ROMA

Riapre il Teatro Manzoni, in scena il 4 maggio “Oggi è domani” con Paola Quattrini

Giovedì 29 Aprile 2021
Riapre il Teatro Manzoni, in scena il 4 maggio Oggi è domani con Paola Quattrini

Il Teatro Manzoni di Roma riaprirà il 4 maggio con lo spettacolo “Oggi è già domani” di Paola Quattrini, fino al 23 maggio alle ore 18,30, nel quale l'attrice interpreterà Dora Valenti, una casalinga con un marito distratto e due figli assenti. “Oggi è domani”, scritta da Willy Russel nella versione italiana di Jaja Fiastri, invita lo spettatore a guardare al domani con speranza senza fare rinuncie.

Venezia, l'architettura al tempo della resilienza, presentato il Padiglione Italia

Un monologo ricco di ironia e spessore, che vede la casalinga Dora Valenti riflettere sulla sua esistenza parlando con un insolito interlocutore: il muro della cucina. Dora confida sogni, desideri e felici ricordi, finché un bel giorno, pianta in asso la famiglia ingrata e parte per un’esotica avventura in Grecia, lì scoglio in riva al mare diventerà il suo nuovo confidente, trasformando il suo oggi in un bellissimo domani.

«Si torna alla normalità». I primi spettatori del Teatro dell’Opera di Roma

La Quattrini ha definito "Oggi è domani" come un piccolo gioiello, dove vengono rappresentate almeno una ventina di persone. «La speranza, la voglia di rinascita e rivincita di Dora è un po’ anche la nostra e credo non ci sia momento migliore per rappresentarlo» ha dichiarato Paola Quattrini.

Il maestro Chailly riaprirà al pubblico la Scala il 10 maggio, l'11 Muti con i Wiener
«Sono felicissima di tornare in scena con Oggi è già domani, che è lo spettacolo ideale per tornare a sognare» ha detto la Quattrini «Il mio grazie va a Pietro Longhi direttore artistico del Teatro Manzoni e al produttore Pietro Mezzasoma che nonostante le restrizioni, i distanziamenti, la fatica, hanno voluto fortemente dare un segnale di speranza. Un primo, importantissimo passo che sono contenta di poter fare in prima persona, testimoniando questa ri-nascita. Non importa quante persone potranno esserci: io reciterò con lo stesso impegno e con tutta me stessa, come se fossero mille».

Con Livermore, Calenda e il catalano Carlus Padrissa, riparte l'Inda di Siracusa

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA