l'area dei non vaccinati significa abbassare la pressione sugli ospedali

«L'obbligo di vaccino sopra i 50 anni ha l'obiettivo di ridurre l'area dei non vaccinati, che sono particolarmente esposti a malattia grave e ospedalizzazione», ha osservato il ministro Speranza. «Quel 10% di non vaccinati - ha aggiunto - comporta i due terzi degli ingressi in terapia intensiva e il 50% in area medica. Ridurre l'area dei non vaccinati significa abbassare la pressione sugli ospedali, salvare vite umane e consentire al Paese di ripartire dal punto di vista economico e sociale».

I dati del ministero della Salute indicano che i nuovi casi positivi sono stati 196.224, contro i 220.532 del giorno precedente, rilevati con 1.190.567 test, fra tamponi molecolari e antigenici rapidi, un po' meno rispetto ai 1.375.514 di 24 ore prima. Il tasso di positività è pari al 16,5%, stabile rispetto al 16% del giorno prima. Facendo invece il rapporto fra il totale dei casi e i soli test molecolari, il tasso è del 24%, in flessione rispetto al 25% dei giorni scorsi, secondo i calcoli del sito CovidTrends. «Si tratta di un dato anomalo rispetto al trend, ma sicuramente positivo», ha osservato il fisico Giorgio Sestili, fondatore della pagina Facebook 'Coronavirus-Dati e analisi scientifiche'. «Rispetto a ieri c'è evidentemente una diminuzione dei casi, ma è meglio aspettare i prossimi giorni prima di trarre conclusioni».

Il trend della curva dei contagi

Il trend della curva, che è ancora di tipo esponenziale con un tempo di raddoppio di almeno 9 giorni, lascia prevedere un aumento dei casi fino a 300.000 entro la settimana, ma «se il dato di oggi venisse confermato nei prossimi giorni, potremmo essere vicini al picco o sul picco. È difficile - ha rilevato - trarre conclusioni partendo solo da una giornata». È presto, quindi per fare qualsiasi previsione, nonostante qualcuno si sbilanci, come il direttore della clinica di Malattie infettive dell'ospedale San Martino di Genova, Matteo Bassetti, per il quale «già in primavera, tra aprile-maggio 2022 ragionevolmente saremo fuori dalla pandemia. Spero potremo togliere le mascherine, visto che credo che avremo il 95% di vaccinati».

I ricoverati nelle terapie intensive sono complessivamente 1.669, 8 in meno in 24 ore nel saldo tra entrate e uscite, e gli ingressi giornalieri sono stati 156. I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 17.309, 242 in più in 24 ore. I dati dell'Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali (Agenas), indicano che il tasso di occupazione delle terapie intensive è del 18% e che il valore è in aumento in 11 le regioni; sempre l'Agenas segnala che è salita al 27% a livello nazionale la percentuale di posti letto nei reparti ospedalieri di area non critica con pazienti Covid e che il valore è in aumento in 13 regioni.

Per quanto riguarda infine gli incrementi giornalieri dei casi nelle regioni, i dati del ministero della Salute indicano che quello maggiore si è rilevato in Lombardia, con 41.050, seguita da Campania (27.034), Veneto (19.811), Emilia Romagna (18.631), Piemonte (17.147), Toscana (13.341), Sicilia (13.048) e Lazio (12.027).

Protocollo Covid per lo sport, stop squadra con 35% positivi: isolamento e test per 5 giorni per i contatti ad alto rischio

Omicron e Covid, Bassetti: «Fuori dalla pandemia in primavera. No quarantena con booster»

I dati delle Regioni

Piemonte

Almeno per oggi, rallenta l'incremento dei ricoverati Covid in Piemonte: in terapia intensiva il saldo, rispetto ai dati di ieri, è -1, mentre negli altri reparti l'Unità di crisi della Regione ha registrato +23 pazienti. Il dato globale aggiornato è, rispettivamente, di 147 e 1.934 ricoverati. I nuovi casi di contagi sono 17.147 (di cui 14.731 dopo test antigenico), pari al 17,3% dei 99.388 tamponi eseguiti (83.303 antigenici). La quota di asintomatici è del 72,1%. I decessi sono 16, nessuno di oggi. Registrati anche 11.002 nuovi casi di guarigione, le persone in isolamento domiciliare sono 154.733. Dall'inizio della pandemia in Piemonte il totale dei casi positivi diventa 645.379, i morti 12.207, i guariti 476.538.

Lombardia

Con 223.167 tamponi effettuati è di 41.050 il numero di nuovi casi di Covid registrati in Lombardia, con un tasso di positività in salita al 18,3% (ieri era 17,1%). In calo il numero di ricoverati in terapia intensiva (-3, 253) e in crescita nei reparti (+115, 3.317). Sono 91 i decessi, che portano il totale a 35.610 da inizio pandemia.

Per quanto riguarda le province, sono 12.065 i positivi segnalati a Milano (di cui 5.095 a Milano città), 4.026 a Bergamo, 5.880 a Brescia, 2.637 a Como, 1.395 a Cremona, 1.292 a Lecco, 994 a Lodi, 1.550 a Mantova, 3.597 a Monza e Brianza, 2.127 a Pavia, 735 a Sondrio e 3.337 a Varese.

Veneto

Scende la curva dei nuovi contagi in Veneto, con 19.811 casi nelle ultime 24 ore, in diminuzione rispetto agli oltre 21 mila registrati ieri, con il totale oltre quota 800 mila (812.561). Il bollettino regionale segnala 9 vittime, e un totale di 12.621 morti dall'inizio della pandemia. Gli attuali positivi sono 215.195, +9.496 rispetto a ieri. Forte il calo dei dati ospedalieri, con 1.566 ricoverati nei reparti (-114) e 210 (-5) nelle terapie intensive.

Friuli Venezia Giulia

Oggi in Friuli Venezia Giulia su 30.934 test e tamponi sono state riscontrate 4.651 positività al Covid 19, pari al 15,03%. Nel dettaglio, su 12.587 tamponi molecolari sono stati rilevati 1.541 nuovi contagi (12,24%); su 18.347 test rapidi antigenici 3.110 casi (16,95%). Le persone ricoverate in terapia intensiva sono 40 (+3), di cui 35 non vaccinate, mentre quelle in altri reparti scendono a 351 (-2). Lo ha comunicato il vicegovernatore della Regione con delega alla Salute, Riccardo Riccardi. La fascia d'età più colpita dal virus è quella da 0 a 19 anni (17,63%), seguita da 40-49 (17,59%), 50-59 (17,22%), 30-39 (15,09%), 20-29 (14,71%), 60-69 (9,29%), 70-79 (5,89%), 80-89 (1,94%), 90 e oltre (0,65%). Oggi si registrano i decessi di 6 persone, tra i 68 e gli 89 anni. Dall'inizio della pandemia le vittime sono state 4.301: 1.045 a Trieste, 2.102 a Udine, 797 a Pordenone e 357 a Gorizia. I totalmente guariti sono 146.360, i clinicamente guariti 559, le persone in isolamento 40.364. In Fvg sono risultate positive complessivamente 191.975 persone: 45.091 a Trieste, 79.776 a Udine, 42.293 a Pordenone, 21.889 a Gorizia e 2.926 da fuori regione. Il totale dei positivi è stato ridotto di 12 unità a seguito di 11 tamponi molecolari negativi dopo test antigenico positivo e a seguito di 1 test positivo rimosso dopo revisione del caso. Per quanto riguarda il Sistema sanitario regionale, sono state rilevate 45 positività nell'Azienda sanitaria universitaria Friuli Centrale; 30 nell'Azienda sanitaria universitaria Giuliano Isontina; 8 nell'Azienda sanitaria Friuli Occidentale; una nell'Azienda regionale di coordinamento per la Salute; 10 all'Irccs materno-infantile Burlo Garofolo; tre al Cro di Aviano di 3 tecnici. Relativamente alle residenze per anziani del Fvg si registra il contagio di 20 ospiti e di 41 operatori. Si registrano, infine, due casi di rientro dall'estero o da altra regione.

Emilia Romagna

Dall'inizio dell'epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 730.330 casi di positività, 18.631 in più rispetto a ieri, su un totale di 73.593 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore e 19 decessi. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti è quindi del 25,3%. Questo il dato comunicato al ministero della Salute, a cui vanno aggiunti 1.145 nuovi casi registrati a Piacenza e provincia da ieri, che per un problema di rilevamento non è stato possibile caricare. I dati verranno recuperati nei prossimi giorni. Il totale complessivo odierno sarebbe quindi di 19.776 casi. I pazienti attualmente ricoverati nelle terapie intensive dell'Emilia-Romagna sono 148 (-4 rispetto a ieri); l'età media è di 62,2 anni. Sul totale, 101 non sono vaccinati (zero dosi di vaccino ricevute, età media 60,7 anni), il 68,2%, mentre 47 sono vaccinati con ciclo completo (età media 65,4 anni). Per quanto riguarda i pazienti ricoverati negli altri reparti Covid, sono 2.187 (+21 rispetto a ieri), età media 68,9 anni. Rispetto ai 14.000 nuovi casi registrati ieri, i contagi oggi registrano un +33%. I ricoverati nei reparti Covid aumentano dell'1%, quelli delle terapie intensive diminuiscono del 2,6%. Continua intanto la campagna vaccinale anti-Covid. Il conteggio progressivo delle dosi di vaccino somministrate si può seguire in tempo reale sul portale della Regione Emilia-Romagna dedicato all'argomento: https://salute.regione.emilia-romagna.it/vaccino-anti-covid, che indica anche quanti sono i cicli vaccinali completati e le dosi aggiuntive somministrate. Tutte le informazioni sulla campagna: https://vaccinocovid.regione.emilia-romagna.it/ Alle ore 15 sono state somministrate complessivamente 8.901.036 dosi; sul totale sono 3.641.997 le persone over 12 che hanno completato il ciclo vaccinale. Le terze dosi già fatte sono 1.732.214. L'età media dei nuovi positivi di oggi è 38,3 anni.

La situazione dei contagi nelle province vede Bologna con 4.182 nuovi casi; a seguire Modena (2.591), Reggio Emilia (2.272) e Parma (2.267); poi Rimini (1.770), Ravenna (1.463), Ferrara (1.371), Cesena (1.202). Quindi Forlì (988), Circondario Imolese (496) e infine Piacenza (segnalati 29 casi, a cui si sommeranno i 1.145 non ancora registrati). Questi i dati - accertati alle ore 12 di oggi sulla base delle richieste istituzionali - relativi all'andamento dell'epidemia in regione. Nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 34.911 tamponi molecolari, per un totale di 7.611.025. A questi si aggiungono anche 38.682 test antigenici rapidi. Per quanto riguarda le persone complessivamente guarite, sono 5.048 in più rispetto a ieri e raggiungono quota 473.197. I casi attivi, cioè i malati effettivi, oggi sono 242.685 (+13.564). Di questi, le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 240.350 (+13.546), il 99% del totale dei casi attivi. Purtroppo, si registrano 19 decessi: tre in provincia di Piacenza (due uomini di 65 e 92 anni, una donna di 71 anni), quattro in provincia di Parma (un uomo di 78 anni e tre donne di 72, 84 e 85 anni), uno in provincia di Reggio Emilia (una donna di 53 anni), tre in provincia di Modena (due uomini di 84 e 92 anni e una donna di 84 anni), due in provincia di Ferrara (un uomo di 54 anni e una donna di 53 anni), tre in provincia di Ravenna (un uomo di 60 anni e due donne di 76 e 86 anni), tre in provincia di Rimini (due uomini di 65 e 66 anni, una donna di 79 anni). In totale, dall'inizio dell'epidemia, i decessi in regione sono stati 14.448. Sul territorio, i pazienti ricoverati in terapia intensiva sono così distribuiti: 4 a Piacenza (invariato rispetto a ieri), 19 a Parma (invariato); 18 a Reggio Emilia (-1); 16 a Modena (invariato); 30 a Bologna (invariato); 10 a Imola (+2); 20 a Ferrara (invariato); 11 a Ravenna (-3); 1 a Forlì (-1); 2 a Cesena (-2); 17 a Rimini (+1). Questi i casi di positività sul territorio dall'inizio dell'epidemia, che si riferiscono non alla provincia di residenza, ma a quella in cui è stata fatta la diagnosi: 39.592 a Piacenza (+29, cui si aggiungono i 1.145 nuovi casi non ancora registrati), 56.463 a Parma (+2.267), 81.906 a Reggio Emilia (+2.272), 118.032 a Modena (+2.591), 148.837 a Bologna (+4.182), 22.575 a Imola (+496), 46.144 a Ferrara (+1.371), 64.919 a Ravenna (+1.463), 34.158 a Forlì (+988), 41.060 a Cesena (+1.202) e 76.644 a Rimini (+1.770). Rispetto a quanto comunicato nei giorni scorsi sono stati eliminati 7 casi: 6 positivi al test antigenico ma non confermati da tampone molecolare e 1 in quanto giudicato non Covid-19.

Marche

Impennata dei ricoverati per covid negli ospedali delle Marche che salgono nelle ultime 24 ore a 326, + 16 su ieri. Un incremento limitato nelle terapie intensive (58; +1), più sostenuto nelle aree semi intensive (61; +6) e nei reparti non intensivi (207; +9). a cui si aggiungono 19 dimessi. Quattro i decessi nell'ultima giornata: sono morti una donna e tre uomini, uno dei quali aveva 49 anni (il più anziano 92), tutti con patologie pregresse, che fanno salire il totale a 3.303. In calo le persone in osservazione nei pronto soccorso, 43 (ieri erano 61), mentre gli ospiti di strutture territoriali (Campofilone, Galantara, Macerata Feltria, Corinaldo, Porto Sant'Elpidio) salgono a 174. I positivi alla data di oggi sono 10.953 (+174), di cui 10.627 in isolamento domiciliare. Le persone in quarantena sono invece complessivamente 30.561, di cui 7.689 con sintomi. I dimessi/guariti salgono a 151.170 dall'inizio dell'emergenza sanitaria.

Toscana

A fronte di un numero di contagi sulle 24 ore più 'contenutò rispetto agli altri giorni - 13.341 nuovi casi, età media 38 anni, su 72.195 test, per un totale di 534.357 positivi da inizio pandemia - la Toscana registra nel report odierno ben 34 decessi tra i pazienti Covid. Si tratta di 19 maschi e 15 donne. età media di 80,5 anni, residenti nelle province di Firenze (11), Prato (2), Pistoia (2), Massa Carrara (1), Lucca (4), Pisa (4), Livorno (5), Siena (3), Grosseto (2). La Regione Toscana rende inoltre noto che da una verifica effettuata nell'ambito territoriale di Livorno sono stati individuati altri 37 pazienti con Covid deceduti nell'arco di 6 mesi, dal 15 giugno al 6 gennaio, non comunicati. Si tratta di 26 uomini e 11 donne con età media 78,6 anni (residenti 35 nella provincia di Livorno, 1 a Pisa e 1 a Lucca). Il totale dei decessi tra o pazientio Covid in Toscana sale così a 7.755. In costante aumento anche i ricoveri: complessivamente sono 1.276, 46 in più rispetto a ieri, di cui 123 in terapia intensiva, 1 in più.

Lazio

Oggi nel Lazio «su 29.612 tamponi molecolari e 79.927 tamponi antigenici per un totale di 109.539 tamponi, si registrano 12.027 nuovi casi positivi (-761), sono 15 i decessi (-28), 1.629 i ricoverati (+56), 202 le terapie intensive (+6) e +4.993 i guariti. il rapporto tra positivi e tamponi è al 10,9%. I casi a Roma città sono a quota 5.063. Rispetto a mercoledì della scorsa settimana sono 4.437 i casi positivi in meno». Lo sottolinea l'assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D'Amato, nel bollettino quotidiano al termine dell'odierna videoconferenza della task-force regionale per il Covid-19 con i direttori generali delle Asl e aziende ospedaliere, policlinici universitari e l'ospedale pediatrico Bambino Gesù. Nel dettaglio i casi e i decessi registrati nelle ultime 24 ore nelle aziende ospedaliere del Lazio. Asl Roma 1: sono 1.695 i nuovi casi e 1 decesso; Asl Roma 2: sono 2.712 i nuovi casi e 1 decesso; Asl Roma 3: sono 656 i nuovi casi e 0 i decessi; Asl Roma 4: sono 872 i nuovi casi e 2 i decessi; Asl Roma 5: sono 1.082 i nuovi casi e 3 i decessi; Asl Roma 6: sono 1.746 i nuovi casi e 3 i decessi; Nelle province si registrano 3.264 nuovi casi; Asl di Frosinone: sono 850 i nuovi casi e 0 i decessi; Asl di Latina: sono 1.312 i nuovi casi e 5 i decessi; Asl di Rieti: sono 491 i nuovi casi e 0 i decessi; Asl di Viterbo: sono 611 i nuovi casi e 0 i decessi.

Abruzzo

Sono 3.912 i nuovi casi di Covid-19 accertati nelle ultime ore in Abruzzo. Del totale, 2.514 sono stati identificati attraverso test rapido. Il tasso di positività, calcolato sulla somma tra tamponi molecolari (7.088) e tamponi antigenici (28.345), è pari all'11,04%. Aumentano ancora le terapie intensive. Si registrano sette decessi recenti, che fanno salire il bilancio delle vittime a 2.580. I nuovi positivi hanno età compresa tra 1 mese e 99 anni. Gli attualmente positivi continuano ad aumentare rapidamente ed arrivano a 57.620 (+3.238): il dato comprende anche 45.973 casi riguardanti pazienti persi al follow up e su cui sono in corso verifiche. Del totale dei casi attivi, 338 pazienti (invariato) sono ricoverati in ospedale in area medica e 35 (+3) sono in terapia intensiva, mentre gli altri 57.247 (+3.235) sono in isolamento domiciliare. I sette decessi riguardano persone di età compresa tra 68 e 91 anni: quattro in provincia di Pescara, due in provincia di Chieti e uno in provincia di Teramo. I guariti sono 91.524 (+667). Del totale dei casi abruzzesi, 33.125 sono residenti o domiciliati in provincia dell'Aquila (+725), 41.271 in provincia di Chieti (+1.134), 36.191 in provincia di Pescara (+992), 37.474 in provincia di Teramo (+885) e 1.951 fuori regione (+53), mentre per 1.812 (+123) sono in corso verifiche sulla provenienza.

Campania

Sono 27.034 i nuovi positivi al Covid in Campania su 118.028 test, antigenici e molecolari, esaminati: il tasso di incidenza è del 22,9%, in lieve calo rispetto al 23,9 dei due giorni precedenti. Il bollettino dell'Unità di crisi segnala 20 nuove vittime, di cui 17 decedute nelle ultime 48 ore. i posti letto occupati in terapia intensiva scendono a 79 (-6), quelli di degenza continuano a crescere e si attestano a quota 1.126 (+35).

Calabria

Secondo il bollettino sull'emergenza Covid-19 diffusi dal dipartimento Tutela della salute della Regione Calabria, sono 2.288 i nuovi contagi registrati (su 13.581 tamponi effettuati), +1.050 guariti e 9 morti (per un totale di 1.687 decessi). Il bollettino, inoltre, registra +1.229 attualmente positivi, -16 ricoveri (per un totale di 394) e, infine, terapie intensive stabili (per un totale di 38).

Sardegna

Nuovo aumento dei contagi in Sardegna, dove nelle ultime 24 ore si registrano 1307 ulteriori casi di positività al Covid (erano 983 nel precedente bollettino), sulla base di 5.575 persone testate. Sono stati processati in totale, fra molecolari e antigenici, 20.710 tamponi con un tasso di positività del 6,3%. Si registra il decesso di una donna di 71 anni, residente nel Sud Sardegna. I pazienti ricoverati nei reparti di terapia intensiva sono 27 (- 1), mentre sono 215 i ricoverati in area medica (- 1). Le persone in isolamento domiciliare sono 17.606 (+ 828).

 
Video

© RIPRODUZIONE RISERVATA