Coronavirus Italia, bollettino: nuovi contagi più che raddoppiati (282) e 9 morti. Focolai in Emilia e Campania

Coronavirus Italia, bollettino: nuovi contagi più che raddoppiati (282) e 9 morti. Focolai in Emilia e Campania
7 Minuti di Lettura
Mercoledì 22 Luglio 2020, 17:46 - Ultimo aggiornamento: 23 Luglio, 09:42

Coronavirus, il bollettino in Italia di oggi, mercoledì 22 luglio 2020Sono 282 i nuovi pazienti positivi, più che raddoppiati rispetto ai 129 registrati ieri: di cui 51 in Lombardia (+17), 18 in Emilia Romagna (+57), 36 in Veneto (+14), con focolai in Lazio, Trento e Campania. È quanto emerge dal bollettino odierno pubblicato dal ministero della Salute secondo cui tornano a salire a 12.322 gli attualmente positivi al coronavirus (+74), mentre i nuovi decessi sono 9 (-6) per un totale di 35.082. I ricoveri in terapia intensiva scendono di un'unità fermandosi a quota 48 mentre scendono a 724 i ricoveri (-8). Restano in isolamento domiciliare 11.550 pazienti (-62).

Coronavirus, in Romania contagi record
 

Bollettino, il dettaglio

Analizzando i dati diffusi dal ministero della Salute emerge come oggi diminuica lievemente il numero dei pazienti ricoverati in terapia intensiva: ad oggi sono 48, una persona in meno di ieri. Quanto al numero di ricoverati, sono 8 i posti occupati in meno rispetto a ieri per un totale di 724. In netto aumento, come detto, il numero dei tamponi effettuati: da ieri ne sono stati registrati 49.318, 6.280 in più rispetto alla rilevazione precedente. Quanto ai dati territoriali, nelle ultime 24 ore, sono 13 le Regioni che hanno fatto registrare 7 o meno nuovi casi, di cui quattro a quota zero. Si tratta di Molise (4); Valle D'Aosta (0); Calabria (4); Sardegna (1); Umbria (2); Provincia autonoma di Bolzano (0); Sicilia (7); Abruzzo (0); Friuli Venezia Giulia (2); Puglia (0); Marche (1); Liguria (7); e Toscana (6). Stupisce oggi il dato della Basilicata, la Regione con meno casi in Italia: da ieri sono stati registrati 36 positivi in più ma di questi 33 sono stati riscontrati in un gruppo di migranti già sottoposti a quarantena.

Provincia di Frosinone, il coronavirus va e viene: due casi positivi ma sono stati già isolati

Coronavirus, un morto in Lombardia

Una persona positiva al coronavirus è morta in Lombardia nelle ultime 24 ore, per un totale dall'inizio della pandemia di 16.798. Secondo i dati comunicati da Regione Lombardia, i nuovi casi positivi sono 51, di cui 16 a seguito di test sierologici e 22 'debolmente positivì. Da ieri i tamponi effettuati sono stati 5.361, per un totale di 1,2 milioni dall'inizio della crisi. «Proseguono le azioni di preventive di monitoraggio e di tracciamento gestite dalle Ats per 'stanarè anche i focolai più piccoli ed estinguerli sul nascere», ha detto l'assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera. Sono 17 le persone risultate positive al coronavirus nelle ultime 24 ore in provincia di Milano, di cui 10 a Milano città. Secondo i dati diffusi da Regione Lombardia, a Bergamo i nuovi positivi sono 7, a Brescia 9, a Como 1, a Sondrio 1, a Varese 6, a Monza e Brianza 5, a Lecco 1 e a Lodi 4. Nessun nuovo positivo, invece, a Cremona, Mantova e Pavia. «I dati di oggi sono particolarmente incoraggianti, nelle province di Cremona, Mantova e Pavia, infatti, non si registra alcun caso di positività», commenta l'assessore al Welfare di Regione Lombardia, Giulio Gallera.

Coronavirus, nel Lazio nuova impennata di contagi: 16 nelle ultime 24 ore e 2 morti



Accordo tra Confindustria e Ubi Banca per finanziare le imprese

Bollettino Emilia Romagna

Dall'inizio dell'epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 29.295 casi di positività, 57 in più rispetto a ieri, di cui 41 persone asintomatiche individuate nell'ambito delle attività di contact tracing e screening regionali. Purtroppo, si registrano due nuovi decessi: 1 in provincia di Bologna e 1 in quella di Rimini. Riguardano 1 uomo e 1 donna. «La gran parte dei nuovi contagi - fa sapere la Regione Emilia-Romagna in una nota - sono riconducibili a focolai o a casi già noti e molti a persone rientrate dall'estero. Numerosi da Paesi extra Schengen, sui quali la Regione ha deciso controlli più stringenti, a partire dal doppio tampone nel periodo dell'isolamento obbligatorio. Un'azione di prevenzione che sta portando a individuare positivi asintomatici, intervenendo subito su situazioni potenzialmente a rischio». In particolare, «rispetto ai dati di oggi, a Imola, dei 10 nuovi casi, 9 sono relativi a cittadini stranieri, la gran parte dei quali rientrati dall'estero, anche da Paesi extra Schengen, e sottoposti appunto a verifiche e isolamento». Si tratta di persone che hanno correttamente segnalato il loro rientro e che quindi sono state sottoposte a tampone.

Nel modenese, «sui 12 nuovi casi, 6 sono contatti anche in questo caso di un cittadino rientrato da un Paese extra Schengen e 4 sono riconducibili al focolaio individuato nei giorni scorsi in un prosciuttificio della provincia» aggiunge Viale Aldo Moro. 

Nella provincia di Rimini, infine, «dei 10 nuovi positivi, 9 sono cittadini stranieri che vivono in un residence del capoluogo, nel quale la Ausl ha individuato e isolato un focolaio subito gestito, avviando i controlli necessari». I tamponi effettuati da ieri sono 7.736, per un totale di 591.704. A questi si aggiungono anche 1.448 test sierologici. I guariti salgono a 23.689(+27): l'81% dei contagiati da inizio crisi. I casi attivi, cioè il numero di malati effettivi, a oggi sono 1.325 (28 in più di ieri). Le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 1.237(+31). Sono complessivamente 7 i pazienti in terapia intensiva (+1 da ieri), scendono a 81 (- 4 rispetto a ieri) quelli ricoverati negli altri reparti Covid.


Le persone complessivamente guarite salgono a 23.689 (+ 27 rispetto a ieri): 193 «clinicamente guarite», divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all'infezione, e 23.496 quelle dichiarate guarite a tutti gli effetti perché risultate negative in due test consecutivi. Questi i nuovi casi di positività sul territorio, che si riferiscono non alla provincia di residenza, ma a quella in cui è stata fatta la diagnosi: 4.578 a Piacenza (+1), 3.751 a Parma (+4 ), 5.061 a Reggio Emilia (+3, di cui 3 sintomatici), 4.064 a Modena (+12 di cui 3 sintomatici), 5.168 a Bologna (+ 9, di cui 4 sintomatici); 416 a Imola (+10, di cui 4 sintomatici),1.076 a Ferrara (+6, di cui 1 sintomatico); 1.134 a Ravenna (+ 1, di cui 1 sintomatico), 976 a Forlì (+1 ), 823 a Cesena (invariato) e 2.248 a Rimini (+10).




Coronavirus, scuole del Lazio: test su 120mila tra prof e bidelli
 

Bollettino Lazio: casi in aumento

Nelle ultime 24 ore 16 nuovi casi e due decessi. Dei nuovi contagiati 7 sono di importazione: un caso di nazionalità del Bangladesh, quattro da Pakistan, un caso da Romania e un caso da India. Nella Regione si registra quindi una nuova impennata di casi: nella giornata di martedì i casi erano stati 6.

Bollettino Campania: nessun deceduto 
Diciannove positivi in Campania su 2.065 tamponi effettuati, nessun deceduto e una persona guarita: sono i dati contenuti nel bollettino odierno dell'Unità di Crisi Regionale per la realizzazione di misure per la prevenzione e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19. Il totale dei positivi è di 4.858 persone mentre il totale dei tamponi è di 316.191.

Bollettino Molise: 4 positivi in più
C'è un solo ricoverato fra gli 11 positivi, ovvero 4 in più rispetto a ieri fra i quali spicca il caso delle tre persone arrivate dal Venezuela. Rispetto al giorno prima sono stati effettuati 118 tamponi in più. 
I tre venezuelani appartengono allo stesso nucleo familiare e sono arrivati da Caracas a Campobasso passando, stando a una prima ricostruzione, dalla Serbia attraverso un Cammino religioso. Ospiti di una struttura della Chiesa, dopo essere state sottoposte a tampone, in quanto provenienti da fuori regione, sono risultate positive al Covid-19. Lo apprende l'Ansa da Michele Petraroia del Comitato Molise Pro-Venezuela, presidente onorario dell'Associazione Giuseppe Tedeschi che da anni si occupa delle problematiche dei molisani in Venezuela. «Da cinque mesi, a seguito dell'emergenza sanitaria - spiega Petraroia - abbiamo sospeso le operazioni di rientro in Molise di corregionali residenti in Venezuela. A nostro avviso, in questo momento bisognerebbe essere più prudenti e bloccare gli arrivi dai Paesi dove c'è un maggior rischio, evitando i contagi di importazione». Intanto il direttore generale dell'Azienda sanitaria regionale del Molise (Asrem), Oreste Florenzano, riferisce che «si sta circoscrivendo il perimetro per trovare eventuali contatti e capire come sono arrivati».



Bollettino Basilicata: da zero a 36 casi
La Regione Basilicata comunica che dei 36 nuovi casi positivi, 33 sono stati riscontrati in un gruppo di migranti già sottoposti a quarantena. È quanto si apprende dai dati forniti dal ministero della Salute sulla situazione del contagio da coronavirus.

Bollettino Piemonte: 13 casi in più
I positivi salgono a quota 889, ovvero 13 in più di ieri. Forte l'incremento dei tamponi effettuati: 3.084 in più rispetto al giorno precedente. I ricoverati sono 146.






 

© RIPRODUZIONE RISERVATA