Il Pd e il “prendere o lasciare” del M5S sul nome di Di Maio

di Marco Conti
ROMA Tra i depistaggi mediatici e gli equivoci post voto, ne brilla uno e riguarda la possibilità che il Pd ,o parte di esso, possa stringere un accordo con il M5S. Il dibattito è in corso e spacca i Dem con Renzi chiuso nel “no” e la minoranza interna che manda segnali a quella che considera  un’altra “costola della sinistra”. Il nodo non sufficientemente emerso è se i grillini siano o meno disposti a rinunciare alla candidatura di Luigi Di Maio a presidente del Consiglio pur di ottenere l’appoggio del Pd o di qualunque altro partito, che gli permetta di governare e attuare il programma.

In teoria, seguendo il motto che “uno vale uno”, il M5S potrebbe non avere problemi a proporre nomi alternativi.  L’impressione è però diversa e che, almeno per ora, si tratti di un “prendere o lasciare” dell’intero pacchetto con il quale il Movimento ha avuto successo alle ultime elezioni, ma non le ha vinte al punto da poter governare da solo. Quindi il Pd, o chi per esso, dovrebbe accettare Di Maio a palazzo Chigi, i sette-otto ministri già presentati al Quirinale e il programma di governo per intero e neppure nella soluzione light dei dieci punti proposta ieri l’altro e poi ritirata.

Complicato, forse, perché il Pd ha straperso ma rimane il secondo partito del Paese e perchè la Lega, altro partito che riceve e manda segnali ai pentastellati, ha anch’essa ottenuto un buon risultato. 

 
Mercoledì 7 Marzo 2018 - Ultimo aggiornamento: 12:37

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 7 commenti presenti
2018-03-07 18:50:08
Paradosso, chi perde sceglie.... Ahahahahahaha Dopo l'ennesima sparata di Scalfari questa è la più divertentre di tutte... Meglio di un film di Woody Allen
2018-03-07 19:15:20
non potrebbero neppure scegliere di restarsene all'opposizione? *** (; - BdV/Anchise
2018-03-08 08:19:02
È proprio così la politica, siete voi gli unici a non saperlo. Con Bersani, vi sareste trovati voi in questa favolosa posizione, che ogni partito edotto sogna: quella dell'ago della bilancia. Avreste potuto attuare molto del vostro programma, ammesso che ne abbiate avuto uno. Se uno strappa consensi con una campagna elettorale spregiudicata ed ignominiosa, a base di suggestioni mediatiche, di notizie false, di promesse assurde; se uno plagia il popolino che altro non aspetta che di essere plagiato. Che da il voto per una pacca sulla spalla, per la promessa del ritorno all'assistenzialismo, poi deve fare i conti colla realtà. Che vada da solo a dire ai suoi piccoli lavoratori autonomi che ha scherzato, che li ha presi in giro. Oppure si allei con qualcuno altrettanto spregiudicato.
2018-03-07 16:49:08
Prendere o lasciare sul nome Di Maio-io-io? Lasciareeeeeeeeee! *** (; - BdV/Anchise
2018-03-07 18:35:46
ma chi te vole ???????????????
QUICKMAP