Malinconia post natalizia, ecco i cibi che tirano su l'umore

Mercoledì 8 Gennaio 2020
Dopo stress natalizio e abbuffate di Capodanno, è bene rimettersi in riga con una dieta ma in modo equilibrato e non punitivo, e non pensando solo alla linea ma anche all'umore. Sono frequenti, dopo le festività, sensazioni come malinconia, stanchezza e cattivo umore. Per gli esperti questa sensazione ha un nome: «Sindrome da stress post natalizio». Può capitare infatti di vivere le feste come delle vere e proprie fatiche che generano tensione, e di provare al contempo malinconia quando sono terminate.

Numerosi studi scientifici hanno dimostrato che l'umore è anche una questione di chimica e si può veicolare a tavola con una serie di alimenti che contengono o stimolano la produzione di sostanze che aiutano il buonumore. Ciò che mettiamo ogni giorno nel piatto aiuta a mantenere in salute non solo il corpo, ma anche la mente. «I cibi giusti sono quelli ricchi di specifici micronutrienti (cioè presenti in piccole quantità) come le vitamine del gruppo B, la vitamina C, gli acidi grassi omega 3 e il triptofano (un aminoacido presente nella maggior parte delle proteine che assumiamo con gli alimenti) che migliorano umore, concentrazione e memoria», spiega Michelangelo Giampietro, medico specialista in Scienza dell'Alimentazione e in Medicina dello Sport.

Il triptofano, che ha un effetto positivo sullo stress, perché, in presenza di vitamine del gruppo B, di carboidrati e di ferro, aumenta la produzione della serotonina, è contenuto soprattutto nella Bresaola della Valtellina Igp. Mentre le uova sono ricche di vitamina D, vitamina E, zinco e Omega 3, e il rosso contiene vitamina B12. Le banane sono ricche di potassio e magnesio, sostanze che aiutano a ritrovare energia e benessere. Salmone e Tonno sono elisir del buonumore, ricchi di Omega 3, acidi grassi essenziali che vanno ad agire sulla serotonina e sono preziosi per il funzionamento del nostro cervello. Se si vuole poi restare leggeri e disintossicarsi le verdure vengono in aiuto.

E un minestrone può essere una soluzione all'insegna della leggerezza, un alleato del benessere, perché povero di grassi e calorie e naturalmente ricco di vitamine, sali minerali e fibre. Il minestrone è in cima alla lista dei cibi «detox», quei cibi che aiutano ad eliminare i liquidi in eccesso, e nelle versioni senza patate o fagioli, diventa un pasto leggero, con un basso contenuto calorico (circa 12 kcalorie per 100 grammi di prodotto cotto). E per evitare i lunghi tempi di preparazione, ne esistono anche ottime versioni surgelate.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Divisioni a due cifre: ricordate? Incubo per studenti (e genitori)

di Veronica Cursi

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma