Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Allerta cinghiali, usiamo la crisi per licenziare gli incapaci

di Paolo Graldi
2 Minuti di Lettura
Venerdì 24 Giugno 2022, 00:04

Un filo di rabbia ragionata, una bella dose di disincanto, qualche cucchiaiata di sano malcontento: con questi ingredienti, purtroppo, ci ritroviamo a rimettere mano allo scandalo dei cinghiali in libertà. Dal Campidoglio è scesa l’idea per Villa Glori di rimuovere i cestini per la raccolta dei rifiuti, divenuti centri di ristorazione per i branchi di ungulati. Risultato: i cinghiali si nutrono di ciò che i cittadini, privati dei cestini, buttano dove possono. Tutto questo mentre sul web, trovano spazio le riprese dei saccheggi in quasi tutte le zone della città. L’altra sera, in una via della Balduina, via Fiesto Avieno, un motociclista ha chiamato la polizia col cellulare: «Sono sotto assedio. Salvatemi».

Un bimbo di due anni e mezzo, Giorgio, ha detto la stessa cosa: «Chiamiamo la polizia»: dal suo terrazzo vedeva 15 cinghiali che banchettavano intorno ai cassonetti stracolmi. La crisi dell’Ama, la raccolta quasi ferma, gli incendi dolosi alle discariche, hanno aggravato un fenomeno che ha dell’incredibile. Francamente inescusabile. E sul quale è come calata una resa da sfinimento civico. Incapacità basica. Non è proponibile per nessuna ragione che una sfilza di istituzioni dotate di esperti, di mezzi e di risorse non sia in grado, ormai da anni, di porre fine a un’invasione oltretutto assai pericolosa. Se la guerra ai cinghiali diventasse una unità di misura sull’efficienza degli enti preposti si osserverebbe un gigantesco esodo forzato di dirigenti. Tutti a casa gli incapaci. Qualcuno allora griderà «Evviva ai cinghiali».

graldi@hotmail.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA