Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Sonno addio, in agguato “effetto jet lag” da fine vacanze: che fare

Sonno addio, in agguato “effetto jet lag” da fine vacanze: che fare
2 Minuti di Lettura
Venerdì 28 Agosto 2015, 21:05 - Ultimo aggiornamento: 31 Agosto, 17:21

Come se si tornasse da un viaggio dall'altra parte del mondo o, almeno, da un altro fuso orario: stanchi, sfasati, irritabili, appannati dal poco sonno. Contro il jet lag da vacanze in agguato serve almeno una giornata cuscinetto, una sorta di ammortizzatore da porre tra la fine delle ferie e il ritorno al lavoro.

Sarebbe meglio trascorrere un giorno in più a casa prima di tornare alle incombenze quotidiane, per affrontare con calma quelle più strettamente personali e riguardanti la famiglia.

E' uno dei consigli di Francesco Peverini, direttore scientifico della Fondazione per la ricerca e la cura dei disturbi del sonno onlus che ricorda come «le vacanze estive possano destibilizzare il ritmo sonno-veglia di un'intera famiglia, determinando, al ritorno dalle ferie, seri problemi nella ripresa delle abitudini quotidiane».

Secondo Peverini il primo allarme è provocato proprio dall'effetto lunedì: questo è il giorno della settimana che spesso coincide con la ripresa di tutte le attività. «Il cambiamento di ritmi durante le vacanze - aggiunge - comporta anche un'alterazione dei ritmi biologici dei principali ormoni che perdono la loro naturale sincronia. Si è esausti al mattino e formidabili la sera. Proprio come avveniva in vacanza».

In questo caso, secondo l'esperto, sarà fondamentale provare ad andare a letto prima del solito, anche un'ora o due, il sabato e la domenica. Altro accorgimento, spiega Peverini, quello di «tornare rapidamente a pasti regolari perché questo influenza positivamente l'orologio interno e migliora la gestione delle variazioni di fuso orario o degli orari di lavoro».

© RIPRODUZIONE RISERVATA