Birra contaminata da glicole dietilenico: 4 morti e 22 avvelenamenti, i dieci marchi coinvolti

Martedì 28 Gennaio 2020
Birra contaminata da glicole dietilenico: 4 morti e 22 avvelenamenti, i dieci marchi coinvolti

Paura in Brasile per la birra contaminata da glicole dietilenico. Il Food Safety Network fa sapere che la sua presenza è stata accertata in 32 lotti di 10 diverse birre a marchio Backer (Belorizontina, Capixaba, Capitão Senra, Pele Vermelha, Fargo 46, Backer Pilsen, Brown, Backer D2, Corleone e Backer Trigo) e ha già prodotto 22 casi di avvelenamento e addirittura quattro morti accertati. I sintomi sono insufficienza renale, disturbi neurologici, nausea, vomito e dolore addominale. È emerso che ad essere stata contaminata è stata l’acqua usata nella produzione della birra: i lotti incriminati sono quelli usciti dalla fabbrica tra la metà di novembre 2019 e l’inizio di dicembre 2019.

LEGGI ANCHE --> Biscotti alla cannabis, via libera all'uso in molti alimenti: ecco i prodotti consentiti

Il glicole dietilenico è usato per umettare tabacco, sughero, colori per la stampa e colle. Può essere usato come antigelo se disciolto in acqua. Questo abbassa lievemente la temperatura di congelamento e alza di molto la temperatura di ebollizione. Inoltre può essere trovato in fluidi idraulici come il liquido freni. In passato è stato usato come edulcorante per addolcire il sapore del vino.
 

Ultimo aggiornamento: 16:11 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Che cosa fa litigare i negozianti e i padroni dei cani

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma