Nessun uomo conosce così bene una donna come un'altra donna

Lunedì 24 Settembre 2018 di Roberto Gervaso
Il pregiudizio è un'opinione astiosa e faziosa, una mano tesa al fanatismo.
- Il gay: un Diogene che ha trovato finalmente l'uomo.
- «La migliore vendetta è il perdono». Oblio permettendo.
- Il genio è il talento sfuggito al controllo della mente.
- Come potrebbero i defunti riposare in pace, se la morte non fosse la fine di tutto?
- Malinconia: tristezza al crepuscolo.
- Il sogno del politico: essere cremato e chiuso in un'urna elettorale.
- È difficile conoscere noi stessi perché crediamo di essere migliori di quel che siamo.
- Tizio non è né un buono scrittore né un cattivo scrittore. E nemmeno uno scrittore mediocre. Semplicemente non è uno scrittore.
- A una donna la bellezza rende tutto più facile. A cominciare dai suoi costumi.
- Non c'è differenza tra chi è ricco e chi sta arricchendo. Vogliono entrambi ancora più denaro.
- Una coppia che si è appena innamorata è altrettanto goffa di una coppia che, non amandosi più, si rivede.
- Dio che ha prodotto in serie la maggior parte delle creature, ne ha plasmate alcune con criteri artigianali. Quelle portano la sua sigla. Queste, la sua firma. Ecco perché sono più belle.
- Le chiacchiere sono il sale della stupidità.
- Non è un genio, ma preferisce passare per imbecille che per mediocre.
- Si può anche pensare con chiarezza, ma parlare e scrivere con chiarezza è spesso fatale.
- Il brutto della conversazione è che bisogna anche saper ascoltare.
- Più che delle sue possibilità, vive al di sopra della sua intelligenza.
- E se Adamo avesse mangiato la mela solo per non dare un dispiacere a chi gliela aveva offerta?
- L'intuizione è una scintilla che scocca più dal cervello che dal cuore.
- «Impara l'arte e mettila da parte». Se ci riesci.
- È più facile provare rimorso per un tradimento non scoperto che per un'infedeltà smascherata.
- L'aforisma è il frutto di un'intuizione fulminante o di una spietata riflessione.
- Quanto più temo un pericolo, quanto meglio man mano che si avvicina, lo affronto.
- Le stelle si guardano forse senza chiedersi perché le guardiamo noi.
- Il tramonto mi fa fare sogni che non vorrei mai vedere realizzati.
- La pubblicità: una donna che promette i suoi favori. La grande pubblicità: una donna che li concede.
- Chi considera il sesso un peccato, o non sa cos'è il peccato o non ha mai conosciuto il vero sesso.
- L'umorista fa il solletico alla vita per renderla meno arcigna.
- Il primo spot pubblicitario nacque quando Eva offrì ad Adamo la prima mela e lui la mangiò.
- È più facile ridere degli altri che di se stessi. Ma è meglio sorridere di sé stessi che degli altri.
- La differenza fra la buona pubblicità e la cattiva è che, entrate tutt'e due nelle nostre case, la seconda ci esce dagli occhi.
- Nessun uomo conosce così bene una donna come un'altra donna.
- Ciò che rende ridicolo il nudo maschile è proprio ciò che piace alle donne.
- Temo di più chi guarda altrove che chi mi scruta.
- Quanti adulteri non abbiamo commesso per il timore di non poterli ricommettere con lo stesso entusiasmo e con la stessa fortuna! © RIPRODUZIONE RISERVATA