CORONAVIRUS

Coronavirus, bollettino: 66 morti e 333 nuovi casi. Tornano a salire le terapie intensive

Giovedì 18 Giugno 2020
1
Coronavirus, bollettino di oggi: 66 morti e 331 nuovi casi. In Lombardia 36 vittime in 24 ore

Coronavirus, il bollettino di oggi, giovedì 18 giugno 2020. Sale a 238.159 il numero dei casi totali di Covid19, 333 in più di ieri, con le persone attualmente positive che sono 23.101, 824 in meno di ieri. Sale il numero delle vittime, oggi a 34.514,  66 morti in più, dunque, in 24 ore, dei quali 36 nella sola Lombardia, mentre il numero complessivo delle persone guarite è di 180.544, 1.089 in più di ieri. Dai dati di oggi emerge un dato preoccupante: tornano a salire le terapie intensive.

A Roma 8 nuovi contagi, nel resto del Lazio solo un caso a Latina: «Nessun legame con focolai»

Oms: «Europa, seconda ondata possibile in autunno. Nuovi casi con riaperture scuole»

Italia, Gimbe: in 7 giorni nuovi casi saliti dello 0,9%, in Lombardia +3,8%

I dati della Protezione civile. Nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del Coronavirus sul nostro territorio, a oggi, 18 giugno, il totale delle persone che hanno contratto il virus è di 238.159, con un incremento rispetto a ieri di 333 nuovi casi. Il numero totale di attualmente positivi è di 23.101, con una decrescita di 824 assistiti rispetto a ieri. Tra gli attualmente positivi, 168 sono in cura presso le terapie intensive, con un incremento di 5 pazienti rispetto a ieri. 2.867 persone sono ricoverate con sintomi, con un decremento di 246 pazienti rispetto a ieri. 20.066 persone, pari all’87% degli attualmente positivi, sono in isolamento senza sintomi o con sintomi lievi. Rispetto a ieri i deceduti sono 66 e portano il totale a 34.514.

Il numero complessivo dei dimessi e guariti sale invece a 180.544, con un incremento di 1.089 persone rispetto a ieri. Nel dettaglio, i casi attualmente positivi sono 14.647 in Lombardia, 2.290 in Piemonte, 1.281 in Emilia-Romagna, 607 in Veneto, 438 in Toscana, 246 in Liguria, 997 nel Lazio, 577 nelle Marche, 242 in Campania, 306 in Puglia, 59 nella Provincia autonoma di Trento, 637 in Sicilia, 97 in Friuli Venezia Giulia, 434 in Abruzzo, 85 nella Provincia autonoma di Bolzano, 16 in Umbria, 31 in Sardegna, 6 in Valle d’Aosta, 35 in Calabria, 60 in Molise e 10 in Basilicata.

Lombardia: 216 nuovi casi, l'1,9% rispetto ai tamponi effettuati. In Lombardia sono 216, di cui 54 a seguito di test sierologico, i nuovi casi positivi al coronavirus che rappresentano l'1,9 per cento rispetto agli 11.475 tamponi effettuati oggi. I guariti/dimessi arrivano a 61.355 (+505 da ieri). Calano di 123 unità i pazienti ricoverati non in terapia intensiva (totale 1.673) mentre i ricoveri in rianimazione sono 61 (+1 da ieri). I nuovi decessi sono 36 con il dato totale che arriva a 16.516.

«Fra i positivi di oggi, 54 casi sono determinati da una positività al test sierologico, con una sintomatologia risalente ad oltre due settimane fa. Inoltre, 11 riguardano gli ospiti nelle Rsa e cinque gli operatori sanitari. Continua il calo dei pazienti ricoverati nei reparti di degenza ordinaria, che si assestano a quota 1.673 (- 23 rispetto a ieri) mentre le terapie intensive registrano una situazione di stallo sostanziale». Lo ha detto l'assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, commentando i dati di giovedì 18 giugno sull'andamento dell'epidemia.

Emilia Romagna: 32 nuovi casi e 4 morti. Sono 32 i nuovi casi di coronavirus in Emilia Romagna, di cui 25 asintomatici: in tutto 28.143 dall'inizio dell'epidemia. I tamponi fatti ieri sono 8.621, che raggiungono così complessivamente quota 435.351, più altri 1.087 test sierologici. Le nuove guarigioni sono 92, per un totale di 22.643. Continuano a calare i casi attivi, 1.281 (-64), restano stabili i pazienti in terapia intensiva (11) e diminuiscono quelli ricoverati negli altri reparti Covid: 159 (-14). Quattro i nuovi decessi: due uomini e due donne. Le vittime sono due in provincia di Bologna, una in quella di Ferrara, una in quella di Ravenna.

 

Ultimo aggiornamento: 19 Giugno, 12:47 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani