Il sequestro Moro intriga anche 40 anni dopo

Lo Speciale del Tg5
di Marco Castoro
Quei maledetti 55 giorni che misero in ginocchio lo Stato italiano e sancirono la fine prima dei cinque uomini della scorta e poi dello statista e presidente della Dc, Aldo Moro, sono ancora vivi nelle memoria dei telespettatori. Un fatto di cronaca scolpito con il sangue sulle pagine di storia. In occasione dell'anniversario dei 40 anni, chi prima, chi dopo, tutte le tv stanno realizzando speciali sul clamoroso sequestro che ancora oggi conserva dei lati oscuri.

Sabato sera  è stata la volta del Tg5 che ha confezionato un prodotto super, lo Speciale Aldo Moro quarant'anni fa. E gli ascolti hanno premiato lo sforzo della redazione con una media di 1.214.000 spettatori pari al 17,8% di share. Dati che hanno permesso allo speciale di vincere la seconda serata e  triplicare il successo del Biscione di sabato nell'access e prime time, rispettivamente con Striscia la Notizia e C'è posta per te. I due programmi hanno superato la prima puntata di Ballando con le stelle di Milly Carlucci: 5 milioni e mezzo contro 4,2 il responso dell'Auditel in favore di Maria De Filippi.

Ma del caso Moro si parlerà anche lunedì e mercoledì su La7 con due puntate di Atlantide curato da Andrea Purgatori. E sempre la Rai ha prodotto con Stand By Me di Simona Ercolani un docufilm che farà discutere Il Condannato - Cronaca di un sequestro di Ezio Mauro. Il tutto in attesa del ritorno di Michele Santoro che dedicherà al rapimento dello statista il ciclo di M su Raitre.
Lunedì 12 Marzo 2018 - Ultimo aggiornamento: 12:58

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2018-03-13 17:26:01
Ha ragione la figlia, meglio dimenticare. Queste commemorazioni sono strumentali, spesso costruite con enfasi sull’errore di considerare certi personaggi già santificati dall’opinione pubblica. Nel caso delle vittime del terrorismo sovente i giornalisti credono di essere à la page offrendo spazio ai criminali. È la stessa bestialità di certi sceneggiati rai che celebrano le figure di mafiosi. C’è un’inspiegabile smania per cui alle madri che ancora piangono si chiede se hanno perdonato gli assassini. Nel caso di moro la storia non è stata scritta, né forse si potrà scrivere, molti che la celebrano non erano nati e non l’hanno potuta studiare. Chi ha vissuto quell’epoca sa che la verità è stata taciuta e in gran parte se l’è portata nella tomba sereno freato.
2018-03-12 22:16:19
Bel termine "intriga". Cos'è, si sta forse parlando di un pettegolezzo? Portate rispetto. furono trucidate 6 persone da quei delinquenti terroristi.
2018-03-13 13:19:34
......e adesso vengono intervistati come star.......
2018-03-16 11:58:53
E non mostrano dispiacere soprattutto....
4
  • 6
QUICKMAP