Tutti i concerti a Roma, da Raf e Tozzi al Parco all'Orchestraccia e ai figli del grande Jaco Pastorius...

Raf e Umberto Tozzi
di Fabrizio Zampa
19 Minuti di Lettura
Domenica 21 Novembre 2021, 20:01 - Ultimo aggiornamento: 20:38

LUNEDI’ 22 NOVEMBRE

Cantautori/Teatro Olimpico, omaggio a De André di Hotel Supramonte

Un remake integrale dell’album “Non al denaro non all’amore né al cielo”, a 50 anni dalla sua pubblicazione. Lo propone la band Hotel Supramonte, che prende il nome dalla canzone scritta da Faber dopo il suo rapimento in Sardegna, inserita nell’album “L’indiano” del 1981 (che il cantautore scrisse prendendo spunto dall’Antologia di Spoon River di Edgar Lee Masters) e ufficialmente riconosciuta dalla Fondazione De Andrè.

Il vocalist e chitarrista Luca Cionco, la vocalist Giorgia Zaccagni, i chitarristi Antonello Pacioni e Alessandro Errichetti, il tastierista Simone Temporali, la violinista Serena Di Meo, Roberto Vittori ai fiati e percussioni, il fisarmonicista Alessandro Famiani, il bassista Glauco Fantini e il batterista Edoardo Fabbretti (sono insieme dal 2013), con la collaborazione degli attori Pietro De Silva e Camilla Bianchini, offrono una rilettura attenta e rispettosa del disco in un tributo nel quale non manca qualche altro classico di Fabrizio.  

Teatro Olimpico, piazza Gentile da Fabriano 17, 06-3265991. ore 21

MARTEDI’ 23 NOVEMBRE

Jazz/Chet Hammond Trio: un tributo a Chet Baker

Il Chet Hammond Trio, ovvero Giambattista Gioia al flicorno, Emanuele Rizzo all’organo Hammond e Andrea Bonioli alla batteria, rivisita molti dei classici che Chet Baker, il celebre trombettista scomparso nel 1988, dai brani dei primi anni fino a pezzi più recenti, cercando di non tradire la proverbiale morbidezza del suono che aveva e il dinamismo ritmico melodico di chi lo accompagnava di volta in volta.

Elegance Cafè, via Francesco Carletti 5, elegancecafe.it, 06-57284458, ore 21,30

 

Jazz/La Jazz Station Band all’Alexanderplatz

La Jazz Station Band, un collettivo di musicisti jazz della scena romana e non, torna all'Alexanderplatz Jazz Club per un concerto che offre un repertorio del così detto "contemporary Jazz": composizioni originali dei protagonisti della scena newyorkese degli ultimi 30 anni e standard della tradizione jazzistica arrangiati in chiave moderna. La vera sorpresa della serata sarà la line up del gruppo, resa nota solo sul palco all'inizio del concerto, e vedrà la partecipazione contemporanea di musicisti di differenti generazioni.

Alexanderplatz Jazz Club, via Ostia 9, 06-86781296, ore 21.30

Musica/Andy’s Corner al Charity Cafè

Andrea Angelini, in arte Andy’s Corner, presenta il suo progetto solista acustico per voce, chitarra e armonica: un viaggio nella migliore musica anglo-americana (blues, rock, country…) in particolare degli anni ‘60 e ’70, ma non solo.

Charity Cafè, via Panisperna 68, 06-47825881, ore 22

MERCOLEDi’ 24 NOVEMBRE

Jazz/Andrea Gomellini all’Alex con “The Gift”

“The Gift” è l'ultimo lavoro discografico del chitarrista Andrea Gomellini: appena uscito per l'etichetta A.MA Records, ha già ottenuto consensi in italia e all'estero ed è riconosciuto come uno dei migliori lavori di jazz contemporaneo a livello europeo. Con il leader suonano il sassofonista Simone Alessandrini, il pianista Danilo Blaiotta, Jacopo Ferrazza al contrabbasso e Valerio Vantaggio alla batteria.

Alexanderplatz Jazz Club, via Ostia 9, 06-86781296, ore 21.30

Jazz/All’Elegance i grandi classici con i Jazz Tales

Jazz Tales vuol dire racconti jazz, e la formazione viene dall'incontro di tre musicisti fortemente legati dalle passione per il jazz e per le musiche improvvisate, nonché dalla voglia di rendere omaggio ad alcune delle più importanti figure che hanno segnato con i loro percorsi umani e musicali la storia del Novecento, da George Gershwin a Cole Porter, da Duke Ellington a Charles Mingus. La vocalist Gloria Trapani, il pianista Danilo Gambardella e il contrabbassista Alessandro Del Signore offrono i loro racconti in musica con un repertorio di brani famosi proposti con un linguaggio che rispetta la tradizione e si contamina di sonorità moderne.

Elegance Cafè, via Francesco Carletti 5, 06-57284458, ore 21,30

Blues/Al Charity il trio The Mojo Workers

Una notte di blues con i Mojo Workers, un nuovo trio composto da amici e musicisti che frequentano da tempo i palchi romani e italiani. Sono il vocalist e contrabbassista Giulio Giancristofaro, il chitarrista Vincenzo Grieco e il batterista Mimmo Antonini, e offrono un concerto in crescendo emotivo: si parte con brani dei padri del blues fra cui B. B. King e Little Walter, si va avanti con ritmi più aggressivi di Robert Johnson, Muddy Waters e Willie Dixon per arrivare al blues con incursioni nel funk.

Charity Cafè, via Panisperna 68, 06-47825881, ore 22

GIOVEDI’ 25 NOVEMBRE

Jazz/Il trio di David Kikoski live all’Alexanderplatz

David Kikoski, annata 1961, americano del New Jersey, è da lungo tempo uno dei più completi e efficaci pianisti della scena jazz internazionale, ha collaborato con Roy Haynes, John Scofield, Peter Erskine, Michael Brecker, Chris Potter, Joe Henderson, Dave Holland, Mike Stern, Jeff Tain Watts, John Patitucci, Toots Thielemans, Tom Harrell e tanti altri, il suo stile si collega a tante fonti e offre un distillato sapientemente equilibrato della storia del piano jazz. Stasera è in concerto in trio con il contrabbassista newyorkese Alexander Claffy, altro musicista più che collaudato, e il batterista napoletano Elio Coppola.

Alexanderplatz, via Ostia 9, 06-86781296, ore 21,30

Jazz/”El Viajero”, con Andrea Rea live al Charity

“El Viajero” è il quarto album di Andrea Rea, pianista campano d’origine e romano d’adozione. tra i più richiesti sulla scena jazzistica, collabora da anni con tanti musicisti, come Stefano Di Battista, Dianne Reeves e John Patitucci. In questo disco il filo conduttore è il viaggiatore che spazia tra i diversi generi e luoghi che il pianista partenopeo ha deciso di raccontare. Con lui, a presentare “El Viajero” dal vivo, suonano il contrabbassista Daniele Sorrentino e il batterista Lorenzo Tucci. Ognuno degli otto brani, tra i quali tre composizioni originali a firma del leader, si riallaccia a esperienze, avvenimenti e ricordi, da un omaggio alla musica sudamericana (Carlos Aguirre, Martin Rojas, Hamilton De Hollanda) a un ricordo di David Bowie.

Charity Cafè, via Panisperna 68, 06-47825881, stasera e domani, ore 22

Musica/Al Cotton Corvini & Young Art Jazz Ensemble

Questo concerto dello Young Art Jazz Ensemble, guidato dal trombonista Mario Corvini, è dedicato al mondo della composizione e della produzione di Quincy Jones, uno dei musicisti più influenti di questi ultimi cent’anni. Le sue produzioni vanno da Ray Charles a Frank Sinatra, Clifford Brown, Dinah Washington, Count Basie, band come Quintessence e Bossa Nova, Michael Jackson e molti altri, comprese l colonne sonore di film come “Il Colore Viola” e “Il Principe di Bel Air”. L’Ensemble eseguirà l’intero repertorio di Quincy Jones attraverso arrangiamenti classici e trascrizioni di arrangiamenti di alcuni elementi della formazione: quattro sax, tre trombe, due tromboni, tuba, quattro archi, chitarra, sezione ritmica.

Cotton Club, via Bellinzona 2, prenotazioni 349-0709468, ore 2130

Jazz/All’Elegance tutto Charlie Haden con In The Moment

L’idea di formare un trio sulla musica del contrabbassista Charlie Haden, gia con Ornette Coleman e poi con tante altre star e scomparso nel 2014, nasce dall’interesse del contrabbassista Mauro Nota per la liricità e la bellezza dei brani del musicista statunitense, che hanno trovato subito un empatia sonora con il sax tenore di Andrea Pace e la batteria di Massimiliano De Lucia. La formazione nata quasi per caso in una jam fra amici creò subito un sound naturale e autentico, adatto appunto alla musica di Haden.

Elegance Cafè, via Francesco Carletti 5, 06-57284458, ore 21.30

Jazz/Al teatro Arciliuto Edoardo Liberati presenta Syntetics

Il progetto "Syntetics" nasce nel 2019 e vede molte contaminazioni, con influenze del jazz e della musica latina. L’idea alla base è appunto quella di creare un filo conduttore tra generi comunque diversi: la diversità è un obiettivo principale, come in quadro un pittore ricerca colori anche se tra loro contrastanti. Il chitarrista e autore Edoardo Liberati, con il pianista Vittorio Solimene, il contrabbassista Alessandro Bintzios e il batterista Riccardo Inverardi Galli, lo propone live.

Teatro Arciliuto, piazza Montevecchio 5, 333-8568464, ore 21

VENERDI’ 26 NOVEMBRE

Jazz/Alla Casa il violino di Luca Ciarla, nome d'arte SolOrkestra

Luca Ciarla, molisano di Termoli, ridisegna i confini del violino jazz con un pedale loop, la sua voce e un uso sapiente dell’elettronica. Esegue da solo l’intero spartito della sua "band", suonando il violino come una chitarra, un violoncello o uno strumento a percussione. In questo fantasioso mondo musicale Luca canta, fischia, suona altri strumenti e aggiunge nuove improvvisazioni; la musica si evolve continuamente trasformandosi in un’affascinante solOrkestra. Violinista creativo e sorprendente, Ciarla si è esibito in quasi 70 paesi al mondo, dal Montreal al Melbourne Jazz Festival, dal Sudafrica agli Stati Uniti.

Casa del Jazz, viale di Porta Ardeatina 55, casadeljazz.com, 06-80241281 ore 21

Jazz/Giovanni e Matteo Cutiello in quintetto all’Alexanderplatz

Giovanni e Matteo Cutello sono due giovani musicisti di grande talento. Rispettivamente al sax alto e alla tromba, hanno affrontato il jazz all’età di 9 anni, hanno vinto il Premio Internazionale Massimo Urbani, hanno studiato dappertutto, compreso il Berklee College of Music di Boston, hanno suonato nei Festival Jazz della Repubblica Dominicana e di Panama, a New York e a Boston. con artisti internazionali come Danilo Perez, Ben Street, Joe Lovano, Marco Pignataro, Greg Hopkins, David Sanchez, Bob Mintzer, in Italia con Gegè Telesforo, Renzo Arbore, Dino Rubino, Francesco Cafiso, Roberto Gatto, Urban Fabula, Dado Moroni, Giovanni Mazzarino, Enrico Intra, e il progetto che presentano stavolta offre composizioni originali, frutto della loro esperienza americana, in uno stile che fa riferimento alla scena contemporanea del jazz, ma che fondamentalmente muove da loro stessi e dal loro istinto musicale. Con loro il pianista Giuseppe Vitale, il contrabbassista Pietro Pancella e il batterista Cesare Mangiocavallo.

Alexanderplatz, via Ostia 9, 06-86781296, ore 21.30

Folk Rock/L’Orchestraccia live al Largo Venue

L’Orchestraccia, che si definisce "gruppo itinerante delirante folk-rock romano", è una formazione nata dall'idea e dalla voglia di attori, cantanti e musicisti di unire le loro esperienze reciproche per creare una forma innovativa di spettacolo che comprenda musica e teatro in una lettura assolutamente attuale. Lo spunto è stato prendere dal folk degli autori romani tra Ottocento e Novecento tutte quelle canzoni e poesie che sono patrimonio della cultura italiana. Ne fanno parte Luca Angeletti, Roberto Angelini, Diego Bianchi, Giorgio Caputo, Marco Conidi, Edoardo Leo, Edoardo Pesce e tanti altri che si aggiungono al nucleo originario di volta in volta, e li accompagna una band composta da Riccardo Corso, Giovanni Di Cosimo, Gianfranco Mauto, Daniele Natrella e Matteo Pezzolet.

Largo Venue, via Biordo Michelotti 2, ore 21

Musica/Acquaraggia presenta “Pontifex, Dylan on the Great Wall”

Giuseppe Oliverio, in arte Acquaraggia (www.acquaraggia.it), propone un album che riprende lavori degli anni Sessanta e Settanta di Bob Dylan. Intitolato “Pontifex, Dylan on the Great Wall”, il disco riporta a un mondo mai realizzato, ma oggi più consapevole negli aspetti immaginifici e positivi che possano essere rispettosi dei diritti umani di tutti, e tocca il tema dei Ponti tra le Civiltà, con undici brani ripresi dalle canzoni più significative di Dylan (“Blowing in the wind”, “Knoking on the Heaven’s Doors”, “Lei Lady Lei”, “All along the Watchtower”…).

Il segreto è che i componenti della band di Acquaraggia sono affiancati da musicisti cinesi e tibetani che usano il Guzheng (una cetra a 21 corde, tipica delle orchestre che suonavano alla corte imperiale) o le risonanze delle campane tibetane, con testi scritti in tre lingue, cioè mandarino, italiano e inglese. Sul palco il Guzheng di Ilenia Fu Waying e le sue sonorità ancestrali, la chitarra acustica di Giuseppe Oliverio, il violino e la chitarra di Gabriele Savarese e il basso di Domenico Arcuri completano la formazione.

Teatro Arciliuto, piazza Montevecchio 5, 333-8568464, ore 21

Vintage/Al Cotton Club Lallo e i Fusi Orari

Il vocalist Lallo Circosta, già cantante lirico, e la band dei Fusi Orari offrono una serata all’insegna della comicità e delle risate, del loro mix fra teatro e musica. Lallo, annata 1968, e il suo gruppo hanno dato centinaia di spettacoli. La musica vintage e il coinvolgimento del pubblico sono gli ingredienti base della cosiddetta metafisica lalliana, che spazia dal cantautorato ai cartoni animati. Al suo fianco suonano il contrabbassista Fabio De Silvestre, il tastierista Andrea Rongioletti, il chitarrista Alex Massari e il batterista Massimiliano Rocca.

Cotton Club, via Bellinzona 2, info 349-0709468, ore 22

Rock/“Sensurround” del Trio Bobo sbarca all’Elegance

"Sensurround" è il nome di un sistema sonoro per il cinema brevettato negli anni 70 dalla Universal, il cui effetto era quello di circondare gli spettatori con le basse frequenze, rendendo la visione del film molto più intensa e reale, ma è anche il titolo dell’ultimo album del Trio Bovo, cioè il chitarrista Alessio Menconi, il bassista Faso e il batterista Christian Meyer (entrambi già con Elio e le Storie Tese). I tre, che nel disco hanno ospiti il pianista Stefano Bollani, la cantante e flautista indiana Varijashree Venugopal, i percussionisti Alex Pacho Rossi e Matteo Scarpettini, lo ripropongono e spiegano che è «un lavoro che punta a mettere definitivamente a fuoco lo stile peculiare e i concetti di una musica ben composta e registrata live da uomini in carne ed ossa come si faceva negli anni 70», ovvero la somma di tre anime che si muovono fra jazz, rock, blues, progressive, funk e anche un po’ di discomusic, il tutto condito con spezie estratte da ritmi africani».  

Elegance Cafè, via Francesco Carletti 5, 06-57284458, stasera e domani, ore 21.30

Jazz/Zeppetella e Fiorentino al Fara Music Festival

E’ tornato il "Fara Music Festival Autumn Edition", con una serie di concerti che vedono alternarsi formazioni della nuova generazione e figure di spicco del nostro jazz, più alcuni workshop di Fabio Zeppetella e Umberto Fiorentino (oggi, tema: linguaggio della chitarra jazz) e di Rosario Giuliani e Pietro Lussu (domani, tema: l’improvvisazione in duo, suonare in assenza di ritmica).

In concerto stasera sono sul palco i chitarristi Fabio Zeppetella e Umberto Fiorentino con il loro repertorio e i brani dell’album “Wordless Song”, l’ultimo progetto discografico dei due “Guitar Hero”, frutto di una spiccata ricerca armonica che apre la strada all’elettronica e al jazz contemporaneo.

Castelnuovo di Farfa (Rieti), Teatro Comunale, ore 18.30 e ore 21.30

Jazz/”Ciak si suona” al Teatro Cassia

E’ tornato il progetto “Ciak si suona”, rassegna di concerti organizzata dall’Associazione Ponte Milvio e dedicata al rapporto tra musica e cinema, ma non solo. Stasera c’è il Jazz Virtuoso Duo formato dal sassofonista Gianni Oddi e dal pianista Alessandro Bonanno, protagonisti del jazz italiano: il loro concerto propone i più celebri brani di compositori quali Gershwin, Ellington, Gillespie e D’Rivera, ma anche le colonne sonore di Ennio Morricone. Sono tutti appuntamenti a ingresso gratuito.

Teatro Ciak, via Cassia 692, ore 19 e ore 21

SABATO 27 NOVEMBRE

Jazz/All’Alex tributo dei figli al contrabbasso di Jaco Pastorius

Si chiama “Through Jaco Legacy Trio” la formazione che riunisce il batterista Julius Pastorius e il contrabbassista Felix Pastorius, figli di Jaco, lo storico contrabbassista la cui carriera prese il via con i Weather Report di Joe Zawinul, e il sassofonista soprano Josè Luis Santacruz. I tre musicisti si muovono in un contesto di interpretazione e improvvisazione basato sull'ascolto reciproco, in cui ognuno può prendere l'iniziativa all'interno di un concetto di libertà creativa portato al massimo grado di raffinatezza. In repertorio, ovviamente, le splendide e complesse composizioni di Jaco. Il trio suona nelle diverse parti strutturali dell'opera cambiandone l'ordine, riportandole con i riff più inaspettati, generando una continua sorpresa e assicurando con il loro virtuosismo un concerto di alto livello, da non mancare.

Alexanderplatz, via Ostia 9, 06-86781296, ore 21.30

Jazz/Voyage di Antonio Artese live alla Casa 

“Voyage” è una suite per quartetto jazz con dieci composizioni originali del pianista e compositore Antonio Artese. Ricerca armonica, swing, contrappunto e un'attenzione costante nelle capacità espressive di ogni singolo strumento sono alcuni dei punti di forza dell’ensemble, con Mirko Mariottini al clarinetto, Lello Pareti al contrabbasso e Alessandro Marzi alla batteria. Antonio Artese guida l’ascoltatore in un vero e proprio viaggio musicale dal grande impatto emotivo, attraverso l’esplorazione di linguaggi diversi, dalla tradizione classica al jazz sperimentale.

Casa del Jazz, viale di Porta Ardeatina 55, ore 21

Jazz/Giuliani e Lussu, omaggio a Parker al Fara Music Festival

E stasera arrivano il sassofonista  Rosario Giuliani e il pianista Pietro Lussu, che offrono un viaggio nell’immaginario e nella poetica di uno dei più grandi musicisti di tutti i tempi, il sassofonista Charlie Parker. Il loro è un sodalizio artistico di vecchia data, figlio della stima reciproca e anche di un profondo rapporto umano: un tuffo nell’intelletto di un grande musicista che parte dal rispetto per la tradizione. Ogni brano e ogni singola nota sono frutto di uno studio, di una riflessione che riporta in vita alcuni degli aspetti più nascosti di Parker, artista che ha lasciato un retaggio fondamentale non soltanto per la musica jazz. Il live proporrà brani provenienti dall’album “Tribute to Bird”, che ripropone una riflessione sul materiale all’insegna della personalità e dell’interplay tra i due musicisti. Nel pomeriggio il loro workshop.

Castelnuovo di Farfa (Rieti), Teatro Comunale, ore 18.30 e ore 21.30

Swing/Gianluca Guidi, tributo a Frank Sinatra e ai crooners

Un omaggio a Frank Sinatra e ai grandi crooner della musica americana: lo propone Gianluca Guidi, cantante, attore e regista, figlio d’arte (di Lauretta Masiero e Johnny Dorelli), che si muove dal teatro alla musica jazz, dalla radio alla televisione e si definisce ironicamente come “fantasista milanese di romana adozione e di borbonica indole”. Stasera dedica la serata a The Voice, accompagnato dal pianista Andrea Rea, dal contrabbassista Francesco Puglisi e dal batterista Amedeo Ariano, e offre uun bel viaggio tra i migliori brani dello swing e del jazz, immortalati da “Blue Eyes” e da altri famosi crooner statunitensi. La passione di Luca per Sinatra nasce da un baratto: molto tempo fa ha scambiato un album dei Ramones con il disco live del concerto di Frank al Madison Square Garden di New York del 1974, e da allora è nato un vero e proprio amore nei confronti di The Voice, che manterrà negli anni a dispetto delle tante mode passeggere.

Cotton Club, via Bellinzona 2, info 349-0709468, ore 22

Blues/Al Charity il Breezy Rodio Trio

Dopo undici anni al fianco della celebre star del Chicago Blues Linsey "The Hoochie Man" Alexander, dopo aver firmato un contratto con la casa discografica Delmark Records di Chicago e dopo essere stato nominato ai Blues Blast Music Awards del 2018 nella categoria "Rising Star of the Year", Breezy Rodio, nome d’arte del vocalist e chitarrista romano Fabrizio Rodio, continua a mescolare blues tradizionale e moderno con soul, rhythm & blues, swing e jazz. E’ in concerto con David Pintaldi al contrabbasso e Lorenzo Francocci alla batteria.

Charity Cafè, via Panisperna 68, 06-47825881, ore 22

Canzoni/Quelle romane a “Ciak si suona” con il trio Lallero

Un viaggio nelle canzoni tradizionali romane affidate del Trio Lallero, formato dalla voce di Raffaela Siniscalchi, una delle più eclettiche cantanti romane, dal chitarrista Massimo Antonietti e dal fisarmonicista Denis Negroponte, con un itinerario partecipe e appassionato che va da Romolo Balzani a Armando Trovajoli e a Gabriella Ferri.

Teatro Ciak, via Cassia 692, ore 21

DOMENICA 28 NOVEMBRE

Cantautori/Raf e Tozzi al Parco della Musica

Dopo il tour nei palasport di tutta Italia e l’evento che li ha visti a settembre all’Arena di Verona, Raf e Umberto Tozzi, che avrebbero dovuto esibirsi lo scoro maggio, torneranno sul palco insieme in un imperdibile tour nei teatri.

Due repertori indimenticabili, rivisitati a due voci, uniti all’atmosfera intima dei teatri, che si scalderà grazie a una scaletta straordinaria, in cui non potranno mancare i loro grandi successi, da “Gloria” a “Self Control”, da “Si può dare di più” a “Cosa resterà degli anni 80”, da “Infinito” a “Ti amo”, ma anche “Ti pretendo”, “Gli altri siamo noi”, “Il battito animale”, “Immensamente”, il loro ultimo brano a due “Come una danza” e molti altri, tra cui la super hit “Gente di Mare”. Insomma, il concerto di Raf/Tozzi, precedentemente previsto il 09 maggio 2021, il 30 ottobre 2020 e il 29 aprile 2020, è spostato a oggi. I biglietti già acquistati sulle vecchie date resteranno validi per la nuova data.

Parco della Musica, Sala Santa Cecilia, ore 21

Jazz/Alla Casa un omaggio ai fumetti di Jacovitti

Il mondo del fumetto e il jazz, l’immenso talento artistico di Benito Jacovitti, l’autore di Cocco Bill e di tanti altri personaggi, e lo swing del quartetto della vocalist e pianista Francesca Tandoi, con Daniele Cordisco alla chitarra, Daniele Sorrentino al contrabbasso e Giovanni Campanella alla batteria, special guest l’attore Stefano Sabelli: ecco la proposta di stasera. Molisano di Termoli, annata 1923, Jacovitti è entrato nell’immaginario collettivo, spesso si firmava con una lisca di pesce, amava il jazz e si divertiva a suonare la batteria. A volte disegnava ascoltando musica e tenendo il tempo con il pedale del charleston. Stasera rivive il mito del grande Jac.

Casa del Jazz, viale di Porta Ardeatina 55, casadeljazz.com, ore 21  

Jazz/All’Alexanderplatz il sestetto swing di Emanuele Urso

Il clarinettista, batterista e bandleader Emanuele Urso torna con il suo sestetto swing, una delle formazioni con le quali si esibisce. Sono Claudio Piselli al vibrafono, Daniele Pozzovio al pianoforte, Fabrizio Guarino alla chitarra, Alessio Urso al contrabbasso e Giovanni Cicchirillo alla batteria, con arrangiamenti della Swing Era e altri firmati dal leader. Ospite della serata il trombettista Lorenzo Soriano nella seconda parte del live, che vedrà Urso protagonista di un acrobatico show alla batteria.

Alexanderplatz, via Ostia 9, 338-7070737, ore 21.30

Jazz/All’Elegance le maschere del sax baritono di Abbadia

Il quartetto del sassofonista Andrea Abbadia (al baritono), con Lello Petrarca al pianoforte, Luca Varavallo al contrabbasso e Alex Perrone alla batteria, presenta dal vivo il suo album d’esordio “Maschere”. La band è nata ufficialmente per la registrazione del disco, partendo dal desiderio dei quattro di fare musica insieme, una speranza già coltivata nel tempo. Le composizioni e gli arrangiamenti sono di Abbadia, creati appositamente per il suono e le caratteristiche di ogni musicista del gruppo. Il titolo è di ispirazione pirandelliana: «Ognuno di noi – spiegano - quando si relaziona con gli altri indossa una maschera, non è mai realmente sé stesso, ma con la musica, in particolare con l’improvvisazione, questo non può accadere. Quando si suona si è nudi, ci si libera da ogni tipo di maschera».

Elegance Cafè, via Francesco Carletti 5, 06-57284458, ore 21.30

Musica/Brunch al Cotton con Lino Patruno e le sue mille storie

Il Cotton Club rilancia i brunch della domenica con una ricetta che prevede musica, storie e aneddoti all'ora di pranzo: questa è la nuova proposta. Oggi, con il blocco della circolazione fino alle 12.30, si comincia con il concerto alle 13.00, una pausa brunch alle 13.45 e poi la seconda parte. Il bandleader Lino Patruno al banjo, con la vocalist e pianista Silvia Manco, il clarinettista Raffaele Gaizo e il contrabbassista Light Palone, propone insieme al concerto una serie di storie di grandi artisti, personaggi e epoche della storia del jazz, un mix fra musica e narrazione per rivivere il clima degli anni '30 e '40 di New Orleans, del dixieland, dello swing e della nascita del jazz.

Cotton Club, via Bellinzona 2, info 349-0709468, ore 13 e ore 21

Jazz/Al Fara Music Festival Rocco Zifarelli e Pierpaolo Bisogno

Arriva al festival un progetto nato nel 2015 dall’incontro tra il chitarrista Rocco Zifarelli e il vibrafonista e percussionista Pierpaolo Bisogno. Zifarelli, dotato di una tecnica ineccepibile, è noto per la sua collaborazione ventennale con Ennio Morricone (con il quale ha girato il mondo suonando in prestigiosi teatri e registrando colonne sonore di molti film) e con tanti altri artisti, come Giorgia, Adriano Celentano, Ivano Fossati, Renato Zero. Molte le collaborazioni anche per il vibrafonista, percussionista e batterista salernitano Pierpaolo Bisogno, con musicisti come Mario Biondi, Greg Hutchinson, Peter Erskine, Randy Brecker, Michael Bubble, Daniele Silvestri. Secondo Rocco quella tra la chitarra e il vibrafono è quasi “un’attrazione fatale”: due strumenti dalle grandi potenzialità melodiche, ritmiche, timbriche ed armoniche. In repertorio brani originali e standard jazz riarrangiati, tratti dal repertorio sia classico che moderno.

Abbazia di Farfa (Rieti), Biblioteca Statale, ore 21.30

Musica/A “Ciak si suona” tributo alle colonne di Franco Zeffirelli

L’Ensemble Roma Sinfonietta diretto da Enrico Lombardi propone un omaggio al regista Franco Zeffirelli con le musiche composte da Alessio Vlad per i suoi film “Callas Forever” e “Omaggio a Roma”. Dello stesso compositore saranno eseguite anche le musiche per “L’assedio” di Bernardo Bertolucci (che hanno vinto il Globo d’Oro nel 1999 per la miglior colonna sonora), per “Tosca e le altre due” di Giorgio Ferrara e per “Nour” di Maurizio Zaccaro.

Teatro Ciak, via Cassia 692, ore 17.30

Blues/Aperitivo della domenica con il duo ManCon

Il blues ha influenzato tutta la cultura musicale occidentale e il duo ManCon Blues (il vocalist e chitarrista Marcello Convertini e il solista di armonica Max Manganelli) lo interpreta nella sua forma più genuina proponendo grandi classici, rivisitazioni e composizioni originali, rispettando e mantenendo le sue atmosfere originali.

Charity Cafè, via Panisperna 68, 06-47825881, ore 18.30

© RIPRODUZIONE RISERVATA