Boom medicina estetica tra il “complesso” del selfie e i nuovi trend

Sabato 12 Ottobre 2019
Chi ama la medicina estetica 'virà verso un modello di bellezza naturale, armonico e sofisticato, nel pieno rispetto di forme e volumi. Ma punta soprattutto a vedersi bella, o bello, nell'obiettivo della fotocamera dello smartphone, per un selfie perfetto. È quanto rivelano i dati dell'Osservatorio nazionale di Medicina estetica della società scientifica Agorà, riunita al suo XXI congresso a Milano.

Si conferma il trend di crescita delle richieste già registrato nel 2018: +3,3% degli uomini e +16,2% delle donne nel 2019 rispetto al 2018. Se però confrontiamo i dati a 10 anni, il 'boom' è più evidente: +25,4% di richieste maschili e quasi il 50% in più di quelle femminili. «I dati emersi dal nostro Osservatorio - spiega Alberto Massirone, presidente Agorà - rivelano come la medicina estetica segua, costantemente, un trend positivo: non si tratta di vanità o per rispondere a una società sempre più 'selfie oriented' ma di un desiderio comune di affrontare lo scorrere del tempo nel miglior modo possibile. Le richieste di trattamento nella fascia d'età 18-35 è sempre più preponderante. Ci si prende cura del proprio aspetto fin da giovani e giovanissimi a volte anche per superare il 'complesso dei selfie». 

Dando uno sguardo alla classifica dei trattamenti maggiormente richiesti svettano i filler, richiesti da oltre il 60% delle donne: grazie alla continua ricerca tecnologica i 'riempitivì sono sempre più dinamici e permettono, insieme a tecniche d'impianto sempre più avanzate, risultati efficaci, naturali e duraturi. Si conferma il successo della tossina botulinica per la distensione delle microrughe (microbotulino), della zona perioculare e per il trattamento dell'iperidrosi. Ma non solo: al terzo posto della nostra classifica si confermano i rivitalizzanti di nuova generazione che permettono un'idratazione e un nutrimento profondo della cute anche grazie a tecnologie long-lasting che permettono ai principi attivi di agire con continuità garantendo risultati e una qualità ottimale della cute. In netta crescita rispetto al 2018 la richiesta di trattamenti laser epilazione grazie a tecnologie sempre più performanti, sicure, veloci ed efficaci. I giovani sono in mondo a parte.

«Tra le top 5 delle maggiori richieste da parte di Millennials e Generazione Y - spiega Massirone - troviamo al primo posto, a pari merito per i due generi, la laser epilazione seguita immediatamente da una rivitalizzazione avanzata e profonda per le donne e dai peeling per gli uomini. Insomma, avere una pelle giovane fin da giovane risulta essere sicuramente un trend confermato mentre i nuovi sono sicuramente i trattamenti di zone inusuali e particolari quali fronte, braccia, ginocchia e piedi».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

L’asse Ficcardi–Cacciatore, la coppia che punta l’indice

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma