Yoga, l'irresistibile ascesa tra i bambini: calma, rilassa e allena i muscoli

Lunedì 22 Aprile 2019
Danza e yoga e novità in ascesa il Calisthenics: sono tra gli sport più richiesti sul web dagli italiani secondo le ricerche di Orangogo, che mappa gli sport in Italia. In un settore dove la digitalizzazione è ancora poco diffusa e la scelta delle attività spesso legata alla moda del momento e polarizzata verso i cosiddetti "sport maggiori", la presenza online indicizzata grazie ad un motore di ricerca dedicato racconta i cambiamenti. Così, pur restando lo "sport pop" per eccellenza, il gioco del calcio ha conquistato nel 2018 solo il gradino più basso del podio, superato dalla danza - medaglia d'oro - e, ancor più inaspettatamente, dallo yoga, in seconda posizione.

In termini percentuali la danza, con il 15,62% di ricerche, ha quasi doppiato il celeberrimo terzo classificato (8,01%). «La danza, sia nella sua accezione artistica che sportiva, offre una varietà incredibile di possibilità - ha spiegato Giulia Pettinau, fondatrice di Orangogo - e porta in dote il suo essere "trasversale", in termini di età e genere. Per questo ha tanto successo.» Ancora più sorprendente è il successo dello yoga che per molti definire sport è riduttivo o addirittura improprio. La pratica millenaria made in India che fa bene a corpo, postura, respiro e spiritualità rivela una tendenza introspettiva da parte dei nostri connazionali. Fare movimento, forse, non basta più: il tempo libero degli italiani pare orientato da un lato alla ricerca del benessere grazie allo yoga, dall'altro alla voglia di esprimersi attraverso le mille opportunità del ballo. Lo yoga è in grande crescita anche per i bambini (da lunedì 18 marzo alle 14.00 su DeAJunior (Sky, 623) c'è anche la seconda stagione di “Yo Yoga!”, il programma che ha come obiettivo quello di avvicinare i bambini allo yoga). Lo Yoga per i bambini è anche detto "Lila yoga", la parola sanscrita significa "gioco" ed è per questo che questa disciplina deve essere vissuta proprio come tale.

Diversa dalla lezione per adulti poiché soltanto giocando i bambini potranno divertirsi e imparare allo stesso tempo. Sin dalla tenera età lo Yoga aiuta a sviluppare la consapevolezza del proprio corpo e dello spazio, il rispetto per se stessi e per gli altri, la conoscenza di sé e la capacità di capire quando nasce il bisogno di rilassarsi. Come si svolge una lezione di Yoga per bambini A seconda dell'età dei bambini la durata di una lezione varia dai 30 ai 90 minuti, non c'è un'età precisa per iniziare a praticare Yoga. La lezione non è standard bensì varia a seconda dell'insegnante e dei partecipanti. Una fase iniziale di riscaldamento con successivi giochi divisi in squadre o a coppie, musica e danza, racconti di fiabe legate a tematiche sociali, mandala da colorare e pratica di asana (posizioni, posture) specifiche. Solitamente alla fine della lezione di Yoga per bambini - racconta il blog di Orangogo - c'è un momento di rilassamento e meditazione, nella società in cui viviamo questa parte non è assolutamente da sottovalutare. Per la lezione di Yoga l'abbigliamento dei bambini deve essere comodo e semplice, calzini antiscivolo e tappetino. Salutare per mente, corpo e spirito, medici e pediatri consigliano lo Yoga per stabilizzare le condizioni psico fisiche, a sviluppare le capacità cognitive e sociali dei bambini.

Da aiuto per i bimbi iperattivi, ansiosi, aggressivi, paurosi o che manifestano disturbi dell’attenzione e dell’apprendimento. Yoga, a cosa serve I bambini dell'era digitale purtroppo stanno a lungo seduti, il benessere nato dal movimento e dal rilassamento risulta fondamentale per la loro crescita. Lo Yoga equilibra la giornata del bambino grazie all'aspetto ludico, movimentato ma allo stesso tempo calmo e rilassante. I benefici che questa disciplina porta con sè sono molteplici, quelli più importanti che ogni genitore dovrebbe sapere sono: Riduce ansia, stress e aggressività del bambino; Migliora la sua concentrazione, stimola l'equilibrio e l'elasticità, sviluppa la consapevolezza del respiro e del proprio corpo; migliora la socializzazione; esprime al meglio emozioni e i suoi stati d'animo; stimola la capacità di apprendimento, crea condizioni di maggior concentrazione a scuola.


Scorrendo la classifica di Orangogo, dopo il calcio troviamo kick-boxing, nuoto, basket, ginnastica artistica, pallavolo, karate e tennis. Quanto al Calisthenics è una forma di allenamento a corpo libero duale (aerobica e anaerobica), a metà tra ginnastica artistica e street workout, in cui si sfrutta solo il peso del proprio corpo. Coniuga forza ed equilibrio, aumenta la padronanza del proprio corpo e la percezione di sé stessi. Un altro modo per allenare corpo e spirito.» Proprio come lo yoga e la danza, ma con maggiore fisicità.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Vacanze studio all’estero: «Ciaone» e zero contatti

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma