Stagione dei funghi:
i consigli della Asl

Stagione dei funghi: i consigli della Asl
2 Minuti di Lettura
Giovedì 24 Ottobre 2013, 13:48 - Ultimo aggiornamento: 5 Novembre, 23:01

ROMA - Autunno, tempo di funghi. E' un vero piacere passeggiare nei boschi durante le giornate di sole, raccoglierli e poi tornare a casa e cucinarli. È fondamentale però, nel raccoglierli e nel cucinarli, accertarsi della loro commestibilità e soprattutto della non tossicità: anche l’occhio esperto può confondere il fungo buono con quello cattivo. I funghi non vanno, prima di tutto, raccolti indiscriminatamente, per non devastare l'equilibrio dell'ecosistema: la normativa stabilisce un limite di 3 Kg pro capite.

Vanno prelevati interi (non recisi), sani e senza utilizzare vanghe, zappe, uncini e strumenti vari che potrebbero danneggiare lo strato umifero del sottobosco. I funghi raccolti devono essere trasportati in contenitori rigidi e aerati (come i classici cestini di vimini) che consentono l'ulteriore disseminazione delle spore ed evitano fenomeni di compressione e di fermentazione. Gli esemplari sospetti vanno separati dai funghi già individuati come buoni affinché non li contaminino. Tutti i funghi commestibili vanno consumati ben cotti: quelli crudi sono scarsamente digeribili, se non addirittura velenosi.

Per esempio il comune chiodino (Armillaria mellea) è tossico da crudo e deve essere necessariamente pre-bollito per almeno 15 minuti prima della successiva cottura. Se si intende congelare i chiodini, il trattamento di prebollitura deve essere eseguito prima di procedere al congelamento. I funghi sono di difficile digeribilità anche per persone adulte e sane che devono mangiarne in quantità moderata, ed è bene evitare di farne consumare a bambini, donne in gravidanza o allattamento, anziani, persone che presentano intolleranza a particolari alimenti, farmaci o affette da patologie gastriche, epatiche, pancreatiche, renali, senza il consenso del medico.

Non tutti sanno che, al fine di evitare intossicazioni e avvelenamenti, le Aziende sanitarie locali hanno predisposto un servizio gratuito di controllo commestibilità da parte dei micologi dell'Ispettorato micologico del Dipartimento della Prevenzione. Per conoscere gli esperti più vicino è possibile consultare la sezione Sportelli sul sito micologi.it. Una volta che sarete tranquilli sulla qualità dei funghi raccolti «Buon appetito»!

© RIPRODUZIONE RISERVATA