Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Maniglie dell'amore e pancetta
scoperte le basi genetiche

Maniglie dell'amore e pancetta scoperte le basi genetiche
1 Minuto di Lettura
Giovedì 30 Gennaio 2014, 20:08 - Ultimo aggiornamento: 4 Febbraio, 21:07
ROMA Che fare, arrendersi di fronte alla fastidiosa pancetta che non va via nonostante diete e ginnastica? Stando a quanto hanno scoperto i ricercatori dell'università di Lousville, negli Stati Uniti, l'adipe accumulato sul punto vita dipende effettivamente dal 30 al 60% da fattori genetici.
In una ricerca, pubblicata su «Human molecular genetics» gli scienziati hanno indi viduato quali geni sono coinvolti nel comandare un accumulo di grasso nelle donne. Dopo aver fatto una disamina di oltre 57.000 discendenti europei e scoperti 50.000 varianti in 2000 geni, hanno messo a fuoco una proteina in particolare, chiamata SHC1, che interagisce con 17 altre proteine che fanno crescere il tessuto adiposo esclusivamente su pancia e fianchi femminili.


Ecco spiegato scientificamente perchè per buttare giù la pancia bisogna fare più fatica. Non è solo una questione di stile di vita. «Pensiamo che la nostra scoperta possa essere utile in futuro per individuare un farmaco in grado di agire su questo meccanismo e, finalmente, eliminare la pancia abbondante, correlata con il rischio di incorrere in patologie cardiovascolari, diabete e tumori», dichiarano gli autori.
© RIPRODUZIONE RISERVATA