Casamonica, maxi-processo: chiesta la conferma delle condanne. «Finisce lo strapotere del clan»

Associazione mafiosa, usura, estorsione, detenzione illegale di armi: tutte le accuse

Casamonica, maxi-processo: chiesta la conferma delle condanne. «Fine allo strapotere del clan»
3 Minuti di Lettura
Martedì 11 Ottobre 2022, 14:36 - Ultimo aggiornamento: 12 Ottobre, 09:54

Casamonica, ecco le candanne. Chiesta in Appello a Roma la conferma delle condanne di primo grado nei confronti del clan. Il sostituto procuratore generale Francesco Mollace, con i pm Giovanni Musarò e Stefano Luciani applicati nel procedimento, in aula ha ribadito le accuse per il clan, che vanno dall'associazione mafiosa dedita al traffico e allo spaccio di droga, all'estorsione, l'usura alla detenzione illegale di armi, e ha chiesto l'accoglimento dell'appello proposto dai pm sulle assoluzioni relative ad alcuni capi di imputazione. «L'indagine della procura di Roma ha posto fine allo strapotere dei Casamonica. Un clan da anni a braccetto con Banda della Magliana e poteri forti della capitale», ha detto Mollace nel suo intervento. Un clan, ha sottolineato il pm Musarò, «con una forza di intimidazione impressionante. La galassia Casamonica è quella peculiare struttura dell'organizzazione che porta i diversi gruppi ad unirsi quando c'è bisogno». In primo grado erano arrivate condanne per oltre 400 anni carcere.

Casamonica, la cantina delle torture a Roma: il clan minacciava così chi non pagava il pizzo

Casamonica, spaccio e soldi in contanti: arrestate a Roma tre donne appartenenti al clan

La condanna più alta, 30 anni, era stata comminata a Domenico Casamonica, ai vertici del clan romano. Fra i capi del clan, Giuseppe Casamonica in primo grado è stato condannato a 20 anni e 6 mesi. Condannato inoltre a 12 anni e 9 mesi Luciano Casamonica, a 25 anni e 9 mesi Salvatore Casamonica, a 23 anni e 8 mesi Pasquale Casamonica e a 19 anni Massimiliano Casamonica. Al maxi-processo si è arrivati dopo gli arresti compiuti dai carabinieri del Comando provinciale di Roma nell'ambito dell'indagine Gramigna, coordinata dal procuratore aggiunto della Dda Michele Prestipino e dai sostituti procuratori Musarò e Luciani.

 

Per i giudici di primo grado, «l'ampia istruttoria svolta ha investito il gruppo criminale Casamonica operante nella zona Appio-Tuscolana della città di Roma, con base operativa in vicolo di Porta Furba, inquadrandolo, tuttavia, in un contesto delinquenziale più ampio, che possiamo chiamare la “galassia Casamonica”​, dotata di un indiscusso «prestigio criminale» nel panorama delinquenziale romano». Dopo la requisitoria le parti civili hanno concluso associandosi alle richieste della procura generale. Ora la parola passerà, nell'udienza in programma domani, alle difese.

© RIPRODUZIONE RISERVATA