Mele e pere, sono qui le fibre
e gli antiossidanti di stagione

Mele e pere, sono qui le fibre e gli antiossidanti di stagione
2 Minuti di Lettura
Martedì 26 Novembre 2013, 14:22 - Ultimo aggiornamento: 21 Dicembre, 23:14

ROMA Se in estate mangiare molta frutta e verdura viene istintivo, naturale, grazie alle tante varietà offerte dalla stagione, ai loro colori attraenti, alla voglia di dolcezze e di qualcosa di fresco, in autunno e in inverno è importante non perdere questa abitudine. Il nostro organismo ha bisogno, infatti, per 365 giorni l'anno di amidi, vitamine, fibre, e sostanze antiossidanti, tutti principi attivi contenuti in abbondanza in frutta e verdura.

Walther Faedi, direttore dell'Unità di Ricerca per la frutticoltura di Forlì del Consiglio per la ricerca e la sperimentazione in agricoltura (il Cra), che ha portato avanti l'ultimo studio sui benefici della frutta e l'importanza di inserirla in modo costante nell'alimentazione, ha ricordato recentemente come la Fao, insieme all'Organizzazione Mondiale della Sanità, abbia più volte indicato una dose precisa di frutta e verdura da consumare ogni giorno.

Ogni individuo deve consumare - possibilmente - 400 grammi misti tra frutta e verdura al dì, divisi in cinque porzioni, per aiutare il proprio organismo a tenere lontane diverse tipologie di tumore, di infiammazioni intestinali, di disturbi respiratori e in alcuni casi anche di cataratta. In inverno, i frutti più diffusi nella Penisola e adatti a tutte le tasche sono soprattutto mele e pere.

Le mele, spiega lo studio di Faedi, sono ricche di acqua, fibre, vitamina A e C, sali minerali, potassio, magnesio, calcio. Questo frutto è indicato anche per chi segue un regime alimentare ipocalorico, perché povero di sodio e ricco di fibra che aumenta il senso di sazietà. La sua buccia non è da scartare: le pectine che contiene regolano infatti le attività intestinali e il livello di glicemia nel sangue.

Anche le pere sono ricche di fibre, sia solubili che insolubili: una porzione ne fornisce addirittura il 16% del fabbisogno giornaliero. Questo frutto, poi, aiuta grazie al potassio a prevenire depressione e stanchezza e grazie a calcio e fosforo a sostenere sistema scheletrico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA